Norme e sentenze

Aumento record dei canoni demaniali marittimi: +7,95% per il 2022

Lo ha stabilito il consueto adeguamento annuale agli indici Istat. Si tratta dell'aumento più elevato mai avvenuto.

I canoni demaniali marittimi aumenteranno del +7,95% nell’anno 2022. Lo ha stabilito il decreto legislativo n. 500 del 14 dicembre 2021, come ha reso noto una recente circolare del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Si tratta dell’aumento più elevato dei canoni demaniali marittimi mai avvenuto finora.

Tutti gli anni i canoni delle concessioni demaniali marittime vengono adeguati agli indici Istat. Lo scorso anno c’era stata una diminuzione del -1,85%, mentre nel 2019 il ribasso era stato dello -0,75%. Prima di quest’anno, l’ultimo aumento era avvenuto nel 2018 con un +3%. Il precedente record di aumento risale al 1991 col +6,5%, invece la diminuzione massima c’è stata nel 2010 col -3,4%.

In conseguenza all’aumento del +7,95% stabilito quest’anno, il canone demaniale minimo per il 2022 ammonterà a 2.698,75 euro anziché ai 2.500 euro del 2021. Fino al 2020 il canone minimo ammontava a soli 362,90 euro; poi la legge n. 126 del 13 ottobre 2020 ha stabilito un significativo aumento come misura di compensazione della norma salva-pertinenziali che ha abrogato gli spropositati canoni Omi. L’aumento del canone minimo aveva provocato difficoltà economiche ai titolari di piccole concessioni senza scopo di lucro come le associazioni sportive e no profit, gli ormeggi privati e le scuole di vela, risolte lo scorso luglio dal decreto “Sostegni bis” che aveva abbassato a 500 euro il canone minimo per i titolari di concessioni senza scopo di lucro per l’anno 2021; tuttavia, per il 2022 non è stata rinnovata la norma che prevedeva il canone agevolato per questo tipo di concessionari.

La circolare del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti che ha reso noto l’aumento del +7,95% dei canoni demaniali marittimi ha anche in allegato le tabelle contenenti le misure unitarie dei canoni aggiornate all’attualità, riportate qui di seguito.

Per approfondire

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Alex Giuzio

Caporedattore di Mondo Balneare, dal 2008 è giornalista specializzato in turismo, demanio marittimo, economia costiera e questioni ambientali e normative legate al mare e alle spiagge. Ha pubblicato "La linea fragile", un'inchiesta ecologista sulle coste italiane (Edizioni dell'Asino, 2022).
Seguilo sui social:
  1. Leonzio De Luca says:

    Rispetto a quello che guadagnano, ai servizi che offrono, a quello che ci fanno pagare per due sedie e un ombrellone a stagione, l’aumento è poco. Da noi nel Salento, i gestori composti da tre nuclei familiari, guadagnano così bene che lavorando solo tre mesi l’anno vivono da nababbi e si lamentano pure.

    • Cosa rispondere ad un ignorante di questo genere?
      Solo una cosa: gli aumenti, come gli spropositati canone delle gare d’asta al rialzo, verranno pagati dal consumatore finale (cliente) che se lo potrà permettere. Se il cliente non se lo potrà permettere lo StabBalneare chiuderà, punto.

    • Perché non prova ad acquistare uno stabilimento balneare e a farlo anche lei questo lavoro? Ce ne sono tanti in vendita mi creda. Provi anche lei a fare questo lavoro

    • Alessandro says:

      Caro Leonzio…quindi lavorano solo 3 mesi…mi può dare il numero di telefono così mi faccio dire come fanno…la sua stron…a vale allora per tutti i lavori…un ristoratore lavora invece di 12/14 ore al giorno solo 5 come scritto sul cartello all ingresso (12.30/15.50 19.30/22.00)
      Vai a pulire le cime di rapa prima che ingialliscono

    • Nel Salento non lo so ma in toscana lavoriamo 9mesi lanno e gli altri 3 mesi non facciamo i nababbi forse xche paghiamo il 60×100 di quello che incassiamo

  2. Caro Leonzio, lavorare tre mesi e vivere da Nababbi per 12, c è qualcosa che non va. Sarà un caso a parte. Se invece mi dici lavorare 12/15ore al gg o anche più… 7gg su 7 per 4/5mesi e vivere (non da Nababbo) 12 allora ti credo.
    Se poi pensi che chi prenderà la concessione in futuro ti metterà i servizi meno cari (con spese maggiori) caro Leonzio ti metto già nero su bianco che è utopia.. è non solo sulle spiagge ma in ogni campo applicativo. Ti consiglio vivamente di mettere tutto questo impegno non solo per i balneari ma soprattutto per chi governa a Roma o chi come canone rai bollette ecc ti inxxla ogni santo mese
    Buon anno

  3. Ecco, questo commento rappresenta il pensiero di coloro che vogliono le aste. Un commento basato su odio, egoismo ed ignoranza. “Poiché i balneari lavorano solo 3 mesi” ( ricordiamo che in inverno non si va al mare, e quei 3 mesi sono sempre almeno 5 e le ore lavorative non sono 8 come la maggior parte dei lavoratori ma almeno 12 senza pause né giorni liberi) e “guadagnano molto” ( questo é soggettivo e vale per chiunque lavori, sicuramente andare in giro a giudicare questo e quello per ciò che guadagnano mi sembra abbastanza infantile ed io personalmente preferisco guardare per me stesso) “allora aumentiamo il canone” (qui neanche commento perché mi sentirei a disagio nel farlo).

    Ps: ho 20 anni, mi faccio un mazzo per gestire la spiaggia con la mia famiglia, non mi sento né fortunato né privilegiato perché lavoro 12 ore tutti i giorni per tutta l’estate mentre la maggior parte dei miei coetanei se la spassa in giro, in inverno torno a studiare e non sono ricco. No ragazzi, non nuotiamo nell’oro.

    Dovrei cedere la spiaggia della mia famiglia nella quale ho investito così tanto tempo e tante energie ad un branco di persone che credono sia fare la bella vita? Stare seduti all’ombra e vedere i soldi entrare nel portafogli? Mi spiace ma riceverete una delusione e ve lo dico per esperienza.

    • Tutto fiato sprecato, la gente non riesce, anzi non vuole guardare oltre il proprio naso, sono convinti di avere verità e ragione in mano, mio fratello nel nostro stabilimento ci dorme anche per controllare che nessuno faccia danni ecc… la gente pensa che sia una pacchia ma chi è disposto a lavorare dalle 6 di mattina alle 23 tutti i giorni senza riposo senza giorno libero per 4 mesi di fila? Chi è disposto dopo 12 ore di lavoro a fare anche la notte perché bisogna controllare anche che nessuno faccia danni o rubi le attrezzature? Non tutti gli stabilimenti hanno o possono assumere un guardiano e quindi una famiglia come la mia dove siamo in 3 deve sobbarcarsi più lavoro. Ma tutto questo alla gente non importa perché come hai detto tu pensano che stiamo seduti a prendere il sole e i soldi ci piovano dal cielo e che siamo tutti nababbi, pensano che non paghiamo tasse e non ne conoscono neppure la metà di quelle che paghiamo. Io ora ho qualche anno più di te ma alla tua età anche io studiavo e lavoravo mentre tutti gli altri si godevano le vacanze estive, così come mio fratello, ma alle persone tutto questo non importa.

      • E poi se avessimo tutti questi soldi staremmo qui ad elemosinare e a farci prendere in giro da sti poveretti di antylobbi.Non siamo tutti Briatore e abbiamo mutui ventennali da pagare x evitare di perdere la casa ipotecata comprata anche noi con sacrifici. Caro Leonzio fatti pure 2 conti. NOI ai ns.clienti diamo servizio dal 10 maggio(almeno x quanto riguarda il mio lido) al 20 settembre e anche oltre tempo permettendo.tra preparazione spiaggia e chiusura sono 6 mesi CAROOO!! a 12/15 ore al giorno, sai fare i conti? Vai falli ,e falli anche a un lavoratore comunale vediamo chi lavora di più! E ti ripeto che tutti sti soldi, che ci piovano dal cielo(secondo te naturalmente) ci bastano x campare discretamente e non da Briatore. Ti saluto e mettiti l’anima in pace.

    • Nikolaus Suck says:

      Il mio pensiero è diverso. A me non interessa minimamente né se e quanto lavorano, né se guadagnano tanto o poco. Il punto è che per fare entrambe le cose occupano e usano per il proprio vantaggio una risorsa collettiva, in base a un titolo per definizione temporaneo e da sempre tale, dal quale dipendono anche le vicende delle aziende (sono le aziende a seguire il titolo, non viceversa). Quindi da un lato la pretesa di renderlo perpetuo lasciando in mano agli stessi soggetti quella risorsa non è legale e distorce il sistema, e qualsiasi comportamento che andasse in questa direzione e avesse alla base un tale obiettivo o pensiero è stato irresponsabile. Dall’altro lato occorre selezionare il soggetto migliore e più meritevole di sfruttare la risorsa in questione in modi che coniughino interesse pubblico prevalente e interesse privato, e per questo ci vogliono, e sono sempre state previste, le procedure ad evidenza pubblica, ovvero le gare.

      • Quindi ogni lavoro dovrebbe essere così, ogni 3 anni gare per ogni lavoro! A gara dovrebbero andare a questo punto anche i posti statali perché non è giusto che ci sono gli stessi soggetti fino alla pensione e poi subentrino figli nipoti e parenti vari. A voi da solo fastidio che abbiamo uno stabilimento balneare se lo volete acquistatelo prendetelo all’asta e gestitelo perché avoglia quanti ce ne sono da poter gestire! Poi quando sarà in mano di voi che parlate così la penserete ancora allo stesso modo avendo solo quel lavoro per mantenere la famiglia? Dopo aver investito soldi tempo lavoro dopo aver chiesto mutui la pensereste ancora così? Perché io sono una ragazza madre e con quel lavoro ci mantengo mio figlio!

  4. Si leonzo vedo che lei di demanio e un incompetente questi aumenti sono rivolti solo per chioschetti non per gli stabilimenti invidioso prepara i soldi vai ha rispondere a un’asta non parlare solo per dare aria alla bocca

  5. Caro Leonzio De Luca…sicuramente tu non sarai tra quelli che noleggiano sedie e ombrelloni giusto perche’ non ti goderesti una giornata rilassante al mare neppure con la famiglia perche’ il tuo unico pensiero sarebbe quanto sta guadagnando il
    titolare della concessione
    Cerca di vivere meglio

  6. Ho un amico che vorrebbe investire i risparmi di una vita da impiegato per dare un lavoro ai figli. In provincia di Savona conoscete qualche stabilimento balneare in vendita? Disposto a spendere 500 mila euro.

  7. +7.95 % non e’ nulla se comparato all aumento delle utenze … Una vergogna senza precedenti …. Sono 2 mesi che di luce per gli stessi kw spendo 2500 invece di 1800 e adesso aumenteranno nuovamente .

  8. cazzarola! gli aumenti dei canoni sono legati all’inflazione! possibile che a nessuno venga in mente di leggersi la norma? in alcuni degli anni passati addirittura i canoni sono (di pochissimo) scesi, perché l’andamento dei prezzi era negativo.
    Invece di sproloquiare sui balneari ricchi e ladri (ce lo avete già detto abbastanza) preoccupatevi perché se i canoni aumentano dell’8% vuol dire che la vita costa mediamente l’8% in più.
    Fra un pò ci addebiterete anche la responsabilità delle giornate fredde e piovose

  9. Raimondo Febbi says:

    Ma dipende da provincia a provincia, qui occorrono sui 20.00 euro per una spiaggia media e nababbi non se ne vedono..

    • è ora di finirla con questi buffoni che parlano di aste. proprio oggi sono venuto ha conoscenza che nella mappatura del lazio la risorsa non è scarsa. dati ufficiali pubblicati della regione stessa .chissa perchè questi dati non sono pubblicati dalle altre regioni. da maggio 2020 che ne sono in possesso ( come più volte ribadito da scaiola) e se nel lazio la risorsa non è scarsa dove è quasi concentrata la maggior affluenza del turismo figuriamoci nelle altre regioni. chiedo a mondo balneare di inviare i dati che si possono trovare benissimo sul sito della regione lazio ai nostri sindacati e sbatterli domani in faccia a coloro che parlano di risorsa scarsa . ve lo diamo noi la risorsa scarsa per definizione. ladri e buffoni .li tengono ben nascosti perche se ci sarebbe la conferma di cio che dico( e io mi sono basato sui dati incontrovertibili e dimostrabili della mappatura delle coste laziali dove il turismo è notevole) ci sarebbe una sommossa popolare .inoltre i signori 5 stelle croatti e turco siete degli ipocriti senza onore ,perchè quando stava per passare nella legge di bilancio( sensa consultare le parti sociali e zitti zitti) la porcheria scritta da GIAVAZZI E D ALBERTI con la vostra complicità non avete proferito parola? ma ora che ci sediamo davanti ad un tavolo volete partecipare. buffoni .siamo al corrente di tutto ormai e l 11 saremo tutti a roma ..il consiglio di stato dovrebbe essere smantellato e mettere dei giudici che veramente facciano il loro lavoro onestamente.. i primi risarcimenti li chiederemo a voi….guardate questo video ..2 anni fa…la gente ha investito la propria vita e poi è stata tradita…chi paga ? burocrati buffoni…provate a smentire …
      https://youtu.be/QoOAsVP4Vpw

    • Si sempre per il fatto che non esiste una regolamentazione sui canoni e ogni regione provincia e comune fa come vuole e anche questa è un’ingiustizia, che però tutti quelli che ci criticano troppo impegnati ad additarci come ladri non vedono

  10. Mamma mia come hanno ridotto il popolo italiano !!!! Invidie , chiacchere , ignoranza assoluta !!!! Bene , a parte questa considerazione , la mia unica casa di proprietà insiste su una striscia demaniale di 8 mquadri e per questo ho pagato 2500 euro più 500 alla regione Toscana (di rosso vestita….) ed adesso dovrò pagarne 2698 più sempre 515 alla regione Toscana …. Un affitto di casa pieno per otto metri quadri di residenza civile , non un castello ma settanta mq di casa , CHI LA VUOLE COMPRARE SI FACCIA PURE AVANTI INVECE DI BLATERARE !!!!

  11. Bisognerebbe pagare in base hai metri che utilizzi, non chi ha pochi metri, paghi tanto come uno che ne ha trenta volte di più, non credete?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.