Sicilia

Sono salve le concessioni balneari siciliane già estese al 2033

Nonostante la sentenza della Corte costituzionale che ha annullato la norma, chi ha già ottenuto il prolungamento può stare tranquillo

Sono salve le concessioni balneari siciliane che hanno già ottenuto il prolungamento fino al 31 dicembre 2033. Lo afferma l’Associazione balneare siciliana, rassicurando gli imprenditori in seguito alla sentenza della Corte costituzionale che lunedì ha dichiarato l’illegittimità della norma regionale. La Consulta ha solo annullato la validità dell’articolo che rinviava i termini per poter presentare domanda di estensione al 2033, ma i concessionari che hanno già ottenuto il titolo tramite evidenza pubblica, sostiene l’associazione, non hanno nulla da temere.

«Qualcuno, probabilmente erroneamente, ha inteso che la sentenza della Consulta avesse annullato le domande di estensione presentate dai concessionari del demanio marittimo della Sicilia», spiega Antonio Firullo, presidente dell’Associazione balneare siciliana. «Ma i giudici della Corte costituzionale, di fatto, hanno solo abrogato gli articoli 36 e 38 della legge regionale numero 2 del 22 febbraio 2023, (legge di stabilità regionale 2023-2025). L’articolo 38 della predetta legge riguarda le opere realizzabili nei parchi e nulla hanno a che vedere con il demanio marittimo, mentre riguardo all’articolo 36, che di fatto non è altro che la riapertura dei termini per presentare la richiesta di estensione dal portale della Regione, c’è stato un eccessivo allarmismo dovuto agli errori di alcuni media locali che hanno dato la notizia».

Prosegue Firullo: «Rammento che i termini per presentare la richiesta di estensione erano scaduti il 28 febbraio 2021 (legge regionale numero 32 del 16 dicembre 2020, articolo 1, comma 1). L’articolo 36 della legge regionale 2/2023 è stata un’ulteriore possibilità voluta dal legislatore siciliano per aiutare quei concessionari che, qualora avessero dimenticato di presentare l’istanza nei precedenti termini per chiedere e ottenere l’estensione della concessione al 2033, potevano avanzare la richiesta dal portale».

In definitiva, afferma il presidente dell’Associazione balneare siciliana, «tanto rumore per nulla, considerato che non è stata impugnata né annullata la legge regionale numero 24 del 14 dicembre 2019 che ha esteso le nostre concessioni al 2033, né tantomeno le richieste dei concessionari che hanno presentato domanda nei termini previsti del 31 agosto 2020 per ottenere l’estensione al 2033. Si è trattato di un falso allarme mediatico, dannoso nei confronti dei concessionari del demanio marittimo in Sicilia che risultano in regola con le richieste presentate dal portale della Regione prima della scadenza dei termini».

Firullo precisa anche che «noi balneari siciliani non abbiamo avuto un’estensione tacita al 2033 delle nostre concessioni, bensì l’abbiamo ottenuta dopo una formale richiesta tramite il portale pubblico della Regione. Si tratta di un nuovo atto concessorio valido fino al 2033, registrato e ottenuto dopo la pubblicazione nel sito della Regione Sicilia. Un procedimento riconosciuto anche dal Consiglio di Stato che, con ben tre sentenze gemelle del 19 marzo 2024, le numero 2662, 2664 e 2679, ha negato l’estensione delle concessioni ad alcuni nostri colleghi di Lavagna (Liguria), i quali avevano ottenuto il tacito rinnovo della concessione al 2033 dal Comune senza un nuovo procedimento istruttorio e il consequenziale rilascio di un nuovo atto».

Conclude Firullo: «In Sicilia le aree in concessione incidono per quasi il 20% sull’occupazione di tutta la costa, estesa su 1500 chilometri, e di queste, gli stabilimenti balneari solo per il 9%. Le altre sono concessioni rilasciate per attività industriale e non turistico-ricreative. Perciò siamo perfettamente in regola con il rispetto della norma che prevede il 50% di spiaggia libera. Non esiste una “risorsa scarsa” e, se prima poteva essere un dato non confermato, adesso invece lo è grazie alla mappatura delle coste effettuata dal governo italiano. Noi balneari siamo coerenti con l’articolo 12 della direttiva europea Bolkestein e abbiamo dato un decoro a spiagge del tutto abbandonate e sporche, garantendo la pulizia per tutto il periodo dell’anno solare, oltre a servizi importanti come il salvataggio, il primo soccorso e i percorsi d’accesso per le persone disabili, che nemmeno i Comuni costieri fanno, seppure sarebbero obbligati per legge. Le porzioni di spiaggia non ci sono concesse per gentilezza o per grazia ricevuta, ma perché paghiamo anche un canone annuale che garantisce introiti certi nelle casse della Regione Sicilia (circa 11 milioni di euro l’anno). Con i nostri soldi sono garantiti servizi importanti come quelli sanitari; inoltre offriamo lavoro per noi e per tanti altri disoccupati, specie tra i tanti giovani, con un giro d’affari che coinvolge tantissimi comparti dell’economia regionale. Bisogna essere davvero incoscienti per chiedere di fermare un sistema produttivo e necessario alla collettività, volano del turismo che tutto il mondo ci invidia».

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: