Attualità

Federcontribuenti: “Con le gare delle concessioni balneari, i prezzi in spiaggia aumenteranno”

Con le gare delle concessioni balneari, previste entro il prossimo 31 dicembre dalla legge attuale, i prezzi dei servizi di spiaggia aumenteranno a danno dei consumatori. Lo segnala Federcontribuenti. La conseguenza dell’applicazione della direttiva Bolkestein, sostiene l’associazione di tutela dei consumatori, è «l’impatto significativo non solo sulle attività balneari e sulla gestione delle spiagge in Italia in generale, ma anche sugli utenti».

«È pressoché matematico – afferma Federcontribuenti – che un rincaro delle concessioni si ribalterà sul prezzo dei servizi offerti, e quindi sui consumatori. In alternativa, qualora a partecipare alle gare fossero gruppi finanziariamente forti, nulla vieta che si verifichi un fenomeno di concentrazione delle concessioni, con omologazione dei servizi e dei prezzi». Il riferimento sembra essere al caso di Jesolo, dove sono state accorpate più concessioni vinte da una società capitanata dal titolare di Geox, con un conseguente rincaro del 50% sui servizi di spiaggia.

Ad aumentare le perplessità di Federcontribuenti, oltre ai possibili «cambiamenti significativi nel settore delle spiagge italiane nei prossimi anni, sotto forma di cambi di gestione e proprietà, che potrebbero far passare da un controllo imprenditoriale a uno finanziario», ci sono anche «i comuni italiani, che si sono rivelati assolutamente incapaci di identificare le aree adibite a spiaggia pubblica».

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: