Attualità

Governo accelera su riforma concessioni balneari, martedì la presentazione

Il ministro Garavaglia ha convocato le associazioni di categoria per sottoporre i contenuti del disegno di legge. Annunciato presidio di protesta.

Il futuro delle imprese balneari italiane sarà deciso sotto le feste natalizie, ma all’interno del governo ci sono ancora divergenze tra chi vuole varare una riforma subito e chi invece preferisce lavorarci con un po’ più di calma. Finora a prevalere è stata la linea attendista: le voci che si sono rincorse nelle ultime 48 ore davano per certa la presentazione di un decreto legge che avrebbe regolamentato le procedure di gara immediate per riassegnare le concessioni demaniali marittime tramite evidenza pubblica, ma nel consiglio dei ministri di ieri – l’ultimo dell’anno – non è stato presentato alcun provvedimento in merito. Tuttavia il ministro del turismo Massimo Garavaglia ha convocato per martedì 28 dicembre a Roma i rappresentanti delle associazioni di categoria, proprio per condividere con loro i contenuti della riforma a cui intende lavorare il governo Draghi: l’idea dunque è possa arrivare un decreto o un disegno di legge già entro la fine di gennaio, parallelamente alla mappatura del demanio marittimo stabilita dal decreto concorrenza.

Per questo, le associazioni degli imprenditori balneari sono in allerta e pronte a manifestare, con un presidio già convocato e autorizzato per il prossimo martedì davanti a Palazzo Chigi, mentre i loro rappresentanti nazionali saranno da Garavaglia a conoscere i contenuti di una riforma finora non condivisa non solo con le sigle di settore, ma nemmeno con le Regioni e con i gruppi parlamentari.

Le reticenze dell’esecutivo ad agire subito sarebbero soprattutto legate alla tenuta della maggioranza, e non tanto alle cautele che la riforma su una materia così complessa richiederebbe. Il premier Mario Draghi e i suoi fedelissimi non hanno mai nascosto di voler avviare il prima possibile le gare per riassegnare le concessioni balneari, e dopo la sentenza del Consiglio di Stato che lo scorso 9 novembre ha annullato la proroga al 2033 disposta dalla legge 145/2018 e imposto le evidenze pubbliche entro due anni, la questione si è fatta ancora più scottante e urgente. Tuttavia, Lega e Forza Italia sono ostili alla norma e stanno in tutti i modi ostacolando il primo ministro, facendo pressing per lavorare a una riforma con più calma e soprattutto condividendola con le associazioni di categoria. E anche alcuni esponenti del Partito democratico stanno invitando l’esecutivo a ponderare meglio i tempi. Qualche idea in più sugli orientamenti del governo si avrà fra appena quattro giorni, ma quel che è certo è che per i balneari italiani è appena iniziato l’inverno più incerto e preoccupante della loro storia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Alex Giuzio

Caporedattore di Mondo Balneare, dal 2008 è giornalista specializzato in demanio marittimo, turismo e questioni ambientali e normative legate al mare e alle spiagge. Ha pubblicato "La linea fragile", un'inchiesta ecologista sulle coste italiane (Edizioni dell'Asino, 2022).
Seguilo sui social:
  1. Lega e forza Italia sono ostili alla norma????? È Garavaglia allora va avanti di testa sua contro le indicazioni del suo partito… Mi sembra difficile da credere, qui la lega si brucia anche i nostri voti!!!

  2. Esatto facciamo le cose con calma, piano piano sono passati appena 20 anni, tanto se non si riesce a fare in tempo nemmeno per il 2024 a fare la riforma, possiamo guadagnare altro tempo e dire che non c e l abbiamo fatta cosi facciamo un altra proroghina giusto?

    • Se decideranno di mettere alle aste le concessioni demaniali , toglieranno l’unico lavoro a migliaia di famiglie per dare lavoro a chi ha multinazionali. Chi ha solo quel lavoro a condizione familiare a 50 anni cosa deve fare per mantenere la propria famiglia? Ci sarà una rivoluzione mai vista in Italia. Ci sono kilometri di costa libera, dove possono dare nuove concessioni Senza togliere il lavoro a migliaia di famiglie.

      • Nikolaus Suck says:

        Falla finita con questa stupidaggine delle multinazionali, alle quali delle gare non frega niente e che già oggi si comprano quello che vogliono semplicemente mettendo i soldi sul tavolo. Fatti valere, partecipa alla gara e dimostra che sei il migliore e meriti la tua concessione.

        • Stefano Mazzotti says:

          Giusta osservazione.
          Però almeno delle regole base bisogna stabilirle, non buttarla solo sul portafoglio. Lì non c’è partita…

          • Vorrei dire che Red Bull ha appena acquistato 120.000 mq di Costa in Adriatico (60.000 in propr privata e 65.000 in concessione demaniale)
            Questo per confermare la tua scarsa lungimiranza in materia di multinazionali (che non pagano tasse in Italia)

            • Nikolaus Suck says:

              Appunto. Senza (bisogno di) aspettare le gare. A dimostrazione che l’equazione gare uguale multinazionali è una sonora sciocchezza.

        • Ma se a te un bel giorno dicessero:”la tua laurea non vale piu, devi ridare gli esami”, il mtuo studio lascialo li che lo occuperà qualcun altro, avresti piacere???!!!E avere addosso gente che tifa per la tua rovina, ti farebbe piacere??? Ma piantala…….

          • Nikolaus Suck says:

            I miei esami, la mia laurea, il mio studio, tutto quanto, è roba privata, per studiare e lavorare non ho mai impegnato nemmeno per un minuto risorse pubbliche, è tutta roba mia e solo mia. Diversamente da me tu occupi e sfrutti qualcosa che è collettivo e di tutti e guadagni grazie a quello, e in base a un titolo TEMPORANEO, io no. Ritenta.

            • Io ho “occupato e sfruttato” un bene pubblico pagando quello che mi veniva richiesto dallo Stato, riesci a capire che volevo dire che dall’oggi al domani potrebbe succedere la stessa cosa a te, e non credo che atteggiamenti da avvoltoio nei tuoi confronti ti farebbero piacere.

            • Sei andato a studiare in università pubbliche, per cui il tuo futuro l’hai creato nel bene pubblico di tutti, come i balneari che hanno pagato cio che gli è stato concesso.
              E bisogna vedere su quali università perché alcune sono prestigiose….non so se mi spiego.
              Un avvocato serio , se tale sei , non si perderebbe in in commenti su questo sito…almeno il mio non lo farebbe.
              BUON NATALE

            • Ci hanno dato un po’ di sabbia Suck, sabbia priva di valore che noi abbiamo trasformato. Se questa sabbia oggi interessa è solo grazie a noi.

            • Certo, noi sulle spiagge mica offriamo un servizio alleviamo polli e galline…e poi cos’è questo “sfruttate”? mica le abbiamo rubate o consumate le spiaggia, quelle sono sempre lì. Il demanio dato in concessione poi è tutto gettito per lo stato centrale e le regioni, anche se è vero il discorso che tanti concessionari in certe zone di Italia non pagano il giusto o addirittura non pagano neanche un centesimo, oppure ancora peggio compiono abusi e non rispettano l’ambiente costiero. Ma le due cose sono evidentemente non collegate…sei d’accordo Nik?

            • Ho finanziato i tuoi studi : il costo di 1 anno di università è di 25.000 euro e tu ne hai pagati poco più di 1.000 gli altri li hanno presi dalle mie tasse ! Non fraintendere io sono ben felice di averteli dati , non sono eroso dall’invidia o da un malato senso della giustizia . Sono sicuro che tu ci darai di più !

            • Guarda la licenza noi l’abbiamo pagata e salata .ipotecando la casa i rinnovi erano automatici.cambiare le carte in tavola e mettere a repentaglio i sacrifici di tutta una vita. È una vergogna!!!!!!! Lo stato dovrebbe proteggere i suoi imprenditori e la ricchezza che producono

        • suck finiscila tu di offendere la povera gente disperata e cerca di moderare le parole non tutti sono ricchi come te . l 11 e vicino non scordarlo tu che non temi nessuno (a chiacchiere)

        • Noto una forte contraddizione nel suo commento Suck!!! Quindi è assodato che le multinazionali comprano ciò che vogliono sul demanio e per loro non vale la logica delle gare? Quindi le gare sarebbero riservate ai poveri piccoli imprenditori che peraltro hanno creato il sistema turistico balneare italiano ?

          • Nikolaus Suck says:

            Niente affatto. Non sia pretestuoso. Le gare valgono e verranno per tutti, ma non è quelle che bisogna attendere e temere come causa di ingresso delle multinazionali, perché quelle già oggi possono comprare e comprano le aziende da chi gliele vuole vendere anzi è più facile. Per cui dire gare uguale multinazionali è una stupidaggine. Tutto qui.

            • Suck, ma secondo te noi vecchi concessionari siamo sfruttatori, mentre chi subentrerebbe non sarebbe uno sfruttatore? Se io me la riprendo vincendo all’asta non sarei più uno sfruttatore di un bene pubblico? Se ipoteticamente nessuno si fa avanti nelle aste e tutto rimane come prima, siamo tutte brave e oneste persone?… Ci puoi spiegare il concetto di sfruttamento? Grazie.

    • Caro signore
      Fare chiacchiere tanto per farle e lo sport nazionale italiano.
      Io ho 60 anni e mia moglie 53.
      Per oltre 30 anni abbiamo fatto gli agenti di commercio in un settore (calzature e pelletteria) che sta morendo e non produce più volumi tali da consentire a chi vive di provvigioni di camparci.
      Con due figli a carico e non sapendo fare altro abbiamo preso tutti i nostri risparmi di una vita ed abbiamo ipotecato quello che avevamo per accendere un prestito che ci consentisse l’acquisto di un piccolo stabilimento balneare che tra l’altro cadeva a pezzi.
      Abbiamo lavorato come le bestie questi due anni senza vedere un soldo in quanto dobbiamo rientrare delle spese di ammodernamento .
      Ma lei cosa ne sa ?
      Cosa ne sapete tutti ?
      Sapete quali spese e quante regole e quanti controlli ci sono per un lavoro che di fatto richiede un impegno fisso di 6 mesi ed in realtà ha solo luglio ed agosto come mesi proficui?
      Sempre tempo permettendo…
      Sa cosa significa lavorare come le bestie 90 giorni giorno e notte di continuo senza una giornata di riposo?
      Sa quanti dipendenti devono ruotare per assicurare il giusto riposo, sempre che lavorino coscienziosamente ?
      Sa quanto costano ombrelloni nuovi, passerelle nuove, docce nuove , sdraio e lettini nuovi da cambiare mediamente ogni 4/5 anni perché la gente di notte fa di tutto ?
      Sa a quanto ammontano le multe se ogni minima cosa non è a posto?
      Voi siete persone che fanno solo chiacchiere.
      Senza sapere nulla di nulla.
      Questo schifo di paese merita di fare la fine che sta facendo.
      Aspettate che arrivino i soliti speculatori stranieri.
      Poi andrete a fare gli schiavi consumatori da loro.

  3. Scusate, anche perche si tratta di un DISEGNO DI LEGGE, che in ITALIA vale sottozero, la gran parte dei disegni di legge non viene approvato, e se lo viene dopo anni e anni…ne abbiamo avuto ampie prove con il disegno DI PIZZOLANTE Abortito, FITTO Abortito ecc .
    Quondi alla COMMISDIONE EUROPRA GLI PRESENTIAMO QUESTA PATACCA , E LORO COME SEMPRE SOSPENDERANNO LA PROCEXURA DI INFRAZIONE.
    TRA 2 ANNI CI SARANNO ELEZIONI,PROPIO come e ‘ accadutO Con Pizzolante,
    Nessuno approvera niente.
    TRANQUILLI RAGAZZI

    • Nikolaus Suck says:

      Attenzione Carlo, quelle sono le “proposte” di legge, di iniziativa parlamentare e dei singoli parlamentari o gruppi, che restano quasi tutte nei cassetti. Per i “disegni” di legge di iniziativa governativa è un po’ diverso.

  4. Ragazzi e’ un disegno di legge, dobbiamo imveve sostenere tale strategia:

    1.Durano in parlamento una vita

    2.Tra 2 anni si vota! E finira come quello di Pizzolante!!! 😉

    3.Con questo strumento fetmiamk la procedura di infrazione

    4.e fra due anni chiediami una proroghina, e noi abbiamo guadagmato altri anni

    • Io intendevo solamente che un disegno di legge non discusso con associazioni, regioni e comuni su una tematica così complessa e differente da territorio a territorio mi lascia perplesso…… Ma tanto tu Carlo trai tutte le tue conclusioni da solo, te la canti e te la suoni!!!

  5. Intanto la Corte costituzionale ha dichiarato illegitima la Legge regionale sarda sull’interpretazione del piano paesaggistico.L’ambiente ringrazia e augura Buone Feste a Solinas e company!

  6. Se la riforma doveva essere fatta , andava proposta prima della 145 , prima che la gente accendesse mutui e si indebitasse ipotecando anche le case cosi facendo lasciano nel guado migliaia di persone… incompetenti , infami….Da europeista convinto mi state facendo diventare “Patriota” estremo ….Prima o dopo ci farete andare a vorare …….

      • Comunque anche se la legge dovesse essere approvata celermente sata sempre possibie impugnarla anche nel merito con riferimento alla risarcibilita o meno dell interesse legittimo alla tutela degli investimento.
        Con riferimento al momento dal quale e’ possibile richiederlo, si e’ gia pronunciata la Corte di Giiustizia Europea

      • balneari non rispondete piu a queste persone lasciatele parlare ,sono tutti pagati.non rovinatevi il natale per dei personaggi simili. l 11 e vicino pensate solo a quello .l unita fa la forza e noi siamo tantissimi. il fatto stesso che queste persone frustrate e vigliacche scrivano anche alla vigilia di natale dimostra la propria insensibilita verso le vite altrui.

  7. A me risulta che sarà una legge delega e non un disegno di legge.
    Mi pare che volessero metterla già nel milleproroghe ma poi hanno deciso almeno di consultare i balneari prima.
    La legge delega verrà approvata velocemente e darà delega al governo di fare, con decreto, tutti i passi per la riforma.
    Parametriamoci sull’estate prossima per avere la legge fatta e finita.
    Chi di noi spera che la palla vada di nuovo in tribuna credo sbagli.
    E atterreremo tutti bruscamente

  8. Ho comprato la mia azienda balneare nel 2013 solo una volta appurato che, avendo la commissione europea e la bce commissariato il governo italiano, avendo questo, nella persona di Mario Monti, ex presidente della commissione europea sotto il cui mandato è stata licenziata la direttiva bolkestein nel 2006, esteso le concessioni al 2020 senza introdurre le evidenze pubbliche, la commissione europea non ha avviato alcuna procedura di infrazione.
    Considero anche le dichiarazioni pubbliche di Frits bolkestein in persona, che in quegli anni ha più volte pubblicamente rimarcato che la direttiva che porta il suo nome non era intesa per il caso delle concessioni demaniali marittime, ma si dirà che i pensieri personali che frullano nella testolina del relatore di una legge non sono rilevanti, conta solo ciò che quella legge mette effettivamente nero su bianco (questo però allora deve valere anche per i presunti dubbi e le presunte perplessità di Centinaio circa la sua 145/2018).
    Considero ugualmente i numerosi pareri pubblicamente espressi in questi anni da numerosi autorevoli professionisti del diritto. Certo, è vero a fare giurisprudenza sono solo le sentenze, ma quelle che poi si sono dimostrate essere tesi minoritarie non possono comunque essere liquidate come esternazioni di ubriachi. Restano autorevoli pareri di qualificati giuristi.
    Ora, se lo stato italiano ha risarcito i Benetton con 9 miliardi di euro per risolvere la concessione dopo aver raccolto da terra i 43 morti caduti nel vuoto dal ponte Morandi, io trovo congruo e moralmente (non giuridicamente) dovuto che lo stato accantoni 9 miliardi di euro per risarcire anche quante sono? 10.000 aziende balneari i cui destini sono condizionati pesantemente dal caos normativo e dai conflitti istituzionali di questi anni. Togli tre zeri di qua e di là, restano 10 di qua, 9 milioni di là, sono 900.000 euro che spettano a ogni azienda. Mi accontento.

  9. A Febbraio e’ previsto il parere motivato relativo alla provedura d infrazione comunitaria.

    Per evitare il parere, che ha come comseguenza l essere deferiti nuovamente alla Corte di Giustizia Europea,
    Il Governo fa vedere che qualcoda si muove, im questo moto si ottiene una sospesione della procedura di infrazione.
    E come il gioco dell oca

  10. NON SI PERMETTA Di FARE SARCASMO SPICCIOLO O ALLUSIONI BECERE ! Sono 40 anni che lavoro e che pago le tasse senza aver mai rubato nulla a nessuno e i ai miei figli insegno quotidianamente le buone maniere … Avvocato a fare certe affermazioni si dovrebbe vergognare , sono anni che sta qua ‘ a fare la sentinella … a svendere la sua coscienza e cultura per DENARO ! Si deve vergognare ….

  11. io ho votato M5S che hanno votato la 145 e adesso la rinnegano …. Pensi un po’ quanto siamo stati coglioni in famiglia ad averli votati …….. Senza parole ! Quante cose sono cambiate dal Waffa day in Piazza della Vittoria … Un solo mandato , no al 2 per 1000 , Restituzioni alla collettivita’ , mai con Bibbiano e i Banchieri , mai con la Lega …… Poi parlano delle concessioni , roba da pazzi !

  12. Francamente sono vicino a Carlo & C. perché anche io spero che si tenti la strada di una breve proroga che permetterebbe di denunciare i funzionari che non avviano i bandi per omissioni d’atti d’ufficio e i balneari storici per occupazione abusiva di suolo pubblico eliminandoli dalla possibilità di competere..la proroga dopo il 01/ 01/2024 durerebbe il tempo della prima denuncia o condanna e porterebbe alle evidenze senza alcuna tutela per i concessionari i cui sindacati hanno dimostrato negli anni la loro lungimiranza. Vediamo e speriamo che la sentenza non abbia portato ad alcuna consapevolezza come sembra nelle rappresentanze mentre mi sento dispiaciuto ma fiducioso per quei tanto Tommy & C. che sapranno vincere perché migliori. Auguri quindi ai Tommy che smettono di esigere privilegi e si attrezzano per affrontare il nuovo.

  13. Ancora con le aste ! Metti tutti i lavori statali con procedura , e ogni quarto anni non sai quello che farai ! In modo che così saremo tutti più preoccupati e non compreremo neanche una bici . Triste e!!! Viva l’ignobile arrivismo di chi ogni tanto vuole gestire una spiaggetta. Bisogna che martedì sarete in tanti tanti tanti! Tanto le feste ve L hanno rovinate , e nessuno dice a!! Il commerciante in genere è carne da macello! Bisogna che ci incazziamo di brutto.!!

  14. Bravo! NO BANDI NO RIFORMA

    OPPURE…Andiamo tutti come foche al circo togni per chiedere,magari in cambio della riforma, altre proroghe, magari vi accontentano!
    Cosi sarete contenti e al 2024 vediamo quello che succede.

  15. Buon Natale a tutti i balneari , il momento è difficile ma riusciremo a superare siamo gente onesta che ha gestito al meglio le coste e la balneazione garantendo mare sicuro con la professionalità dei nostri assistenti e offrendo spiagge pulite anche in inverno un saluto a tutti e Buon Natale..

  16. da osservatore esterno non interessato, ma molto ben informato ( per il mio ex lavoro ) vorrei dire che oltre decidere una volta per tutte le norme definitive che regoleranno le concessioni demaniali, cercando, nel caso di aste pubbliche, di stabilire un periodo congruo ( 10 – 12 anni ?? ) di durata x garantire il rientro ed il guadagno ,degli investimenti dei nuovi affidatari ( considerando che i prezzi stellari delle vendite delle concessioni dovrebbero automaticamente scendere visto il periodo limitato) e cercando di tutelare i gestori uscenti degli investimenti fatti ( che potranno essere equamente indenizzati dagli eventuali subentranti che non avranno interesse ne tempo a ricostruire ex novo ) , vorrei sperare in un adeguamento dei canoni demaniali ad un mercato privato molto piu oneroso di quello attuale, ed un controllo più efficace sull’evasione fiscale ormai consolidata nel tempo della categoria ( non parliamo di TUTTI , ma di TROPPI) , generando quindi un introito maggiore di entrate x le casse dello stato ( oltre ai guadagni x la vendita delle aste ) che potranno servire x i servizi di tutti i cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.