Sib-Confcommercio

Meloni a Bruxelles, Capacchione (Sib): “Annullare applicazione Bolkestein a spiagge”

Il presidente del Sindacato italiano balneari ha scritto una lettera alla premier in vista dell'incontro con la Commissione Ue

In vista dell’incontro di oggi pomeriggio tra la premier Giorgia Meloni e la Commissione europea, il presidente del Sib-Confcommercio Antonio Capacchione ha inviato una lettera per sollecitare il governo ad affrontare anche la questione dell’applicazione della direttiva Bolkestein alle concessioni balneari. «L’incontro ha per oggetto la disamina dei diversi dossier pendenti fra l’Italia e l’Unione europea – spiega una nota del presidente del Sib – e, come riportato ieri dai mass media, si tratterà solo di “rapidi assaggi”. Per tale occasione abbiamo ritenuto di inviare una lettera alla presidente Meloni, per chiedere che oggi a Bruxelles sia affrontata anche la questione della Bolkestein».

giochi festopolis

«A tal proposito – prosegue la nota – proprio ieri sono state diffuse le considerazioni di Giorgia Meloni sui rapporti con l’Unione europea contenute nel prossimo libro di Bruno Vespa, rese dopo la sua recente nomina a capo del governo. Il presidente Meloni, citando proprio la Bolkestein, afferma la necessità di far prevalere il diritto italiano su quello europeo a difesa dell’interesse nazionale a non vedere distrutta la balneazione attrezzata italiana. Fermo restando che ovviamente siamo interessati ai provvedimenti normativi che saranno effettivamente e concretamente adottati dal nuovo governo, si tratta comunque di dichiarazioni assai positive e importanti che meritano tutto il nostro sostegno e plauso».

Nella sua lettera alla presidente Meloni, Capacchione ricorda che «fra le questioni pendenti con l’Unione europea vi è la ferita aperta nell’economia turistica italiana dalla direttiva Bolkestein, che rischia di distruggere un importante settore economico perfettamente efficiente e di successo. Urge che la Commissione europea archivi la procedura di infrazione 2020/4118 avviata nei confronti del nostro paese e adotti ogni altro atto che chiarisca la non applicazione alle concessioni demaniali della direttiva Bolkestein».

Conclude la lettera del presidente del Sib a Meloni: «Lei conosce perfettamente la questione ed è stata in questi anni in prima linea a sostegno delle ragioni delle 30.000 imprese balneari italiane, che costituiscono un pezzo importante non solo dell’economia, così come da ultimo confermato dai recenti dati dell’Istat sull’andamento del pil, ma financo dell’identità del nostro paese. Grande è la fiducia che i balneari italiani tutti ripongono in lei e nel suo governo per la soluzione di questo annoso e grave problema».

Per approfondire

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sib Confcommercio

Il Sindacato italiano balneari si è formalmente costituito il 14 dicembre 1960 e, attraverso la Federazione Italiana Pubblici Esercizi (FIPE), aderisce alla Confcommercio - Confturismo.
Seguilo sui social:
  1. Dichiarazioni in violazione dello stato di diritto e creano altra confusione, e’ la nostra costituzione prima ancora della Bolkestain ad impedire reiterate proroghe di beni pubblici.
    Sul punto si ignora che la Consulta si e’ pronunciata diverse volte contro le proroghe .

    Ma niente, ricominciamo d accapo verso il baratro a cui la Categoria sta aspirando..anziché preparare i propri iscritti a vincere i bandi

    …. Il presidente Meloni, citando proprio la Bolkestein, afferma la necessità di far prevalere il diritto italiano su quello europeo a difesa dell’interesse nazionale a non vedere distrutta la balneazione attrezzata italiana.

  2. E aggiunge: “Prendiamo la legge Bolkestein sulla concorrenza, in questo caso sulle licenze per le spiagge. Vogliono costringere noi a fare le aste per le assegnazioni nel 2023, mentre altri paesi hanno prorogato le concessioni. Per me questa disparità è incostituzionale”.
    E quali sarebbero questi paesi? Cioè possiamo presentarci con un premier che non sa quello di cui parla? Mahh

    • Nikolaus Suck says:

      Infatti “Vogliono costringere noi a fare le aste per le assegnazioni nel 2023, mentre altri paesi hanno prorogato le concessioni” è un’affermazione semplicemente SBAGLIATA, che appunto dimostra o che non sa di che parla, oppure… (come argomentazione da mettere sul tavolo per negoziare è debolissima e può essere smontata subito. Sarà un caso?).

  3. Giuseppe Pintauro says:

    Sono convinto anzi convintissimo ke la meloni nazionale ci aiuterà quindi Carlo, luci, Ilaria e altri come voi ke dite ke andremo a gara.poi vi consiglio di sparire perché vi paereo detto in napoletano e in italiano vi prenderò in giro fino al ultimo.

    • Bravo giuseppe. TI auguro di evitare i bandi anche per il 2023, avere altre proroghe.
      Sono certo che la meloni:
      Evitera le sanzioni :
      della Corte di Giustizia sia monetarie sia amministrative

      Della magistratura penale nei confrontu dei pubici funzionari che nonostante ik divieto imposto dalla sentenza del Consiglio di stato di prorogare le concessioni anche in
      presenza di una suo legge

      Della magistratura amministrativa che ha previsto qualsuasi ulteriore proroga come tamquam non esset

      Della Corte dei conti che ha stabiliti il danno erariale relativo allla reiterazuone delle ororoghe

      Dell Autorita Anticcorruzione, che ha autonomi poteri di repressione

      Della Consulta che e’ custode dei valori di trasparenza imoarzialita non discriminazione un base alla quale deve essere gestitaa la repubblica

      Dei cittadini iyaliani che oltre ad non poter partecipare ai bandi non avranno nemmeno i soldi del Pnnr

      Petche? Pe garantire altre proroghe . Ottimo.

      • Carlo sei ridicolo….hai scritto cosi’ tanto che neanche un balneare coinvolto direttamente della questione e quindi preoccupato del suo lavoro sarebbe giustificato …ma a te ???? Te l’ho gia’ detto una volta che sei troppo comunista vero ??

      • Avv. Lucano says:

        Esclusione non significa proroghe. Significa dare la continuità alle aziende insistenti su suolo demaniale, l’azienda me la togli se la stato verifica che il mio comportamento non sia conforme a legge o improduttivo, per il resto posso continuare il mio lavoro se faccio bene, anche in perpetuo, controllo si , obbligo ad investire sicuramente, conformità ambientali si, tutto ciò che serve ed è utile alla nazione, ma togliere il lavoro per darlo ad altri no, è ingiusto , insensato e improduttivo dal punto di vista economico. Io aggiungerei lesivo di altrettanti diritti costituzionalmente garantiti, ma su questo l’Europa tace, per fortuna a breve cambieranno idea.

        • Nikolaus Suck says:

          1) Così come “esclusione non significa proroghe”, proroghe non significa(va) esclusione, e le norme nazionali hanno sempre previsto solo le prime, limitate nel tempo, e mai la seconda.
          2) “continuità alle aziende insistenti su suolo demaniale” per il diritto positivo è un controsenso e una contraddizione in termini. Le leggi italiane prevedono che tutto quanto fatto ed esercito sul demanio sia per definizione provvisorio e temporaneo e alla scadenza delle concessioni da cui dipende vada cessato e rimosso, e questo almeno dal 1923 se non da prima.
          3) “l’azienda me la togli” e “togliere il lavoro per darlo ad altri”: v. sopra. Nessuno toglie niente a nessuno. Sono affermazioni semplicemente sbagliate, per non dire altro.
          4) “anche in perpetuo”: No. L’art. 36 c.n. prevede e ha sempre previsto che le concessioni possono essere rilasciate e durare solo “per un determinato periodo di tempo” e la Corte Costituzionale lo ha confermato a più riprese.
          5) “lesivo di altrettanti diritti costituzionalmente garantiti”: secondo le definizioni costituzionali i balneari non sono “lavoratori” ma imprenditori, e ad essere tutelate sono la “libertà” (non diritto) di impresa e la proprietà, entrambe alle condizioni e limiti spettanti alla legge. E la legge, il c.c. e il c.n. per proprietà ed imprese sul demanio, prevedono appunto quanto sopra.
          Ed è ovvio che l’Europa taccia, visto che non spetta all’Europa esprimersi sui diritti costituzionali nazionali.
          6) “Per fortuna a breve cambieranno idea” prevedibilmente farà la stessa fine di ogni altra e singola tua previsione mai fatta qui, fine che non occorre ricordare.

          • Balle, ”limitate nel tempo” mai successo per numerose generazioni, in più, vi erano norme che garantivano, e nello stesso tempo incentivavano gli investimenti, un sistema che ha portato questo Paese ad essere tra i primi al mondo nell’industria turistica, in particolarmodo quello balneare, ciò che non potrebbe più avvenire per ovvi motivi, se venisse attuato il “tuo” (da te fortemente sostenuto) sciagurato progetto.

            • Nikolaus Suck says:

              Le “balle” stanno scritte testualmente in una norma da sempre vigente, “mai successo” è irrilevante oltre che nemmeno vero, nessuna norma “garantiva” nulla, gli investimenti dovevano servire e sono serviti per guadagnarci sopra e va bene così.

      • Carlo ma in Italia le decisioni politiche non le prendono i magistrati, anche quelli ai vertici. Le prendono i rappresentanti politici democraticamente eletti dal popolo. Fattene una ragione. Si chiama separazione dei poteri. E se la maggioranza decide che il governo di un settore economico vada fatto in un certo modo i magistrati e tutti voi offuscati dall’odio sociale vi dovete rassegnare. Anche perché ci avete rotto il …..

    • Luci e Carlo grazie a voi avremo anche un lavoro secondario per entrate extra “rivenditori casse di malox”.Saluti ai figli dei castori insegnateci a rosicare e a costruire dighe di invidia sicure quanto le vostre ;***

  4. Giuseppe Pintauro says:

    Mamma mia luci e Carlo quando vorrei vedere la vostra faccia quando la meloni ci farà lavorare senza problemi pagherei nn so ke cosa come aspetto quel momento per nn sentirvi più fare commenti stupidi e scemi come voi

    • Se vieni alle riunioni e chiedi ti daremo nome,cognome,codice fiscale,numero di scarpe di tutti questi odiosi esseri che a prescindere da tutto ci odiano e basta…

    • Nikolaus Suck says:

      L’ottimismo è una bella cosa. Ma consiglierei cautela. Molta cautela. Giusto per evitare che succeda il contrario.

  5. Tranquilli lo vedremo a breve, ricordatevi che più grandi sono le aspettative e più grandi saranno le delusioni. Mi chiedo come potete pensare che la Meloni possa e voglia stravolgere tutto riguardo alla Bolkestein, comunque illudersi non costa niente. Questo Capacchione poi mi sembra una vera macchietta, contenti voi!!!
    Sempre saluti ai figli del sole / Luci

  6. Al diritto di espressione e libero pensiero credo, in maniera paritetica, debba corrispondere il dovere di associare a tali parole e pensieri una identità certa ed individuabile. A questo, aggiungerei addirittura la “responsabilità morale” di metterci la faccia (come avatar)
    Chiederei alla redazione di Mondo Balneare di inserire una tale restrizione (che poi tale non è, se la si legge dal punto di vista dell’onestà intellettuale) quale “conditio” per poter intervenire e commentare su talune (se non tutte) tematiche che spesso sfociano in attacchi e offese gratuite, da parte dei soliti.
    Mi piacerebbe testarne così l’audacia a perseguire alcuni filoni soprattutto ora che si sta per entrare nel “periodo caldo”
    Sono un balneare e come molti miei colleghi non nego che mi aspetto una mano tesa dall’attuale governo. Ho sempre espresso il mio pensiero, sicuramente di parte, senza mai augurare il peggio a nessuno e soprattutto mettendoci la faccia.
    Sarebbe il caso che in tanti iniziassero a farlo, per vedere se poi riescono a rivendicare la paternità di certe espressioni quando a sottoscriverle non è più l’anonimo leone da tastiera.
    Francesco

    • Teo Romagnoli says:

      Scusa, ma con che coraggio questi personaggi vengono a scrivere spesso senza pudore, in una chat che si chiama “mondo balneare ” per mandare piaghe e sventura a chi si aggrappa alla speranza per non morire ! Si rendono conto del male che ( ingiustificatamente grazie alla Meloni) creano? Sono i soliti … carlo suck dario luci..ecc.. che scrivono per invidia o frustrazione o peggio pagati pure loro dalle multinazionali (come i giornalisti) per fomentare la macchina lancia fango contro una categoria che andrebbe premiata per aver investito in suolo pubblico. Se gente come me facesse quello che ho fatto qui, negli Stati Uniti, mi avrebbero dato la medaglia al lavoro. Invece in sto paese rovinato dai sopracitati, burocrazia e poltronai della politica non si dorme alla notte! Si naviga a vista e non si sa nemmeno cosa lasceremo ai nostri figli. Ci è toccato anche sconvolgere i nostri ideali e votare la fiamma per avere speranza. E dopo le mie argomentazioni mi devo leggere such che fa demagogia.. se ti beccassi per strada…altro che correttezza. Fossero più delicati e rispettosi il tuo discorso filerebbe, ma leggi il finale dei post di sto ebeti. Auguri ai figli del sole, buona fortuna ( sarcastico) non ci conterei…a 4 occhi no lo farebbero mai quindi sono in malafede.Mi dispiace, questa è l’Italia purtroppo moderna 😥

  7. Leggendo la lettera di risposta del presidente del consiglio al SIB sono ancora più convinto che questa donna difenderà in pieno il nostro comparto, e quello che noi ci aspettavamo. Grande donna grande presidente

  8. Siete passati da Berlusconi a Salvini e oggi Meloni, praticamente a votare i fascisti nel vostro mero interesse di bottega. Ma che categoria siete, che ideali avete. Le banderuole come voi non possono avere futuro ed infatti non c’é lo avete, e tutto finito!!! fortunatamente il mondo cammina …..
    Saluti ai figli del sole / Luci

  9. Vorrei ribadire a coloro che stanno senza fare nulla, perché abituati a non lavorare nonostante godono di ottima salute, in perenne attesa della manna dal cielo, che per ingannare il tempo, sono su questo portale tutti i giorni dalla mattina alla sera, di iniziare a darsi da fare, IL REDDITO DI CITTADINANZA PER VOI È FINITO. Altrimenti andate a fare compagnia ai vostri ispiratori antibalneari sfegatati: SERGIO BATTELLI (ex responsabile rapporti parlamento-UE) DI MAIO, RAGGI, BERTI, FICO, ora nullafacenti anche loro!

  10. Attenzione che il REDDITO DI CITTADINANZA potrebbe anche interessarvi personalmente a breve.
    Il mondo é fatto a scale c’é chi scende e chi sale.
    Auguri e buon reddito di cittadinanza. / Luci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.