Lazio

Santa Marinella ha blindato le concessioni balneari fino al 2033

Il Comune laziale ha rilasciato l'estensione prevista dalla legge 145/2018 tramite una procedura di evidenza pubblica, tanto che ora gli imprenditori del settore possono stare tranquilli per altri dieci anni

Il Comune di Santa Marinella, in Lazio, conferma la scadenza delle concessioni balneari il 31 dicembre 2033. Il sindaco Pietro Tidei lo aveva già annunciato a febbraio e lo ha riconfermato nei giorni scorsi: l’estensione di quindici anni prevista dalla legge 145/2018 a Santa Marinella è stata protocollata in seguito a una regolare procedura di evidenza pubblica, perciò i titolari di concessioni possono stare tranquilli. Chi avesse voluto presentare osservazioni o domande concorrenti, sostiene il primo cittadino, ha avuto una finestra temporale adeguata per farlo, pertanto ora i titoli possono considerarsi blindati. L’unica eccezione riguarda tre concessioni che sono state oggetto di domanda concorrente, tanto che per queste l’amministrazione comunale sta predisponendo i bandi entro la fine dell’anno. Per tutte le altre, invece, nessun altro si è dimostrato interessato e quindi il Comune ha potuto rinnovarle ai medesimi titolari.

Nel caos che sta colpendo i Comuni costieri in merito al rinnovo delle concessioni demaniali marittime, quello di Santa Marinella sembra insomma un esempio di gestione accurata e compatibile col diritto. L’estensione al 2033 è stata annullata a novembre 2021 da una sentenza del Consiglio di Stato, annullata il mese scorso dalla Cassazione, ma nel frattempo era intervenuta la legge 118/2022 del governo Draghi ad abrogare la norma e a fissare la nuova scadenza il 31 dicembre 2023. Il Comune laziale si è però abilmente infilato nei lassi giuridici e temporali della caotica situazione nazionale e, rispettando il diritto europeo che vieta i rinnovi automatici e obbliga alle gare pubbliche delle concessioni, è riuscito a dare una lunga certezza temporale agli imprenditori balneari del suo territorio. Ne è convinto il sindaco Tidei, che afferma: «Il Comune di Santa Marinella, in attesa di quanto vorrà decidere il governo centrale, prosegue nella strada intrapresa che è quella più corretta, la quale ha previsto delle gare per l’assegnazione delle concessioni demaniali marittime che scadranno solo nel 2033».

Pietro Tidei, oltre a essere un esponente di lungo corso del Partito democratico (prima di diventare sindaco di Santa Marinella, è stato deputato alla Camera dal 2001 al 2012), è anche avvocato e sembra essere molto sicuro del suo operato dal punto di vista giuridico: «La procedura adottata dal Comune di Santa Marinella, dopo un’attenta analisi delle norme da parte del nostro ufficio demanio, ha rispettato tutti i requisiti previsti dalla legge in materia di trasparenza e libera concorrenza, in conformità con la direttiva europea Bolkestein. Non si è trattato infatti di proroghe delle concessioni in scadenza, perciò non è stata violata la direttiva Bolkestein e le concessioni sono state assegnate tramite una procedura di evidenza pubblica, un bando affisso all’albo pretorio. Solo per tre concessioni sono giunte più offerte in concorrenza, perciò per queste ora si farà una nuova gara per l’assegnazione definitiva».

Conclude il sindaco: «L’iter procedurale adottato dal nostro Comune ha riscosso grande apprezzamento anche da parte di altre amministrazioni di località costiere, non solo del Lazio ma anche dell’Emilia-Romagna. I nostri operatori balneari, e ricordo che si tratta perlopiù di imprese familiari che da sempre offrono accoglienza e servizi lungo le spiagge di Santa Marinella e Santa Severa, ad oggi possono guardare con serenità al futuro, perché potranno investire e continuare a gestire le loro attività, che peraltro occupano meno di un terzo del litorale del comprensorio comunale, dove persistono numerosissimi trattai di costa lasciati alla libera e gratuita fruizione e dove potranno essere realizzate delle spiagge libere attrezzate».

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: