Lazio

Ostia, Comune mette a gara 37 stabilimenti balneari: “Concessioni scadute”

Aperti a sorpresa i bandi per riassegnare le concessioni: la giunta Raggi si rifiuta di applicare il prolungamento al 2033 e chiede offerte da nuovi imprenditori, per una sola stagione estiva.

Il Comune di Roma ha aperto i bandi di gara per 37 stabilimenti balneari situati sul litorale di Ostia. Senza fare nessun annuncio pubblico né inviare alcun preavviso ai titolari, l’amministrazione capitolina ha pubblicato gli avvisi di evidenza pubblica per riassegnare le concessioni demaniali marittime del litorale romano, ritenendo che i titoli siano in scadenza il prossimo 31 dicembre. La scelta del Campidoglio è molto radicale: la sindaca Virginia Raggi, infatti, non solo ha ritenuto di non applicare la legge nazionale 145/2018, che ha disposto l’estensione delle concessioni vigenti fino al 31 dicembre 2033, ma ha addirittura aperto a sorpresa i bandi di gara immediati, al contrario di altri Comuni costieri (come Lecce e Sestri Levante) che pur rifiutandosi di applicare il prolungamento al 2033, hanno proposto delle “proroghe tecniche” di uno o tre anni. La scelta del Comune di Roma, oltre che illegittima per una serie di motivi tecnici che andremo ad approfondire in questo articolo, appare oltretutto assurda dal momento che si rifiuta di applicare una norma in vigore e voluta peraltro dal governo retto dal Movimento 5 Stelle, di cui la stessa Raggi è uno degli esponenti di spicco.

I contenuti del bando

L’avviso di gara è stato pubblicato due giorni fa sull’albo pretorio online del Comune di Roma. Intitolata “Bando per l’affidamento di 37 concessioni di beni demaniali marittimi siti nel Municipio X di Roma Capitale per finalità turistiche e ricreative”, la determina dirigenziale è stata firmata dal direttore del X Municipio e responsabile unico del procedimento, l’architetto Giacomo Guastella, e afferma che le 37 concessioni demaniali risultano «in scadenza naturale al 31 dicembre 2020», riferendosi alla data della precedente proroga disposta dal governo Monti e ignorando l’esistenza dell’estensione al 2033 decisa due anni fa dal governo Lega-5Stelle.

Il Comune propone l’affidamento delle concessioni per una sola stagione, dal 1° maggio al 30 settembre 2021, e gli interessati potranno partecipare alla gara per uno soltanto dei 37 stabilimenti, inviando domanda attraverso la piattaforma digitale Tuttogare del Comune di Roma entro le ore 12 del 15 marzo 2021. L’avviso non accenna nemmeno a eventuali indennizzi per i concessionari uscenti, mentre definisce tutti i criteri per la selezione delle migliori offerte, che non saranno su base economica bensì si baseranno sulla qualità dei progetti presentati. Anche se risulta difficile immaginare che degli imprenditori esterni saranno disposti a presentare offerte su strutture del genere per una sola stagione estiva.

Gli stabilimenti messi a gara

I 37 stabilimenti balneari oggetto della gara sono Aneme e Core, Arcobaleno Beach, Battistini, Belsito, Delfino, Dopolavoro, Elmi, Guerrino Er Marinaro, Il Bungalow, Il Corsaro, Il Gabbiano, Isola Fiorita, Kursaal, L’Ancora, L’Oasi, La Bicocca, La Bonaccia, La Bussola, La Caletta, La Casetta, La Conchiglia, La Marinella, La Mariposa, La Spiaggia, La Spiaggia di Bettina, La Vecchia Pineta, La Vela, Le Palme, Mami, Miami, Nauticlub, Orsa Maggiore, Peppino a Mare, Plinius, Urbinati, V Lounge, Zenit. Di questi, lo stabilimento L’Isola Fiorita è senza concessionario dal 2018 e La Casetta è stato protagonista di un lungo contenzioso. Tutti gli altri sono stabilimenti in attività, i cui titolari non avevano ancora ottenuto formalmente l’estensione al 2033 prevista dalla legge italiana, ma non si aspettavano di certo che sotto Natale il Comune di Roma mettesse a gara le loro attività. E vista appunto l’esistenza del prolungamento di 15 anni, oggetto di una messa in mora da parte dell’Unione europea ma tuttora norma valida e in vigore, è scontato che gli imprenditori presenteranno ricorso contro la decisione del Campidoglio.

Per approfondire, scarica il testo del bando in pdf »

I commenti

Piero Bellandi, commercialista e revisore legale specializzato in valutazioni di imprese balneari, giudica la delibera del Comune di Roma «del tutto illegittima». Infatti, motiva Bellandi, «l’atto del funzionario si basa sul Codice degli appalti e non sull’articolo 12 della direttiva Bolkestein, così tanto invocato (seppure a torto) da chi vorrebbe istituire le gare delle concessioni balneari. Oltretutto, come ribadito anche da una recentissima sentenza del Consiglio di Stato, se proprio si vogliono mettere le spiagge a evidenza pubblica, occorre basarsi sul Codice della navigazione e non su quello degli appalti». Non solo: «Prima di aprire la procedura di gara per riassegnare una concessione – conclude Bellandi – occorre disporre la decadenza del vecchio titolo. Anche se il funzionario ritiene di disapplicare la 145/2018, non basta ritenere valida la scadenza del 31 dicembre 2020, bensì occorre emettere una serie di atti per far decadere la concessione prima di poterla mettere a bando. Ma ovviamente questo non è possibile, poiché l’estensione al 2033 è valida e in vigore, essendo stata confermata dalla legge 77/2020 che la delibera non prende nemmeno in considerazione. Quindi i titolari dei 37 stabilimenti balneari hanno tutte le ragioni per presentare ricorso».

Sul fronte politico, ad attaccare la clamorosa azione del Campidoglio è intervenuto il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri: «La Raggi dopo il fallimento della sua gestione si inventa norme giuridiche inesistenti e indice, in base a normative che al caso non si possono applicare, gare per le concessioni balneari del litorale romano. Le leggi non le consentono questa scelta e le imprese vanno tutelate, non disturbate con iniziative temerarie, velleitarie e illegali. Il Comune di Roma pensi al decoro della città, al sostegno alle imprese, all’economia turistica che deve essere rilanciata dopo una fase così dura e ancora non esaurita quale quella del coronavirus. Le gare annunciate dalla Raggi sono ridicole e non si svolgeranno. Tutti i bandi che lei potrà emettere dovranno essere appallottolati e gettati in un cestino della carta straccia, perché non hanno alcun fondamento giuridico. Tuteleremo le imprese e, quando tra qualche mese la Raggi tornerà a casa, ci ricorderemo ridendo di questo suo inutile tentativo ridicolo. La Raggi è stata una sciagura a tempo per Roma. Tra qualche settimana quel tempo sarà scaduto».

Infine, da parte delle associazioni di categoria è arrivata la dura condanna dei presidenti di Sib-Confcommercio Antonio Capacchione e di Fiba-Confesercenti Maurizio Rustignoli, secondo cui «l’iniziativa del Comune di Roma che ha bandito una gara per l’affidamento di 37 stabilimenti balneari legalmente esistenti e perfettamente operanti è palesemente illegittima, odiosamente ingiusta, pericolosamente arbitraria e turisticamente nociva». Leggi il comunicato completo »

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Avatar

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. Avatar

    La raggi oltre che dar contro al suo governo non rispetta neanche le promesse elettorali del suo partito visto che alle nazionali erano proprio loro a proporre i 15 anni di proroga e poi le aste…..io penso che cerca solo consensi per le comunali ma forse era meglio se cercava di lavorare come si deve prima invece di mandare una città a rotoli e ora cercare di fare il proprio interesse anche sulle spalle oramai piccole del suo partito…

  2. Avatar

    Poi la stupidità di un bando fatto per un anno !!! Ma l’anno capito o no che i fabbricati e l’attrezzatura e del bagnino che piuttosto di lasciarla gli darà fuoco ……a già voi 5 stelle siete convinti che almeno un milione o 2 in una stagione si prende vero?

  3. Avatar

    A prescindere dalla legittimità o meno delle aste credo che nessun imprenditore serio possa essere interessato ad una concessione di 1 anno. Non ci sono margini di guadagno perché dovrebbe sostenere costi che in genere si recuperano in svariati anni.

  4. Avatar

    il costruito è incamerato dal demagno quindi si può giusto dargli fuoco…chi distrugge il bene, pubblico, fa un reato che precluderà la partecipazione ai bandi e chi lo fa è perchè sa già che con una comparazione trasparente perderà l’attività

  5. Avatar

    Intanto il bene pubblico come dici tu lo abbiamo pagato noi cara !!! Non lo stato ,volete anche i lettini tanto a voi e tutto dovuto vero ? È l’avviamento? Lai avviata te stellina bella ?

  6. Avatar

    I lettini Luca te li puoi portare anche via come il resto e non avresti dovuto costruire niente di fisso sulla spiaggia e invece un ricovero degli attrezzi di là, un bagno in più di qua e avete fatto delle strutture che poco si adattano alla spiaggia…portale pure via oppure dagli fuoco perché nessuno le pagherà e ormai siamo in dirittura di arrivo.

    • Avatar

      Come o già detto più volte to DIARIO non sai neanche di cosa parli sia a livello di concessioni che è soprattutto di fare impresa!!! Comunque io la spiaggia c’e lo in Romagna dove gli accessi sono liberi e abusi non c’è ne sono perché capitaneria e forze dell’ordine qui il loro lavoro lo fanno dove i servizi come bagni,docce ecc. Vengono dati a tutti anche non clienti e in molti casi gratis…..e poi caro che sia 1 o 4 o 6 anni non bastano per riaprire una spiaggia da zero ricomprare tutto e ricavarne un profitto! Guarda che le attrezzature costano ” o anche quelle è giusto che ve le regalino?” Tanto a voi e tutto dovuto….è il tuo stereotipo di impresa che non è sostenibile non il nostro.

  7. Avatar

    Leggendo il bando sembra che la durata sia di 4 anni ed è interessante che tra i criteri ci sia il ripristino degli accessi e poi è richiesto il deposito di una cauzione per il ripristino dei luoghi…con questa iniziativa si incamerano i soldi per smontare le strutture che impediscono l’accesso e con i criteri si obbliga ad adeguarsi o a perdere il bene… è un’idea ottima per le amministrazioni come quella di Viareggio che vede grandi strutture che neppure permettono il transito dei bagnanti.. invito a leggere il bando!

  8. Avatar
    Gianfranco Cardosi says:

    Gianfranco Cardosi
    Ritengo che il “bando” , allo stato della legislazione vigente, rappresenti un esempio di “follia amministrativa pura” di cui mi auguro che tutte (dico TUTTE) le Rappresentanze di Categoria avranno tempo e modo per chiedere al Comune di Roma ,l’annullamento in autotutela, nel pubblico interesse.

  9. Avatar
    Gianfranco Cardosi says:

    A mio modesto avviso, si tratta di “follia amministrativa pura”. Mi auguro che tutte (dico TUTTE) le Rappresentanze di Categoria interessate al problema, abbiano la voglia ed il tempo per chiedere al Comune di Roma di annullare, in autotutela, il bando di che trattasi, nel rispetto della legislazione vigente , nel pubblico interesse.

  10. Avatar

    Diario Come bisogna comportarsi con il comune che proroga senza fare i bandi ?
    C’è qualche possibilità di chiedere L annullamento dell’atto ?
    Grazie in anticipo

  11. Avatar

    Ciao Matteo devi scrivere all’AGCM – protocollo.agcm@pec.agcm.it – una semplice e gratuita PEC chiedendo la verifica della procedura di rinnovo e se vuoi puoi allegare la determina dirigenziale oppure la delibera del consiglio comunale. Visto che la procedura è ormai avviata, l’AGCM invia in breve tempo una diffida al comune per non applicare la norma dando qualche settimana per revocare la procedura passate le quali ricorre al TAR senza alcun costo per te che hai segnalato l’eventuale irregolarità. L’AGCM chiede la revoca anche dei rinnovi già dati come è successo a Castiglione della Pescaia per cui sarebbe sufficiente che un cittadino per ogni comune costiero facesse la segnalazione e metteremmo fine a questa vergognosa pratica dei rinnovi automatici. Altra iniziativa è scrivere al sottosegretario Bonaccorsi – sottosegretario.bonaccorsi@beniculturali.it – facendo presente che c’è una parte di italiani che vorrebbero le aste per nulla rappresentati dalla politica come si è ben visto anche di recente.

  12. Avatar

    Concordo al 100% con luca….non sapete di cosa parlate a partire dai COSTI come canone imu tari MANUTENZIONE utenze personale, professionisti indispensabili per ottemperare miriadi di obblighi e norme, e ammortamento beni strumentali per centinaia migliaia di euro…dulcis in fundo VI SFUGGE IL MOTIVO PER CUI SONO I PRIVATI A GESTIRLI….andate a vedere i costi delle coop che tanto amate che puliscono le spiagge o chiedetevi come mai il SALVATAGGIO COMUNALE E’ SCOMPARSO….ma credo che a dialogare con chi non sa cosa e’ una p.iva si perde tempo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *