Attualità

Caos concessioni balneari, Anci Toscana scrive ai parlamentari

"I Tar stanno annullando gli atti dei Comuni: occorre intervenire subito"

Il presidente di Anci Toscana Matteo Biffoni e la sindaca di Castagneto Carducci Sandra Scarpellini, responsabile del settore demanio marittimo dell’associazione, hanno scritto ai parlamentari toscani riguardo la grave situazione che si è creata sulle concessioni marittime balneari a uso turistico-ricreativo. «Un problema scaturito dal conflitto tra la normativa nazionale e quella comunitaria – recita una nota di Anci Toscana – che coinvolge tutti i Comuni costieri, bloccati dall’assenza di criteri univoci, allarmati per le concessioni già prorogate agli operatori e preoccupati per l’avvicinarsi della stagione balneare. A deputati e senatori eletti in Toscana, Anci chiede un interessamento affinché parlamento e governo decidano il prima possibile».

«L’Italia aveva concesso una proroga quindicennale delle concessioni, che erano in scadenza il 31 dicembre scorso (legge n. 145/2018 e decreto legge n. 34/2020); la Commissione europea però ha contestato la decisione e ha inviato al governo italiano una lettera di messa in mora, a cui sono seguiti i pronunciamenti dell’Autorità garante per la concorrenza e il mercato, che hanno trovato riscontro nelle ultime settimane in numerose sentenze di diversi tribunali amministrativi regionali», riepiloga Anci Toscana. «Tutti in sostanza hanno ribadito l’obbligatorietà per i Comuni di disapplicare la disciplina italiana, in quanto contraria alle disposizioni comunitarie in materia».

«L’ultima sentenza in ordine di tempo riguarda proprio la nostra regione – spiegano Biffoni e Scarpellini – dove lo scorso 8 marzo il Tar Toscana, accogliendo il ricorso presentato dall’Autorità garante per la concorrenza e il mercato, ha annullato gli atti di proroga adottati dal Comune di Piombino in osservanza della legge 145/2018 perché ritenuti contrastanti con la normativa europea e lesivi della libera concorrenza nel settore balneare. Altri Comuni toscani sono ad oggi in attesa di pronunciamento da parte del medesimo Tar su analoghi provvedimenti di ricorso presentati dalla stessa autorità, dal momento che la quasi totalità dei nostri Comuni costieri, al pari degli altri Comuni italiani, ha dato nei mesi scorsi attuazione alla legge dello Stato e prorogato a migliaia di operatori del settore le concessioni in loro possesso, la cui legittimità oggi appare fortemente contestata dalla giurisprudenza».

Biffoni e Scarpellini scrivono di ritenere «non più rinviabile un intervento da parte del parlamento e del governo che risolva il conflitto tra la normativa nazionale e comunitaria e fornisca criteri univoci e uniformi sul territorio nazionale, in modo da garantire senza ambiguità la legittimità degli atti posti in essere dai Comuni e indicare una soluzione agli enti i cui provvedimenti sono oggetto di annullamento da parte della giustizia amministrativa. In caso contrario vi è il rischio concreto di un blocco pressoché totale dell’azione amministrativa dei Comuni in materia».

© Riproduzione Riservata

Anci

Associazione Nazionale Comuni Italiani