Fiba-Confesercenti Toscana

“Sto con Piombino”, la campagna di solidarietà per il turismo balneare

L'iniziativa vuole sensibilizzare imprenditori e cittadini del pericolo rappresentato dai ricorsi dell'Antitrust contro l'estensione delle concessioni al 2033

Fiba-Confesercenti Toscana lancia la campagna di solidarietà “Sto con Piombino” per sensibilizzare i cittadini sui gravi attacchi subìti dai titolari di stabilimenti balneari. Nella località toscana, infatti, l’Autorità garante della concorrenza ha presentato ricorso contro l’estensione delle concessioni demaniali marittime al 2033, già accolto dal Tar e ora in attesa di pronunciamento da parte del Consiglio di Stato.

«L’hashtag #stoconPiombino lo lanciamo al modo di noi toscani, senza “io”, perché vorremmo si capisse che non è uno slogan di parte, ma di tutti i balneari che credono di dover difendere non solo la loro concessione, bensì tutto il sistema turistico italiano», spiega Stefano Gazzoli, presidente di Fiba-Confesercenti Toscana, che invita imprenditori turistici e comuni cittadini ad aderire alla campagna. La richiesta dell’associazione è di «diffondere il messaggio #stoconPiombino, perché farci vedere uniti, cosa non sempre scontata, rende più forte il messaggio stesso e rende più forte chi va avanti, rende più concreto un “sì” e più difficile un “no”. Chiunque voglia essere della partita condivida il logo sul suo profilo social, dichiarandosi a favore dei bagni di Piombino che ad oggi rischiano di vedere la loro concessione terminare il 30 settembre 2021, nonostante gli stessi concessionari abbiano già ricevuto dal loro Comune l’estensione al 2033».

«Il caso di Piombino non è un caso a sé, ma il caso di tutti: purtroppo infatti la stessa battaglia si aprirà per tanti altri Comuni», aggiunge Gazzoli, riferendosi ai tanti ricorsi che l’Agcm ha presentato nei confronti di altre amministrazioni locali sempre per avere applicato la legge italiana che dispone l’estensione delle concessioni fino al 2033. «Piombino è stato solo il primo Comune a finire al Tar, purtroppo ricevendo sentenza negativa, e sarà il primo a finire al Consiglio di Stato con uno zaino pesante sulle spalle».

«I balneari di Piombino hanno effettuato di recente le ricostruzioni totali degli stabilimenti dopo la distruzione del litorale avvenuta nell’autunno 2018 e si meritano ogni difesa possibile. Fiba-Confesercenti Toscana, con l’appoggio di Fiba nazionale, dopo avere dato una mano ai balneari di Piombino in sede di Tar, ora si è costituita al Consiglio di Stato contro la sentenza espressa dal tribunale amministrativo toscano», conclude Gazzoli.

© Riproduzione Riservata

Fiba Confesercenti

Fiba (Federazione italiana imprese balneari) è la federazione sindacale di categoria degli stabilimenti balneari, in seno a Confesercenti.
Seguilo sui social: