Assobalneari-Confindustria

Elezioni, Licordari: “Rammarico per mancata candidatura Buratti”

Il presidente di Assobalneari-Confindustria commenta l'esclusione del deputato dalle liste del Partito democratico

«Esprimo il mio rammarico per la mancata ricandidatura del deputato uscente Umberto Buratti nelle fila del Partito democratico. Al netto delle diverse idee politiche, si tratta di una persona capace che ha fatto molto per la questione balneare; perciò è un vero peccato che la sua figura non sia stata tenuta in considerazione in vista del voto del prossimo 25 settembre per il rinnovo del parlamento». Lo dichiara a Mondo Balneare Fabrizio Licordari, presidente di Assobalneari-Confindustria, commentando la notizia dei sette balneari candidati in parlamento, tra i quali non figura il dem Buratti.

«Buratti ha portato le istanze degli imprenditori balneari all’interno del Partito democratico mettendoci sempre la faccia, rappresentando una posizione difficile e minoritaria all’interno del Pd, e argomentandola sempre in modo tecnicamente inoppugnabile», prosegue Licordari. «Inoltre, il deputato si è fatto molto apprezzare anche da Confindustria Nautica per gli importanti emendamenti a difesa del settore inseriti all’interno del ddl concorrenza».

«Non vorrei che il motivo dell’esclusione di Buratti sia proprio nella sua onestà di pensiero e nella posizione seria che ha sempre mantenuto nell’occuparsi di demanio marittimo a favore delle imprese che vi investono. In tal caso, sarebbe gravissimo che un partito abbia voluto togliere dal parlamento una persona ritenuta scomoda», sottolinea il presidente di Assobalneari.

«Anche se le liste sono state ormai chiuse e la decisione è irreversibile, ritengo importante ringraziare l’onorevole Buratti per quanto fatto nei suoi cinque anni da parlamentare», chiosa Licordari. «Tutto il settore dovrebbe riconoscergli il merito per la capacità tecnica e politica di avere tentato di far comprendere le posizioni dei balneari all’interno del suo partito, e questo è stato apprezzato anche da esponenti di altre forze parlamentari».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Assobalneari Italia Federturismo Confindustria

Assobalneari Italia è l’associazione che riunisce le imprese balneari aderenti, a livello nazionale, al sistema Federturismo Confindustria.
Seguilo sui social:
  1. Gianfranco says:

    Certo come no, visto la la nostra situazione è un vero peccato che vengano a mancare certi personaggi, i risultati sono sotto gli occhi di tutti noi imprenditori balneari, ma mi faccia il piacere!

    • Effetto elezioni .
      Tutti indistintamente si sono spesi per il comparto balneare. Il risultato ( in primis il non riconoscimento di un valore oggettivo di azienda) É la dimostrazione di come sono politici meritevoli di riconferma.

  2. Antonella Accardi says:

    Licordari che finta sviolinata. Anzi lei è Buratti che avete uno stabilimento balneare siete proprio sicuri che andrete a gara come la maggior parte di noi?

  3. Io Ché per tutta la vita o votato la sinistra non ho nessun rimpianto per la mancata candidatura di BURATTI, cosa a fatto? per i piccoli concessionari di pochi mq. di concessione? Non o notato nessun emendamento nel novo D.L. di febbraio che riproponesse quel canone di € 500 valevole solo per l’anno 2021 (Bergamini-Gagliardi). Andando al voto, dovrò di nuovo otturarmi il naso e versare 3 mesi di pensione aspettando che i nuovi decreti attuativi della nuova L. possa far variare quel canone minimo voluto da Calenda nell’agosto del 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.