Friuli Venezia Giulia

Spiagge, Callari (Fvg): “Salvare stagione 2024 con proroga e ripascimenti, poi gare”

L'assessore regionale fa il punto sulle concessioni balneari e i danni delle mareggiate

«L’obiettivo della Regione Friuli Venezia Giulia è salvaguardare la stagione balneare 2024, ripristinare le spiagge danneggiate dall’eccezionale mareggiata della scorsa settimana e tutelare i Comuni con una proroga tecnica per il tempo necessario a esperire i bandi di gara a partire dall’anno prossimo, in attesa che il governo adotti le linee guida. In questa fase serve unità di intenti e un approccio prudenziale». È il messaggio che l’assessore regionale al patrimonio Sebastiano Callari ha rivolto agli amministratori e ai funzionari dei Comuni costieri su cui insistono concessioni demaniali a uso turistico-ricreativo. «Non abbiamo ancora una risposta certa da parte del governo. Per questo all’ultimo tavolo sul demanio della Conferenza delle Regioni abbiamo condiviso la necessità di aprire alle procedure di gara e salvaguardare la prossima stagione, intervenendo anche sul ripristino delle spiagge erose dall’eccezionale maltempo. Su quest’ultimo punto la Regione sta valutando l’ammontare delle risorse necessarie per il ripascimento dell’arenile. In un prossimo tavolo tecnico tra tutti gli assessorati coinvolti verrà condivisa la cornice di una norma da inserire nella legge finanziaria 2024 che definisca le risorse e le procedure con cui fornire un primo sostegno agli interventi».

Nella stessa legge finanziaria, aggiunge la nota, «la Regione vorrebbe includere la proroga tecnica finalizzata all’avvio delle gare delle concessioni che consentirebbe di superare in via prudenziale almeno per un altro anno l’impasse giuridica in cui si trova il settore. Secondo quanto ha stabilito il Consiglio di Stato, le concessioni demaniali per finalità turistico-ricreative già in essere continuano a essere efficaci sino al 31 dicembre 2023, fermo restando che, oltre tale data, anche in assenza di una disciplina legislativa, queste cesseranno di produrre effetti, nonostante qualsiasi eventuale ulteriore proroga legislativa che dovesse nel frattempo intervenire, la quale andrebbe considerata senza effetto perché in contrasto con le norme dell’ordinamento comunitario». Su questo aspetto, pertanto, Callari ha ribadito che «solo a partire dal 1° gennaio 2024 gli enti potranno attivare le procedure necessarie per mettere a gara le concessioni, in maniera unitaria, sperando che nel frattempo vengano emanate le norme statali in materia».

La Regione intende anche attivare un comitato tecnico valutativo, già previsto dalla normativa regionale, che potrà fornire un supporto tecnico agli enti locali soprattutto nella definizione dei criteri di assegnazione delle concessioni, in assenza di indicazioni specifiche dettate a livello nazionale. «Sono un convinto sostenitore della concorrenza come valore di qualsiasi società liberale, e in quanto tale va salvaguardata», ha concluso Callari. «Ma il tema delle concessioni balneari assume una rilevanza fondamentale per l’economia italiana che insiste sul comparto turistico, dove sono coinvolti migliaia di posti di lavoro. La concorrenza pertanto va governata affinché le nostre spiagge non finiscano nelle mani sbagliate magari di qualche fondo internazionale».

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: