Campania

Mondragone proroga concessioni balneari al 2025

Il Comune campano ha tenuto conto della scadenza rinviata dal decreto milleproroghe del governo Meloni, e non di quella originale fissata dalla legge 118/2022 di Draghi

Il Comune di Mondragone, in Campania, ha deciso di estendere la validità delle concessioni balneari fino al 31 dicembre 2025. Si tratta di una delle pochissime amministrazioni comunali che ha tenuto conto della proroga di un anno approvata lo scorso febbraio dal governo Meloni.

La legge 118/2022, voluta dal governo Draghi, ha fissato la scadenza delle concessioni il 31 dicembre 2023, applicando le disposizioni di una sentenza del Consiglio di Stato di novembre 2021 che aveva imposto quella data come termine ultimo per riassegnare i titoli mediante gare pubbliche. Inoltre, la 118/2022 ha dato la possibilità di un anno di deroga in più, fino al 31 dicembre 2024, nel caso in cui un’amministrazione comunale riconoscesse delle difficoltà oggettive a concludere le gare. Di questa deroga si è avvalsa la stragrande maggioranza degli enti locali, poiché il governo Meloni non ha mai approvato il decreto attuativo della legge 118/2022, che avrebbe dovuto stabilire dei criteri nazionali con cui effettuare i bandi.

A febbraio 2023 l’attuale esecutivo, con il decreto milleproroghe, ha spostato di un anno le date della legge 118/2022, modificando la scadenza delle concessioni il 31 dicembre 2024 e il termine ultimo per effettuare le gare il 31 dicembre 2025. Tuttavia, pochi giorni dopo un’altra sentenza del Consiglio di Stato ha dichiarato invalida questa norma, ritenendola una proroga automatica ai medesimi titolari e perciò in contrasto con il diritto europeo. Nella sua sentenza in adunanza plenaria di novembre 2021, Palazzo Spada aveva ulteriormente ribadito che nessun rinvio della scadenza oltre il 31 dicembre 2023 sarebbe stato valido: anche per questo, i Comuni costieri italiani non hanno tenuto conto delle date modificate dal decreto milleproroghe, rimanendo fedeli alla stesura originale della legge 118/2022. Ha fatto eccezione, appunto, il Comune di Mondragone, che invece ha approvato una delibera per spostare la scadenza delle concessioni nel suo territorio al 31 dicembre 2025.

Nello specifico, con una serie di linee di indirizzo, il Comune di Mondragone ha istruito il responsabile dell’area tecnica a valutare le difficoltà nell’espletare la procedura e, se necessario, a prorogare il termine di scadenza delle concessioni esistenti fino al 31 dicembre 2025. Fino a questa data, afferma la delibera, l’occupazione dell’area demaniale da parte dei concessionari uscenti è considerata legittima.

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: