Sindacati e associazioni

Associazioni balneari soddisfatte per parole Meloni su riforma spiagge

Le associazioni di categoria degli imprenditori balneari hanno espresso apprezzamento per le parole della presidente del consiglio Giorgia Meloni sul riordino delle concessioni demaniali marittime, pronunciate oggi durante la conferenza stampa di fine anno.

Così Antonio Capacchione, presidente del Sindacato italiano balneari aderente a Fipe-Confcommercio: «Bene che la presidente del consiglio Giorgia Meloni, nella sua conferenza stampa, abbia evidenziato l’importanza della mappatura della risorsa quale condizione per l’applicazione della direttiva Bolkestein. Positivo, soprattutto, il preannunciato intervento normativo chiarificatore che da mesi stiamo sollecitando. Ne sottolineiamo l’urgenza e confidiamo che l’intervento normativo tuteli i diritti dei concessionari attualmente operanti, primo fra tutti quello al lavoro e alla continuità aziendale».

Questo invece il commento di Fabrizio Licordari, presidente di Assobalneari-Confindustria: «Le parole della presidente del consiglio Giorgia Meloni sulla questione delle concessioni balneari pesano come macigni e hanno una rilevanza fondamentale sulla strada che il governo intende percorrere. La presidente ha posto con correttezza al centro della questione il lavoro, svolto proprio dall’esecutivo con il coinvolgimento di ben nove ministeri con i dati ufficiali forniti dalle Regioni, alla realizzazione della mappatura delle nostre coste “per stabilire se esiste o non esiste il principio di scarsità del bene, che è fondamentale per l’applicazione della Direttiva Bolkestein”».

Argomenta Licordari: «Le proposizioni della presidente del consiglio non lasciano dubbi sulla determinazione del governo a sostenere l’applicazione corretta della direttiva Bolkestein con l’articolo 11 e non con il 12, che ha come presupposto vincolante proprio la scarsità della risorsa, come invece tutti coloro che invocano le aste vorrebbero vedere strumentalmente ed erroneamente applicato. L’approccio che questo governo ha avuto su questa vicenda, che molti organi di stampa hanno e continuano a prospettare all’opinione pubblica con argomenti strumentali, è quello corretto dell’approfondimento delle norme enunciate dalla direttiva Bolkestein e i contenuti dell’importante sentenza della Corte di giustizia europea del 20 aprile scorso che, interpellata con estrema cognizione dal presidente del Tar Lecce Antonio Pasca, ha fornito i principi chiarificatori per consentire di procedere alla corretta applicazione della Bolkestein. Assobalneari Italia, aderente a Federturismo Confindustria, non può che compiacersi con il governo e le forze politiche che lo compongono, perché insieme stanno coagulando il loro impegno per arrivare a una definitiva soluzione che possa chiudere le vertenze con l’Europa restituendo contestualmente certezza e dignità alle imprese del turismo del mare».

Infine, ecco le parole di Marco Maurelli, presidente di Federbalneari: «In merito alle dichiarazioni odierne della premier Meloni, confermiamo pieno sostegno e apprezzamento per il lavoro che il governo sta svolgendo. Federbalneari Italia ha sostenuto sin dall’inizio le varie scelte governative e ora è necessario arrivare a un “Piano Marshall” delle concessioni demaniali marittime italiane per ridisegnare il perimetro di tutela del nostro modello turistico, che riteniamo debba essere protetto da speculazioni fin troppo aggressive, sia attuali che future. Pensiamo anche che il prossimo parlamento europeo debba impegnarsi per adeguare al momento storico, soprattutto vista la difficile congiuntura economica internazionale e una direttiva (la Bolkstein) oggi divenuta obsoleta e inadeguata, da riconfigurare secondo nuove regole che tutelino con grande attenzione beni di particolare pregio dell’economia dei singoli Stati membri. Crediamo sia tempo di discontinuità per la governance politica della Commissione europea che da ormai molti anni è, lo ricordiamo, fin troppo attenta al problema spiagge e meno ad altri problemi sui quali manca una sintesi».

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: