Sib-Confcommercio

Balneari, Capacchione (Sib): “Sicurezza imprese è risultato ancora da raggiungere”

Il presidente del sindacato aderente a Confcommercio fa il punto sulle vicende normative in corso

«In questi giorni, dopo una serie di incontri con i rappresentanti politici e istituzionali abbiamo fatto il punto della situazione riguardante i balneari con i massimi rappresentanti di Fipe e Confcommercio, il presidente Lino Stoppani e il presidente Carlo Sangalli, anche al fine di articolare le richieste e la strategia sindacale in occasione della conversione in legge del “decreto semplificazione” e dell’emanazione del “decreto agosto”». Lo rende noto Antonio Capacchione, presidente del Sindacato italiano balneari aderente a Fipe-Confcommercio. «A tutti i nostri interlocutori abbiamo evidenziato il ruolo fondamentale che sta avendo la balneazione attrezzata italiana per la ripartenza economica e morale del paese – prosegue Capacchione – e nel contempo abbiamo sottolineato che la messa in sicurezza giuridica ed economica del settore non è un risultato già raggiunto, ma costituisce un obiettivo ancora da conseguire ancorché siano stati fatti passi importanti nella giusta direzione sia con la legge 145/2018 (la legge di bilancio 2019, art. 1 comma 675 e segg.) che, da ultimo, con la legge 77 del 17 luglio 2020 (il cosiddetto “decreto rilancio”, art. 182 secondo comma)».

«In riferimento a quest’ultimo provvedimento normativo – aggiunge il presidente del Sib – abbiamo, nei confronti dei nostri interlocutori, auspicato che venga onorato anche l’impegno assunto da tutte le forze politiche (da ultimo ufficialmente in parlamento dal ministro dell’economia Roberto Gualtieri) per il recupero delle disposizioni in favore dei cosiddetti pertinenziali, che erano state sorprendentemente stralciate prima della conversione in legge del decreto».

Conclude Capacchione: «L’iniziativa sindacale della nostra organizzazione, pertanto, continua per garantire a tutte le 30.000 aziende balneari italiane la continuità del lavoro e un trattamento fiscale equo e sostenibile nell’interesse del paese e della sua competitività nel mercato internazionale delle vacanze».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sib Confcommercio

Sib Confcommercio

Il Sindacato italiano balneari si è formalmente costituito il 14 dicembre 1960 e, attraverso la Federazione Italiana Pubblici Esercizi (FIPE), aderisce alla Confcommercio - Confturismo.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *