Federbalneari Lazio

Ostia, Tar rinvia decisione su bando per 37 stabilimenti balneari

Sentenza rimandata al 22 settembre. Maurelli (Federbalneari): "Gare illegittime, ora avanti per pianificare prossima stagione"

Il Tar del Lazio ha rimandato la decisione sul bando per l’affidamento di 37 concessioni demaniali marittime di Ostia, emanato dal Comune di Roma lo scorso 22 dicembre 2020. Con ordinanza n. 870 emessa lo scorso 10 febbraio, il tribunale amministrativo ha esaminato il ricorso presentato da uno dei 37 stabilimenti balneari di Ostia che, a pochi giorni dalla scadenza della concessione (il Comune di Roma non ha infatti applicato l’estensione al 2033 disposta dalla legge 145/2018), si sono visti mettere a gara senza alcun preavviso. Il Tar Lazio, «considerato che le censure formulate dal ricorrente richiedono un approfondimento non compatibile con la delibazione sommatoria che caratterizza la presente fase cautelare», ha fissato l’udienza per il prossimo 22 settembre (nel frattempo il Comune di Roma ha fissato una proroga tecnica fino al 31 dicembre 2021, NdR).

«Accogliamo con soddisfazione la giusta sentenza del Tar del Lazio», commenta Marco Maurelli, presidente di Federbalneari Italia, che si è costituita nel ricorso ad adiuvandum. «Federbalneari Italia ha sempre sostenuto che il bando del Comune di Roma fosse illegittimo e discriminatorio, al punto che si è costituita a difesa delle imprese associate con un intervento ad adiuvandum affidato all’avvocato Vincenzo Cellamare che ha sostenuto l’impianto difensivo delle 37 imprese romane curato dai legali Antonio Catricalà, Stefano Zunarelli e Giuseppe Ciaglia».

«In base alla giusta sentenza del Tar Lazio – afferma Maurelli – il Comune di Roma non potrà avviare alcuna ulteriore azione, altrimenti si configureranno nuove esigenze di sospensione del bando. Il tribunale amministrativo ha fissato al 22 settembre 2021 l’udienza per la trattazione di merito del ricorso, incentivando di fatto l’arresto e anche la possibilità per il Comune di Roma di procedere in alcuna direzione».

Conclude Maurelli: «Ora è necessario che le imprese di Ostia si concentrino sin da subito ad avviare al meglio la stagione balneare ormai prossima, in attesa delle scelte che matureranno presto con il nuovo governo Draghi che dovrà difendere nei prossimi giorni il comparto del turismo balneare in commissione UE con il nuovo ministro al turismo, rispondendo alla lettera di messa in mora. Guardiamo avanti con fiducia auspicando che termini questo strano momento per le imprese balneari di Roma e che si eviti lo stallo in una fase così difficile per la nostra economia, in un quadro di profonda incertezza. Uno scenario che eviteremmo volentieri alla collettività e ai cittadini di Roma».

Per approfondire

© Riproduzione Riservata

Federbalneari Italia

Federbalneari Italia è un'associazione di categoria che riunisce le imprese del turismo balneare italiano.
Seguilo sui social: