Quegli isolotti in mezzo al mare (tutti italiani!) per la difesa della costa

Questo articolo fa parte di "Granelli di sabbia"

Divagazioni su processi, forme e tematiche ambientali della spiaggia. Una rubrica a cura del GNRAC.

Condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Finale Ligure: si vede bene la cuspide formata a tergo di una piattaforma-isola, i cui massi sporgono appena dalla superficie del mare, se non altro per la sicurezza della navigazione.

Abbiamo visto che i massi naturali e i blocchi artificiali che scarichiamo in mare per difendere la costa posso andare a costituire le opere più diverse: pennelli a I, L, Y, scogliere parallele completamente emerse, tracimabili, sommerse e a doppia berma, e anche in questo caso in Italia abbiamo delle strutture che raramente si trovano in altri paesi: sono le piattaforme-isola. Come dietro alle isole naturali, se di dimensioni opportune e alla giusta distanza dalla costa, si possono formare dei salienti o dei tomboli di sabbia, e lo stesso accade se l’isola la costruiamo noi.

Potremmo immaginarle come brevi scogliere parallele costruite nella zona dei frangenti, delle quali rimangono solo le estremità che inducono la diffrazione delle onde, che così s’incurvano per incontrarsi nella zone protetta. Questo genera un flusso sedimentario convergente che va a formare un saliente.

L’isola circolare determina, sui due lati, una rotazione dei fronti d’onda che vanno a convergere dietro l’ostacolo, innescando correnti di trasporto sedimentario convergenti. Le onde riflesse divergenti non interferiscono con quelle incidenti su di un’unica linea, come avviene con le scogliere parallele, tanto che si ha una minore turbolenza.

Come per le scogliere parallele, dimensioni e distanza da riva concorrono nel determinare la risposta della spiaggia: se piccole o lontane non hanno nessun effetto, se grandi o vicine inducono la formazione di un tombolo, mentre, nelle condizioni intermedie, generano un saliente più o meno pronunciato. È quest’ultima la configurazione ottimale.

Anche se di diametro notevole, le piattaforma-isola non hanno gli effetti collaterali negativi delle scogliere parallele, e in particolare non presentano scalzamento alla base esterna. Questo perché ciascun’onda raggiunge i diversi punti dell’opera circolare in momenti diversi e l’onda riflessa assume anch’essa una forma circolare e viene diffusa: non si ha quindi quella turbolenza che si genera davanti alle parallele per lo scontro su di una stessa linea delle onde incidenti con quelle riflesse.

In Italia ne sono state costruite molte negli anni ’60 e ’70, in particolare in Liguria, e in genere venivano rinforzate e stabilizzate al centro con un anello di calcestruzzo.

Loano, 1967: primi effetti della costruzione delle piattaforme-isola (foto del progettista G. Berriolo).
Una piattaforma-isola con anello centrale in calcestruzzo realizzata a Pietra Ligure nel 1968 e tuttora collegata a riva.

La costruzione in genere avviene da terra e questo fornisce l’occasione per lasciare un collegamento sommerso che aiuti l’intercettazione dei sedimenti; ma anche l’eventuale tombolo che si dovesse formare deve rimanere semisommerso o, comunque, tracimabile, perché queste opere sono pensate per stabilizzare la spiaggia senza interrompere il trasporto litoraneo che, durante le mareggiate, deve proseguire sia davanti sia dietro le isole.

Un’applicazione particolare si ha quando vi è la necessità di “tirare” verso il largo la linea di riva, come è stato fatto a Gioiosa Marea (Sicilia) per allontanare il mare da una curva della ferrovia, o a Cala Gonone (Sardegna) per avere una spiaggia più ampia davanti a una falesia instabile.

Gioiosa Marea, 2007: subito dopo la costruzione, il mare ha riportato un po’ della sabbia di ripascimento sopra alla piattaforma-isola (foto del progettista G. Sirito).

Sullo stesso principio funzionano le secche artificiali, oggi più utilizzate e che proteggono un po’ meno la spiaggia ma, non avendo impatto sul paesaggio, possono avere anche dimensioni maggiori; potremmo dire che sono la versione “soft” delle piattaforme-isola. Anche in questo caso la Liguria è all’avanguardia nella loro utilizzazione, con interventi a Borgo Verezzi, Pietra Ligure e Borghetto Santo Spirito, mentre sono di imminente realizzazione a Vado Ligure e a Riva Trigoso.

È evidente che queste opere non creano la sabbia e, se non vogliamo indurre l’erosione nei settori adiacenti, bisogna affiancarle con un ripascimento artificiale. Che non creino la sabbia lo si vede bene ad Acciaroli, dove non riescono certo a bilanciare l’effetto creato dal porto.

Piattaforme-isola sottoflutto al porto di Acciaroli: potranno dissipare un po’ dell’energia del moto ondoso, ma se non c’è sabbia, non esiste opera di difesa che la crei!

In un precedente “Granello di sabbia”, e anche all’inizio di questo, abbiamo notato come i diversi paesi siano affezionati a specifiche opere di difesa costiera; lo strano è che la stessa cosa la si rilevi fra le regioni italiane. Avevamo intitolato l’articolo sui pennelli permeabili “Paese che vai, difesa che trovi”; dobbiamo ora correggerci e dire “Regione che vai, difesa che trovi!”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altri articoli dalla rubrica "Granelli di sabbia"

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *