Sib-Confcommercio

Balneari, avviato ricorso contro sentenza del Consiglio di Stato

In attesa del giudizio della Cassazione, la sentenza dell'adunanza plenaria che ha annullato la proroga delle concessioni al 2033 non potrà passare in giudicato

«È stato notificato a tutte le parti in causa il ricorso in Cassazione a sezioni unite avverso la sentenza dell’adunanza plenaria del Consiglio di Stato». Lo rende noto Antonio Capacchione, presidente del Sindacato italiano balneari – Confcommercio, che lo scorso dicembre aveva annunciato l’intenzione di presentare il ricorso contro la pronuncia del Consiglio di Stato che ha annullato la proroga delle concessioni balneari al 2033 e imposto di riassegnarle tramite gare pubbliche entro la fine del prossimo anno. «Si tratta di un ricorso complesso, ben articolato ma soprattutto fondato – spiega Capacchione – che è stato redatto da un pool giuridico al quale ho l’onore di partecipare unitamente alla collega Stefania Frandi, capitanato dai professori Maria Alessandra Sandulli e Romano Vaccarella, esponenti fra i più rinomati e stimati del mondo giuridico italiano ed europeo».

Prosegue il presidente del Sib: «La fondatezza del ricorso ci rende fiduciosi sull’esito del giudizio. Come abbiamo detto nell’immediatezza della sentenza, quella brutta pagina della giurisprudenza italiana sarà annullata, cassata e spazzata via perché profondamente sbagliata e ingiusta. Un’offesa al diritto italiano prima ancora che ai balneari».

«Nelle more del giudizio in Cassazione, che durerà diversi mesi, la presentazione del nostro ricorso ha già prodotto un effetto concreto assai importante: impedisce il passaggio in giudicato della sentenza dell’adunanza plenaria», sottolinea Capacchione. «Per cui i Comuni, i giudici, il governo e il parlamento nelle loro determinazioni non sono vincolati a questa sentenza. Questo effetto del ricorso da noi voluto e finanziato è a vantaggio non solo degli associati Sib, ma di tutti i balneari italiani a qualsiasi associazione essi appartengano. Così come lo è stata la nostra grande manifestazione del 10 marzo che ha pesato e pesa, nell’interesse e a vantaggio di tutti i balneari, nell’interlocuzione con la politica. Si pensi solo se non l’avessimo fatta o se non fosse riuscita. A questo riguardo tralasciamo, come sempre, ogni commento e considerazione verso chi è, invece, impegnato con ossessione patologica non a dare il proprio contributo in una battaglia vitale e comune, ma esclusivamente a gettare fango sul Sib».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sib Confcommercio

Il Sindacato italiano balneari si è formalmente costituito il 14 dicembre 1960 e, attraverso la Federazione Italiana Pubblici Esercizi (FIPE), aderisce alla Confcommercio - Confturismo.
Seguilo sui social:
  1. Si tratta di un passaggio falso che crea false aspettative per la categoria: “…Per cui i Comuni, i giudici, il governo e il parlamento nelle loro determinazioni non sono vincolati a questa sentenza. …”

    Il ricorso non sospende gli effetto della sentenza del Consiglio di stato.

    Occorre verificare le notizie perche ‘ e’ questo comportamento sindacale che genera false aspettative, peraltro con ulteriore grave danno per gli iscritti che hanno pagato anche questo ricorso..

    • Fino a quando c’è un giudizio pendente la sentenza non passa in giudicato il che significa che fino a quando non si pronuncia la cassazione non produce effetti!
      Amen

      • Nikolaus Suck says:

        Un’altra perla di Peppe Lo Studioso, un altro che ha mangiato pane e diritto in culla. Le sentenze, se non sospese e finché non eventualmente annullate o riformate, intanto sono esecutive, producono tutti i loro effetti, e vanno rispettate e osservate. L’impugnazione e la pendenza del NON ne sospende gli effetti. Artt. 282, 337 e 373 c.p.c..

        • Cammarella Pasquale Raffaele says:

          E qual é l’ente pubblico che, nelle more delle determinazioni della Cassazione, decide di dare esecuzione alla sentenza del Consiglio di Stato? In questo caso(esecuzione della sentenza CdS) qual é l’ente pubblico che si mette a rischio di dover risarcire pesantemente i balneari nella eventualità in cui il loro ricorso dovesse venire accolto dalla Suprema Corte? Nel caso prospettato, un eventuale stato di dissesto(fallimento) dell’ente pubblico é un’ipotesi per nulla improbabile…e, pertanto, vorrei capire chi sarebbero i “coraggiosi” amministratori a prendersi, a cuor leggero, una responsabilità cosí gravosa e rischiosa per il loro ente…

            • Nikolaus Suck says:

              Veramente, tra gli altri, è stato proprio Vaccarella che ora difende i balneari. 30 anni fa. Pulisciti il moccio bambino. E vai a studiare.

          • Nikolaus Suck says:

            Può anche darsi vedremo, ma sarebbe una questione di fatto e di opportunità, da non confondere con il diritto. Affermare che la sentenza “non è vincolante” è un’altra cosa, ed è sbagliato.

          • Rispondo a Cammarella Pasquale. Il pubblico amministratore che provvede conformemente a un pronunciamento del Consiglio di Stato, non è soggetto a responsabilità contabile o civile qualora poi la Cassazione dovesse ribaltare il pronunciamento. Ed è ovvio. Casomai è il contrario: il pubblico funzionario si esporrebbe a responsabilità contabile qualora provvedesse difformemente da quanto statuito dal Giudice amministrativo, e poi la Cassazione confermasse la statuizione dello stesso Giudice. Vale la presunzione di “bontà” del pronunciamento più autorevole nel tempo considerato.

        • Suck il lettore di manuali un’altra perla dal tuo manuale è esecutiva ma non produce effetti si può presentare istanza vatti a leggere gli articoli è L’ABC della giurisprudenza non produce effetti è normalissimo ma dove ti sei laureato ad Addis Abeba come Pierino 😂😂😂 ma qualche balneare ti ha fatto qualcosa accanimento che sfocia nel ridicolo.

          • Nikolaus Suck says:

            E ‘ esecutiva e non produce effetti? L’ABC della giurisprudenza eh?
            Ragazzo non stai facendo una bellissima figura fidati. Mi sa che ad Addis Abbeba ne sanno più di te, ma non ci vuole molto.

            • suck, non hai nulla da fare? quali interessi difendi con questa tua ostinata campagna anti balneari? a chi obbedisci per le tue orrende scorribande nel diritto? Non hai profferito parola sulla immonda sentenza del Consiglio di Stato e dire che ce ne sarebbe da dire per un fine giurista come te.

        • a suck come mai oggi sei cosi presente? forse perche il professore vaccarella ha messo in dubbio le schifezze del cds e le tue continue cagate con cui assilli tutti da un anno a questa parte? tanto c e draghi con il voto di fiducia che mettera’ tutto a posto vero? be le cose non andranno proprio cosi e non ci sperare poiche’ noi non lasceremo mai le nostre attivita’ perche lo dici tu o una giustizia di corrotti asserviti alla politica non eletta. fattene una ragione perche’ nessuno ti crede piu’ ormai.,e il lavoro non e’ svegliarsi la mattina e cercare di rovinare famiglie, aziende, e dignita’ delle persone come fai tu e i tuoi detrattori 5m aiutati da ignobili persone che non sono elette e che il popolo italiano non vuole. forse non ti e chiaro che noi faremo terra bruciata …sappiamo tutti chi e lo sciacallo draghi e se tu avalli tutto quello che fa e dice sei come lui cosi come lui sono chi lo appoggia.la ribellione e’ nell aria ma chi vive sopra le spalle di un popolo non se ne rende conto e quando tocchera’ con mano il grido di aiuto del popolo sara troppo tardi..dittatori e detrattori di m…. siete la peggior specie per un popolo e oltre che vili vi credete anche di poter fare come cazzo vi pare.ebbene avete fatto male i vostri calcoli

            • NO SI CHIAMA STATO DI DIRITTO E GIUSTIZIA , QUELLA CHE DA UN ANNO A QUESTA PARTE NON ESISTE PIù…MA DOVE VIVI NEL PAESE DEI BALOCCHI PER NON RENDERTENE CONTO? O FORSE FAI PARTE DI QUELLA CRICCA…

            • Violante Rampante says:

              Sì, stessa cricca, stesso indirizzo IP. Grazie alle tue abilità informatiche mi ha scoperta.
              ( se questa non è paranoia…)

          • Tu sai fare calcoli?..mhhh ne sono contento l’importante però è che siano giusti e dal 2018 mi sembra che la categoria non ne preveda uno, neppure l’ormai scomparso “avv. Qualcosa”.

            • diario credo che da domani tu abbia altro a cui pensare che i calcoli sbagliati di ernesto..forse non ti e’ chiaro che in mattinata sara’ presentata presso la procura una denuncia a tuo carico.fatti difendere da suck .oppure dillo a draghi. i tuoi dati sono noti a tutti i balneari e non c e’ stato nemmeno bisogno di ricorrere a mondo balneare per averli .

    • I balneari, con tale comportamento, si incaricano di mostrare una incomprensibile arroganza che offende lo spirito ed il principio del bene pubblico.

  2. Ecquequa’, il nostro grande “SACCENTE” Carlo, al quale si aggiungerà, molto probabilmente il nostro grande “ESPERTO” di diritto anche europeo Suck (alla faccia degli Italiani) pronti a polemizzare senza alcuna vergogna. Bene invece ha fatto il SIB con il suo Presidente Capacchione, con l’auspicio che tutte le altre rappresentanze, aderiscono all’importante iniziativa, contribuendo anche alle spese. Ogni sigla sindacale deve “proporsi” anche se non invitata. Sono certissimo, TUTTI I BALNEARI, SENZA ECCEZIONE ALCUNA, saranno d’accordo. Meh, illustrissimi Presidenti, un piccolissimo sforzo, conviene, sotto ogni profilo!😊

    • Non è un’importante iniziativa ma è solo una difesa di interessi corporativi ; qualunque sarà la sentenza un simile atteggiamento non potrà che determinare un forte risentimento nei confronti della categoria dei balneari , un odio che si potrebbe evitare con un po’ più di umiltà e meno egoismo.

  3. Egr. sig Carlo, sei più presuntuoso di Suck, che almeno è un legale, pensi di saperne di più del Prof. Vaccarella che è stato anche Giudice della Corte Costituzionale? Invece di fare il leoncino da tastiera, vai a raccogliere conchiglie in spiaggia, visto che ti interessano tanto!

    • È un po’ difficile raccogliere conchiglie in spiaggia visto che son quasi tutte privatizzate benché invece dovrebbero esser pubbliche.

      • Vedrai che dopo la riforma potrai raccogliere conchiglie. Avranno tutte etichetta con prezzo e relativo codice a barre.

      • andrea infatti 7000 km di spiagge libere sono poche per una persona come te.per caso hai un jet privato per percorrere tutti i km liberi che sono documentati dalle mappature? almeno prima di scrivere informati perche’ la tua credibilita’ ora e’ meno di zero.invece di rompere i c……con queste bugie perche non parli dei 9 miliardi di euro dati ai benetton …..soldi pubblici, mentre non ci sono per aiutare le famiglie a pagare le bollette…questo e il governo dei migliori cioe’ i tuoi amici non i miei. privatizzate un cazzo.studia che e meglio

      • Lo ha detto un avvocato che ha scritto e redatto il ricorso con lui a parte le tue nozioni 😂 tutto quello che hanno scritto nell’articolo è oro colato e tu sei solo un presuntuoso che continua a dimostrare il suo accanimento che inevitabilmente sfocia nel ridicolo!

          • Tu invece fai il sapientone solo quando ti conviene. Comunque al momento la sentenza può essere modificata o cassata però produce effetti ok nei libri è cosi su queste cose ti attacchi come una cozza altre neanche le consideri fasullo. Io sono senza speranze tu che stai qua ad accanirti in un modo vergognoso contro persone che vivono una situazione fantascientifica cercando di fare il maestrino che non capisce un fico secco sei arrivato nella vita sei un grande Suck sarai pieno zeppo di clienti. Represso, inqualificabile veramente

  4. Teo Romagnoli says:

    Intanto questo è il secondo ricorso, dopo quello di FDI,al ad una sentenza VERGOGNOSA zeppa di falsità contraddizioni e imprecisioni ( i dati di legambiente sono scandalosamente FALSI) senza pensare allo scambio di ruolo con la politica, alla mappatura, ecc..ora qualcuno deve rispondere.. se nel frattempo la politica legiferara il piano di draghi si chiude.. ma non c riuscirà.. la politica con la P maiuscola è con noi perché al di là delle falsità e fango gettato sul settore c’è chi si è accorto negli anni che siamo ottimi contribuenti, onesti lavoratori e brava gente che non solo custodisce egregiamente la costa, ma crea fidelizzazione della clientela, occupa giovani e li instrada al mondo del lavoro in ambito turistico, aumenta il valore delle località di tanti piccoli paesi costieri, pulisce il mare dalla plastica, investe nel territorio, salva le persone che affogherebbero in mare, innova, investe, e crea benessere fisico ed economico! W la democrazia che da un freno all’Europa e europeisti ammazza identità.

    • Enzo esposito says:

      carletto giocava a pallone e litigava col bagnino, venne escluso dalla prima fila e veniva mandato via precocemente ogni giorno alle ore 18.30 a causa delle pulizie di chiusura

  5. Andrea c. says:

    Ottimo lavoro del Dott. Capacchione,siamo fiduciosi nella Cassazione ,non nell’ organo politicizzato Consiglio di Stato dove l’ indagato Patroni Griffi con una sentenza commissionatagli dal Governo Draghi avrebbe voluto spazzarci via così come un granello di sabbia……

      • Un po di umiltà avvocato Suck…per mesi hai detto che era tempo sprecato che non sarebbe mai stata accettata…poi si perderà ma x onestà tua questa volta dovresti dire HO SBAGLIATO

        • Nikolaus Suck says:

          E dove avrei sbagliato scusa? E che vuol dire “accettato”? Ma hai idea di cosa parli e di come funziona? Io ho sempre detto, e ribadito anche qui, che secondo me sarà dichiarato inammissibile. Posso anche sbagliare ma deve ancora avvenire, perché per quello deve arrivare in udienza anzi camera di consiglio. Mentre ad oggi è stato solo notificato alle parti, siamo appena agli inizi. Auguri.

          • suck e secondo te vaccarella farebbe un ricorso senza avere delle solide basi?ricordati che i ricorsi ora sono due e chi si occupa dei ricorsi non e’ l ultimo arrivato.come dici sempre suck,vedremo.

  6. Gioacchino Assogna says:

    Se fossi in Draghi interromperei ogni incontro con i rappresentanti dei Balneari che hanno scelto la strada incredibile dell’annullamento della sentenza del Consiglio di Stato.

  7. Non balneatore says:

    Pagando il giusto avvocato e notai assistono il cliente in tutte le cause ed in tutti gli atti, sono come i broker finanziari, il cliente se guadagna o va in fallimento il suo compenso è garantito, c’è una direttiva europea, c’è una condanna della Corte Europea verso l’Italia, che verrebbe pagata con i soldi di tutti i contribuenti, c’è una legge che deve essere rispettata e niente, si fa ricorso sul ricorso, in attesa di chissà cosa poi?

    • Nikolaus Suck says:

      Ma per prendere tempo ovviamente, è tanto chiaro, sta scritto anche nell’articolo. Prevedo però che la nuova norma arrivi prima di qualsiasi sentenza superando la questione.

      • Ma che ben venga una norma che riconosca il valore aziendale e il lavoro degli imprenditori fatto con sudore ed enormi sacrifici. Ma davvero non ci arrivi ma ci sei o ci FAI? Se subentri a un’altro vincendo la gara e ti prendi la sua azienda devi pagare, per l’area libera si fa la gara e stop altrimenti è la morte civile è un’esproprio ingiustificato un’intera filiera sarà devastata ci saranno gravissime conseguenze MINORATI

        • Nikolaus Suck says:

          La tua colossale ignoranza, incompetenza e confusione non merita altro commento e risposta. Ti direi di studiare ma devi prima imparare a leggere.

  8. carlo pizzulli says:

    giammai,a mente dei più primitivi principi di diritto amministrativi,gli effetti di una sentenza del tribunale amministrativo possono essere sospesi solo a determinate condizioni.

    A norma dell’’art. 111 c.p.a., il Consiglio di Stato, in caso di ricorso per cassazione avverso una sua decisione per motivi inerenti la giurisdizione, «in caso di eccezionale gravità ed urgenza, può sospendere gli effetti della sentenza impugnata e disporre le altre opportune misure cautelari»

    Le dichiarazioni del Sindacato sono false,ed inducano le foche-balneari a: applaudire cose non vere,a pagare ricorsi impossibili.
    Ma voi siete contenti cosi,piu le sparano piu applaudite e piu andate a fondo

    • Nikolaus Suck says:

      La cosa che fa un po’ specie è che le dichiarazioni – sbagliate – del sindacato provengono da uno che sarebbe avvocato. La confusione di ruoli non giova e fa riflettere.

    • Nikolaus Suck says:

      Esatto Carlo, ma cosa sono le norme di fronte alla scienza infusa del novello Carnelutti detto Peppe89 che ha “l’ABC del diritto” nel sangue, anche se purtroppo non va oltre quelle tre lettere. Rido molto, ma proprio molto!

      • Staremo a vedere, non recepisci principi di diritto fondamentali anzi li dribbli con la tua saccenza ignorante, principi inviolabili e dovrei imparare a leggere io, tu dovresti imparare a stare al mondo ad esistere.
        È inutile discutere con te sei avverso e nemico accecato dei balneari le tue nozioni e le tue opinioni non sono obiettive e giuste valgono meno di un soldo falso dovrebbero solo bannarti e boicottarti sei il classico sapientone con il libro in mano che non si è mai sporcato le mani e per di più legge nozioni qua e là copia incolla e non capisci un fico secco. Sempre più RIDICOLO

  9. Cambronne says:

    https://youtu.be/jHnzSze7AiA basta guardare, perché si può dato che è venuto in Italia, che lui medesimo illustra lo ” spirito della legge di indirizzo” cosa che di meglio non si potrebbe avere. Fuga ogni dubbio ed esimerebbe le toghe italiane dal farsi le solite pippe a spese della gente che lavora. Memento : ” è troppo facile fare i finocchi col culo degli altri” testo valido anche ai sensi interpretativi dell’accademia della crusca. Quindi se il prode Frits dice come va intesa la sua linea dovrebbe prenderne atto anche Palazzo Spada, il prode e ” sempre prono” presidente del Consiglio. Amen

    • CAMBRONNE ma chi è questo? Non capisce nulla tu devi fidarti e ascoltare solo il grande esperto di diritto ed economia nonché luminare accademico Suck ed il pancetto Carl 😂

      • Scusa Peppe89 ma devi essere più preciso, perchè Suck è esperto di diritto e basta, non di economia. Lo ha dichiarato Suck in qualche sua risposta.
        Per cui, se le nuove norme prevederanno indennizzi a carico del subentrante, e questi indennizzi saranno calcolati sul valore commerciale dell’impresa e sugli investimenti effettuati, penso che Suck dovrà chiedere lumi agli “economisti”…..

  10. Nikolaus Suck says:

    Bene. Un collegio difensivo di tutto rispetto. Ne avrete decisamente bisogno. Soprattutto della scienza del prof. Vaccarella che non a caso è tra i maggiori esperti del processo, se non il maggiore. Perché secondo me il vostro principale ostacolo, a prescindere dalla (in)fondatezza dell’impugnazione e prima di arrivare a quella, è alla radice la sua (in)ammissibilità in rito prima ancora di discutere.
    Il Consiglio di Stato ha estromesso SIB dal processo per difetto di legittimazione e interesse. La decisione su legittimazione e interesse da un lato rientrava e rientra pienamente nei poteri giurisdizionali del CdS e quindi non può essere censurata e cambiata dalla Cassazione, e dall’altro lato comporta che SIB tecnicamente non è parte del giudizio che il CdS ha deciso. E non essendo parte, non ha legittimazione ad impugnare la relativa sentenza. Quindi il ricorso secondo me è inammissibile per difetto di legittimazione. Sarei proprio curioso di vedere come questo problema è stato e/o sarà affrontato nel ricorso, che non vedo l’ora di leggere, ci sarà sempre e comunque da imparare.

  11. L’ennesimo schiaffo alla legalità e l’ennesimo regalo ai soliti che hanno LUCRATO GRATUITAMENTE PER DECENNI sul bene pubblico, arrogandosi diritti (tra cui quello della concessione perpetua ereditaria in stile monarchico) che, finalmente, qualcuno aveva deciso di far cessare (come se già non ci fossero state numerose sentenze e procedure di infrazione aperte).
    Ma no, proseguiamo con lo scempio. Magari oleando bene qualche meccanismo, così la Cassazione ribalta.
    CHE SCHIFO È L’ITALIA.

    • Caro tech , di gratuito fino ad oggi non c’è stato niente ,di cause in tribunale di propietari contro gli inquilini che pagano l affitto rispettando il contratto non ne ho ancora viste, anzi agli inquilini, si potrebbe fare pagare la Imu come ai concessionari, per evitare danni erariali.GRATUITAMENTE invece c é chi vuole le aziende che hanno la disgrazia di insistere sul demanio senza riconoscerne il valore ooggettivo.
      Solo da questo credo derivi un accanimento animalesco contro chi ha lavorato fino ad oggi con professionalità indiscussa.
      Inoltre purtroppo , ad aumento di costi , se é vero lo stesso principio per cui paghiamo luce gas autostrade benzina, segue un aumento del prezzo dei servizi balneari, siano ets, donne ,trangenders, o altro i nuovi concessionari.
      La concorrenza, non é chi vuol prendere la mia azienda annientandomi, ma chi con servizi migliori e prezzi migliori, ha un altra azienda che mi fa la CONCORRENZA quella vera

  12. io esorterei a non aver paura degli esiti della giustizia.
    Quanto meno se la sentenza della Cassazione riformerà anche parzialmente la sentenza di Patroni Griffi, dara una dimostrazione di essere andati troppo in là pur di dare carta bianca a draghi che infatti, in barba alla unanimità di in CDM, porrà la fiducia a un parlamento/CDM reatificatore della volontà dell” amico “di cossiga.
    Francamente più sulla preoccupazione di essere la categoria più invisa in Italia, abbiamo il callo e le palle per sopportarlo.

    • A differenza di altri giorni oggi il circo e’ non e’ agggratis, ma ha previsto un lauto biglietto spillato dai sindacati ai poveri concessionari che infatti hanno pure pagato il ricorso( come e’ avvenuto con il ricorso avverso la legge centinaio).

      I sindacati creano danni enormi alla categoria sobbillando aspettative irrealizzabili ( accoglimento del ricorso) e sopratutto false affermazioni giuridiche( sospensioni degli effetti della sentenza)

      E loro, i balneari, ad applaudire come l orchestra del titanic che continuava a suonare … o come una parte di equipaggio che anziche salire verso il pontile si inabissava ..
      A insultare che da anni li avverte sulle disastrose conseguenze comportamento..

  13. Cammarella Pasquale Raffaele says:

    E qual é l’ente pubblico che, nelle more delle determinazioni della Cassazione, decide di dare esecuzione alla sentenza del Consiglio di Stato? In questo caso(esecuzione della sentenza CdS) qual é l’ente pubblico che si mette a rischio di dover risarcire pesantemente i balneari nella eventualità in cui il loro ricorso dovesse venire accolto dalla Suprema Corte? Nel caso prospettato, un eventuale stato di dissesto(fallimento) dell’ente pubblico é un’ipotesi per nulla improbabile…e, pertanto, vorrei capire chi sarebbero i “coraggiosi” amministratori a prendersi, a cuor leggero, una responsabilità cosí gravosa e rischiosa per il loro ente…

  14. Non credo ci sia bisogno di essere grandi esperti di diritto, se si considera quanto PALAMARA ci ha dettagliatamente insegnato, grazie al SISTEMA, di cui Draghi è un perfetto conoscitore, sono stati fatti cadere persino Governi, con la collaborazione dei media. Di cosa parliamo, di giustizia? quella con la G maiuscola? o della stampa, quella libera? Nel nostro caso, poi, “a pensar male ci si azzecca” la sentenza è stata “dettata”, forti anche di avere a che fare con una categoria per lo più “disgraziati”, quindi facili “prede” (altro che lobby, come qualche demente vuol far credere), con i farmacisti, con i notai, con gli stessi giudici e i burocrati con gli stipendi pubblici assicurati, non ci riusciranno mai. Questo è un fatto non poco VERGOGNOSO che passerà alla storia.

  15. Francesco says:

    Continui a non capire o far finta di non capire, e’ vero ip contrario: il dipendente che al 2024 decide di non applicare la sentenza del consiglio di stato sara, denunciato per omissione in atti d ufficio, abuso d ufficio, e l area vera sottoposta a sequestro penale per occupazione abusiva.
    Gli effetti della sentenza sono vincolanti in assenza di una sospensiva.
    Lo sfascio e’ alle porte e voi ringraziate come ignoranti i vostri carnefici

    • FRANCESCO SECONDO TE 3 MILIONI DI LAVORATORI CHE NON APPLICANO UNA SENTENZA INGIUSTA FATTA DA SCIACALLI TIPO GRIFFI AMICO DI DRAGHI SARANNO DENUNCIATI? E CHI C…SE NE FREGA DELLE DENUNCIE QUANDO POI NON ABBIAMO PIù CHE DA VIVERE ..VOGLIO PROPRIO VEDERE II BALDI PERSONAGGI CHE VERRANNO A DIRCI DI ANDARCENE ..SECONDE TE COSA TROVERANNO AD ASPETTARLI?

  16. summerplaya says:

    Leggo con piacere che parecchie “certezze” maligne vacillano…. BENE! Qui si difende il LAVORO non i privilegi. Parecchi che scrivono qui (detrattori) non sanno nemmeno di cosa si tratta, noi SI!

  17. Vedo che qua siete tutti dei sapientoni, tutti professori tutti che parlate di far rispettare le leggi nazionali ed europee tutti che non avete niente da fare se non rompere le palle a quei poveri balneari che anni orsono si son creati un lavoro a mio avviso onesto ma soprattutto in base ad una legge nazionale vigente che la maggior parte di essi rispettano in pieno ora se alcuni poveri illuminati continuano a criticate la categoria senza cognizione di causa penso che siamo solo degli sprovveduti ma se devo pensare male posso chiamarli mentecatti e de non sapete come trascorrere il tempo senza rompere gli attributi a chi sta tranquillo posso darvi un Consiglio andate ai giardinetti che trovate sicuramente compagnia degna di voi

    • Nikolaus Suck says:

      La legge non ha mai detto che le concessioni sarebbero durate per sempre, al contrario. Art. 36 cod. nav.. Che dovevano scadere e sarebbero scadute si è sempre saputo e andava messo in conto.

          • Il problema è proprio lì la battaglia si sta combattendo su due fronti ma lasciamo perdere. I bandi si possono fare solo sul pezzo di sabbia che lo stato ha dato in concessione, l’azienda che sorge sopra questo pezzo di sabbia ha un proprietario è accatastata si paga l’imu diritto di proprietà non può essere violato non possono fare espropri se vuoi subentrare devi pagare deve essere riconosciuto il valore reale aziendale altrimenti l’intero settore balneare andrà in cenere. Si riesce a capire un concetto così semplice. Oltre a questo sulla base di una proroga delle concessioni fino al 2033 ci sono imprenditori che hanno investito centinaia di migliaia di euro nel 2020 nel 2021 fidandosi dello stato a queste persone cosa dici? Vai a casa ma vi rendete conto delle cacate che dite

            • Ti rendi conto che lo stesso centinaio rendendosi conto della cagata che ha fatto disse che saremmo andato in infrazione il giorno stesso dell’approvazione…se hai investito in uno scenario del genere sei stato sprovveduto.

            • Niente lascia perdere continua a giocare con i lego o a guardare il mondo dalla tua cameretta.

      • Suck, sei un disco rotto, non è come dici, ti rammento ancora una volta , l’art. 10 della 88/2001 e l’art. 37 del codice della navigazione oltre alla consuetudine secolare, diventato “sistema”. Secondo te, le suddette norme, PER QUALI MOTIVI SONO STATE ABROGATE? Rispondi, anche per capire, con che razza di avvocato abbiamo a che fare!

        • Nikolaus Suck says:

          Ti ho risposto, da privato quale sono qui, ed ogni volta puntualmente, non meno di dieci volte. E tu ogni volta, non a caso, hai fatto finta di niente. E infatti eccoti di nuovo qui.

          • Bella risposta, molto dettagliata, direi più che esaustiva (sich!). Suck, tu racconti solo frottole, e noi, stupidamente, stiamo qui a perdere tempo con te.

        • Ancora con le consuetudini diventate sistema?..meno male che non è così altrimenti saremmo ancora alla ruota di pietra che era consuetudine!

          • Nikolaus Suck says:

            Più che altro la “consuetudine” non può esistere dove c’è una norma espressa, non può essere contra legem, non può contraddire o superare/abrogare norme espresse. Ma lo abbiamo detto tante volte e lo sa benissimo, fa solo il furbo, ormai lo sappiamo.

  18. Si ostinano a metterla sempre e solo sulle questioni giuridiche , qua il problema è politico e ci sarà ora una norma che tutela il comparto, poi il nuovo governo che in fretta e furia capovolgerà qualsiasi stronzata buttata giù dai migliori. Quindi state sereni che i balneari hanno ragione e la dignità e il lavoro delle proprie famiglie nn sono in vendita e soprattutto c’entrano poco con applicazioni interpretazioni e legittimazioni giuridiche, ma tocca smuovere solo le coscienze politiche europee e italiane, ma in pochi l’hanno capito, anzi l’opinione pubblica piano piano lo sta capendo, in piazza nn hanno visto certo una lobby, non hanno visto le Ferrari e non hanno visto certo oligarchi , ma solo gente che senza il proprio lavoro sarebbe in una enorme difficoltà ,cambiate disco detrattori e calatevi nella realtà , che va oltre i vostri principi giuridici europei .

  19. Giancarlo says:

    A tutti quelli che hanno accanimento verso i balneari dico :
    Perché invece di prendervela con una categoria che da lavoro a migliaia di persone non andate a protestare per il caro benzina, gas,alimenti, i quali vogliono far perdere il lavoro a migliaia di italiani , con lo stesso accanimento verso chi ci sta portando alla rovina
    Questo è il popolo italiano che preferisce che le spiagge italiane vengano svendute a multinazionali , poi venite a lamentarvi che un lettino con un ombrellone costi 50/60 euro perché così sarà .

    • Antilobby says:

      …… vieni a vedere in Versilia quanto costa un lettino (oltre 50 euro escluso parcheggi) con le concessioni demaniali che occupano oltre il 90% del territorio marittimo… negli ultimi anni per guadagnare di più sostituiscono gli ombrelloni con le tende ulteriore mazzata.

      • Antilobby says:

        Posso sbagliarmi ….. se le concessioni marittime vanno all’asta come vuole questo Governo i vecchi concessionari devono avere timore anche degli hotels che sono dietro a loro in quanto tenteranno di fare proposte migliori nelle aste demaniali per potersi prendere una concessione davanti a loro e dare un servizio migliore e completo al cliente che vi alloggiano ….//. La stessa federalberghi in commissione aveva fatto presente che in Grecia per gli alberghi davanti al mare avevano assegnata una spiaggia Fonte:

        • Antilobby says:

          …… la tua battuta fa pietà……. Io fortunatamente posso frequentare il mare perché li ho una casa e non ho problemi ad andare a pagamento nelle strutture ricettive (ove quelli che ho conosciuto – balneari – sono brava gente e lavoratori) però non è giusto che in quella località dove vado ci sia una sola spiaggia libera peraltro vicino ad un pontile per quelle famiglie che non possano andare in una struttura balneare attrezzata…

      • Violante Rampante says:

        Mica solo in Versilia… ovunque. Nella mia regione di origine, a Sud, non abbiamo più un cm di spiaggia libera se non le scogliere!

        • Antilobby says:

          Lo sbaglio è dello Stato che non ha previsto un obbligo inderogabile a livello nazionale che ogni comune che gestisce il demanio marittimo non può dare in concessione almeno il 30% dello stesso territorio che deve essere lasciato a spiagge libere

        • laplayacz says:

          Non credo che la riforma del settore ti darà più spiaggia libera, semmai il contrario, diventerà ancora più speculativa. Perché è questo che interessa a questo governo, specularci sopra e basta, non interessa a nessuno darti piu spiaggia libera!

          • Antilobby says:

            …… io spero di sì…… il bene demaniale è di tutti ed è giusto che lo possano usufruire anche quelle persone che non vogliono o non possano andare nelle strutture attrezzate

  20. L accanimento e’ solo vostro Guancarlo che volete continuare a ritardare ancora i bandi e a renderli inutili con criteri preferenziali.
    E il gioco va avanti da decenni

  21. Violante Rampante says:

    Se può darvi sollievo e piacere, vi dico che Vaccarella mi preoccupa… incubo di molti studenti di Legge.
    Che dire? Vi siete scelti il migliore.

  22. Allora la vostra è solo invidia,se ci saranno nuovi concessionari,dubito che i prezzi caleranno, e le spiagge libere, saranno sempre poche,perché la maggior parte delle persone cerca comodità ,Cose che cercano anche gli avventori delle spiagge libere,usando i nostri servizi.

    • Violante Rampante says:

      Nessuna invidia. Sono nata al mare, sono fatta di mare, ergo non concepisco che per andare al mare si debba pagare, punto primo. Punto secondo, in Salento, da dove vengo io, la maggior parte dei concessionari fa i porci comodi propri. Non metto in dubbio che esista pure brava gente tra di voi, ma quelli con cui mi sono rapportata io sono sempre stati prepotenti, seriamente prepotenti.
      Per me, se si riesce almeno a far pagare un canone serio a tutti, è già una buona notizia. Dubito di poterne leggere altre di buone notizie al riguardo. Dopo aver letto di Vaccarella sono pessimista. Buon per voi, che dire.

      • Nikolaus Suck says:

        Cara Violante io non sarei così pessimista. Si hanno un collegio coi fiocchi, Vaccarella è bravissimo (come lo è la Sandulli che non va trascurata) e ha scritto pagine fondamentali, giustissime e da ricordare, soprattutto come giudice della Corte Costituzionale e proprio in tema di giurisdizione, e gli serve anzi tutto per cercare di superare lo scoglio della ammissibilità. Ma non può fare (e non ha mai fatto) miracoli. E anche se superano quello scoglio, secondo me il massimo che possono ottenere è la cassazione del termine al 2023, della cui fissazione, per come interpretata, si può in effetti discutere. Ma questo mica fa tornare il 2033. La Cassazione non ha poteri di merito per cambiare i principi di diritto che il CdS ha dettato e aveva il potere di dettare ex art. 99 cpa. Rischiano la vittoria di Pirro, se la sentenza venisse cassata la concessioni potrebbero considerarsi scadute e cessate da subito anzi dal 2020!

        • AHAHAHAHAH AHAHAHAHAH 😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂 CHE ASINO!

        • Mah se accadesse che le concessioni venissero considerate scadute dal 2020 allora, forse, qualche sindacalista o balneare potrebbe ammettere di aver sbagliato qualcosa?……mhhh, nooooooooo!

  23. Coloro che lamentano di non poter andare al mare a causa dei concessionari, dicono MENZOGNE, nessuno può impedirlo, altrimenti è illegale.

  24. Ciao a tutti.
    Mi è stato proposto di prendere in affitto una spiaggia dal mese prossimo(nn l’ho mai fatto,ma è un mio grande sogno)
    Visto e considerato quello che sta avvenendo x le concessioni,mi consigliereste di accettare oppure sarebbe meglio evitare? Grazie

  25. Egr. Avv. Suck, questione di strategia giuridica ( sono un balneare non Avvocato)! ma il ricorso in via preliminare deve chiarire l’ammissibilita del SIB e altre sigle escluse dal giudizio per carenza di interesse, vi è sicuramente violazione dell ex art. 111 co 8 Costituzione, per eccesso di potere giurisdizionale sub specie, per astratto diniego di giustizia, e poi tutti gli altri aspetti di limiti di giurisdizione( sostituzione al legislatore) e quindi a mio avviso correttamente doveva rimandare alla Corte Costituzionale e alla CdGE per ev contrasti con il diritto Eurounitario, e la dichiarazione di applicabilità Self executing, ( solo dopo una legge del parlamento Italiano che recepisse i principi della Direttiva e degli art 49!e 56!del TUFE.

  26. Poi in relazione alla scadenza al 2023, se la Cassazione si esprime sulla non competenza del CDS sulla nullità della lg 145,ne consegue che si riabilitano i titoli rinnovati al 2033, se invece si esprime sul potere del CDs, di Annullabilità degli atti ricognitivi rinnovati dai Comuni, allora dovrebbero essere questi ultimi, se sono ancora in tempo, cosi come previsto dall co 9 dell art 21/ lg 241/90 questi ritengo dopo aver letto un po’ di tutta questa storia quindi Egr. Suck la partita è ancora aperta!

    • Nikolaus Suck says:

      Caro Franco, ma se come giustamente premette Lei è un balneare non avvocato perché si addentra in temi legali?
      Come gente senz’altro più competente e titolata ha rilevato (senza rendersi conto della solita figuraccia) io sono solo un asino. Ma dal mio piccolo pascolo che rumino da qualche tempo, posso dirle questo.
      1. I “motivi inerenti alla giurisdizione” previsti dall’art. 111 c. 8 sono di strettissima interpretazione e riguardano solo i c.d. “limiti esterni” della giurisdizione, non quello che il CdS ha detto e deciso. Il controllo del limite esterno non include il sindacato sulle scelte interpretative e motivazionali dei giudici, in cui rientrano tutti i contenuti che dice Lei (rinvio o meno a Corte Costituzionale e Corte UE, dichiarazione self executing, applicazione artt. 49 e 56, etc.). Su questi contenuti la Corte di Cassazione non dirà nulla di diverso, non può farlo.
      2. I principi del Trattato e dell’art. 49 etc. valgono a prescindere e non richiedono di essere recepiti, mentre la legge nazionale che recepisce (non i soli principi ma) l’intera direttiva esiste già ed è il decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59.
      3. Il CdS non ha detto che la 145 è “nulla”. Ha detto, non inventandoselo ma rispondendo a un preciso quesito di diritto posto ai sensi di legge (art. 99 c.p.a.) che è disapplicabile, e pure questo la cassazione non lo può né cambiare né smentire.
      4. Il CdS non ha nemmeno annullato gli atti ricognitivi dei Comuni. Ha solo detto che l’effetto di tali atti discende direttamente dalla legge senza valutazioni discrezionali autonome (per questo sono “ricognitivi”) e quindi non serve annullarli. Che poi è la stessa cosa che alla base delle sentenze a voi tanto care del Presidente Pasca, che per questo aveva ritenuto non autonomamente impugnabili tali atti. E anche questa è una statuizione di merito che rientra nell’apprezzamento giurisdizionale (nella c.d. giurisdizione interna) e su cui la Cassazione non ha poteri.
      5. Se la cassazione si esprime, come dice Lei, sulla “non competenza del CdS” sulla 145, qualunque cosa questo secondo lei significhi, non si riabilitano affatto i titoli rinnovati al 2033 ma la questione della loro disapplicazione e disapplicabilità resta lì esattamente come prima. Il Consiglio di Stato non se l’è inventata, non ha fatto altro che chiarirla, come detto come principio di diritto ex art. 99 c.p.a..
      Per questo, come ho già detto, sono curioso e non vedo l’ora di leggere il ricorso, dal quale dati gli autori ci sarà senz’altro solo da imparare.

  27. Premetto che sarà stato qualcun altro a definirla asino, quello che non mi convince e l’adpetto Ideologico con cui tratta questo argomento, in quanto onesta professionale, doveva indurla quantomeno s chiarire giuridicamente per esempio, che tutte le concessioni ante Direttiva dicembre 2009, non possono per elementari norme di applicazione in diritto, essere ricomprese in quanto non ci può essere retroattività di una legge, ( solo per la Severino si è verificata questa anomalia), perché non li dice nei suoi commenti? e poi se la dobbiamo dire, l’art 12 della Direttiva parla di “risorse naturali scarse” ed interesse tranfrontaliero certo”, sono tutti criteri che vanno verificati in via preliminare con mappatura e verificando titolo per titolo, sia l’importanza economica, l’ubicazione geografica, per rilevare l’interesse di concorrenti di altro Stato membro!poi in relazione alla lg. 145, se il CDS ha sostenuto Tamquam non esset, come se non sia esistita, in grado di non produrre effetti, ma il problema che la legge esiste, in quanto prodotta dal Parlamento Italiano. e poi c’è a mio avviso un’altra illogicità e contraddittorietà, non esiste e poi la fai esistere per due anni. Comunque vedremo quando si esprimerà sia la Cassazione che la Corte Costituzionale

    • Nikolaus Suck says:

      Veramente a tutti i punti che Lei solleva ho dato risposta non una ma più volte, non posso pretendere che legga e ricorda tutti i miei commenti, se non lo fa non posso farci nulla, na se si prende la briga di esaminarli un po’ troverà solo risposte argomentate, oggettive e basate su dati testuali, gli unici che in diritto contano davvero.

    • Sono stato io a definirlo asino perché ignora certi aspetti fondamentali che lei ha messo in evidenza dai criteri della direttiva, ai principi di diritto fondamentali e non, al problema sociale e politico, al conflitto di attribuzione e di potere.
      Trattare questa delicata situazione in maniera ideologica e per partito preso è veramente da ignoranti e da Asini per non dire altro!
      Staremo a vedere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.