Assobalneari-Confindustria

“Balneari in allerta: è tornato il clima di incertezza”

Licordari (Assobalneari-Confindustria): "Governo vari riforma o siamo pronti a manifestare a Roma"

Nell’ultimo mese, gli imprenditori balneari sono piombati da una condizione di serenità a un perverso clima di incertezza. Con la “legge Centinaio” che a dicembre 2018 ha disposto l’estensione delle concessioni demaniali marittime fino al 2033, il settore aveva una minima sicurezza per tornare a investire, in attesa del riordino complessivo della materia. A distanza di un anno, invece, si sono susseguite alcune iniziative irrituali che hanno alimentato il caos:

  • il 18 novembre il Consiglio di Stato ha espresso una valutazione negativa in merito all’estensione fino al 2033 (vedi notizia);
  • il 19 dicembre, il Ministero delle infrastrutture ha diramato una circolare alle Autorità portuali, invitandole di fatto a non applicare la norma (vedi notizia);
  • l’8 gennaio, la Procura di Genova ha inviato una nota per esortare le amministrazioni comunali della Liguria a non prolungare le concessioni fino al 2033 (vedi notizia).

Tali eventi hanno già portato un Comune, quello di Castrignano del Capo in Puglia, a revocare l’estensione già disposta a quattro stabilimenti balneari (vedi notizia). E non vorremmo che qualcuno, in Europa, stia lavorando a una procedura di infrazione che getterebbe definitivamente gli imprenditori balneari nell’incertezza.

Davanti a questa situazione, precipitata nel giro di appena un mese, il governo ha il dovere di intervenire con una riforma immediata e risolutiva, che escluda le nostre concessioni dalla minaccia delle evidenze pubbliche. Occorre che l’attuale esecutivo non mantenga un atteggiamento prono nei confronti dell’Europa, proprio come ha fatto la Lega – con il sostegno di Forza Italia e Fratelli d’Italia – quando è andata in Europa a negoziare l’estensione di 15 anni.

Inoltre, da parte sua la categoria degli imprenditori balneari deve mantenere uno stato di massima allerta, facendosi trovare pronta a organizzare pullman da tutta Italia per andare a manifestare a Roma, se il governo continuerà a non ascoltarci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fabrizio Licordari

Fabrizio Licordari

Presidente di Assobalneari Italia - Federturismo Confindustria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *