Assobalneari-Confindustria

Maltempo, Licordari (Assobalneari): “Politica esprima solidarietà coi fatti”

«Il maltempo continua e i danni agli stabilimenti balneari non si contano». È l’allarme lanciato da Fabrizio Licordari, presidente di Assobalneari-Confindustria, dopo la nuova ondata temporalesca che si è abbattuta ieri lungo le coste italiane, danneggiando le imprese già martoriate dai violenti fortunali dello scorso 18 agosto. «Vorrei che fossero qui con noi Draghi, Giavazzi, Garofoli, Garavaglia, Gelmini, Brunetta e tutti coloro che non si sono opposti al ddl concorrenza, sottostando al diktat di un governo scaduto. Che ci vengano a spiegare come si fa a ripristinare le strutture danneggiate con un anno di prospettiva», tuona Licordari.

«Ora i politici si sprecano i proclami nei vari comizi e tutti fanno a gara per promettere tutele e a chi sarà più bravo. Ma è il tempo dei fatti. Alla guida del paese occorre una classe dirigente consapevole del patrimonio economico nazionale da tutelare e proteggere, anziché lasciare allo sbando, in balia di speculazioni economiche future, chi per lo sviluppo del paese ha lavorato, investito e creato impresa. Non mi riferisco ai soli stabilimenti balneari, ma anche ai porti, ai campeggi, agli alberghi e alle concessioni idroelettriche», prosegue il presidente di Assobalneari.

«È facile, nel momento del disastro, esprimere rammarico e stupore che durano qualche decina di minuti. La solidarietà la vogliamo con i fatti. Un fatto è impugnare davanti alla Corte costituzionale sentenze estremamente discutibili; un fatto è azzerare decisioni di un governo che ha voluto solo mettere le nostre coste a disposizione dei poteri economici forti, distruggendo un sistema che si è sviluppato e affermato con decenni di duro lavoro; un fatto è avviare una trattativa con la Commissione europea tutelando le imprese italiane non giocando con cavilli giuridici, bensì ponendo la questione sotto il profilo politico ed economico. Questo è il dovere di un governo che mette al primo posto l’Italia», conclude Licordari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Assobalneari Italia Federturismo Confindustria

Assobalneari Italia è l’associazione che riunisce le imprese balneari aderenti, a livello nazionale, al sistema Federturismo Confindustria.
Seguilo sui social:
  1. Bravo Fabrizio, parole sante ma inascoltate. Dobbiamo GRIDARE PIÙ FORTE PER FARCI ASCOLTARE. Dopo il disastro dei temporali e delle trombe d’aria i nostri politici non vengono nemmeno a consolare i titolari delle concessioni xchè a loro interessa poco se stabilimenti/lidi riaprono? anzi alcuni sono pronti a dare la mazzata finale per avere più facilità per consegnare, possibilmente anche da subito senza aspettare il 2023 le concessioni agli amici degli amici, alle mafie alle multinazionali ecc come d’altronde assistiamo tutti giorni su tutti i comparti produttivi Made in ITALY. È una grande vergogna. I politici ci hanno già MESSO LA TESTA SUL PATIBOLO PRONTI PER L’ ESECUZIONE. E poi che fanno? Ci vengono a chiedere il VOTO. Siamo alla follia totale. Caro Fabrizio dobbiamo resistere sempre con tutti i mezzi possibili e leciti e non farci scappare l’occasione del voto del 25/9. E speriamo di riuscirci. Siamo convinto di SI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.