Sardegna

Federbalneari Sardegna

Sardegna, 5 Comuni verso commissariamento su demanio marittimo: “Vittoria dei balneari”

«Oggi è stata inviata la lettera di diffida ai sindaci di Arzachena, Quartu Sant’Elena, Cagliari, Posada e Olbia», ovvero i cinque Comuni della Sardegna che non hanno applicato l’estensione al 2033 delle concessioni balneari prevista dalla legge italiana. Ad annunciarlo è Claudio Maurelli, segretario regionale di Federbalneari Sardegna. La lettera di diffida, firmata
Sardegna

Spiagge: Olbia respinge estensione concessioni al 2033, balneari chiedono commissariamento

Nuovo capitolo della guerra tra i balneari di Olbia e il sindaco Settimo Nizzi: il primo cittadino della località sarda, da tempo noto alle cronache per rifiutarsi di applicare l’estensione al 2033 delle concessioni demaniali marittime, nei giorni scorsi avrebbe rifiutato ufficialmente le istanze di ben 38 imprenditori che avevano presentato richiesta formale per
Sardegna Sib-Confcommercio

Sardegna, pubblicate indicazioni operative per estendere concessioni balneari al 2033

È stata pubblicata sul sito della Regione Sardegna la determinazione n. 3114, firmata dal direttore generale dell’assessorato agli enti locali Umberto Oppus, recante le indicazioni operative e le procedure che dovranno seguire i Comuni costieri e i propri uffici periferici per applicare la deliberazione della giunta regionale n. 47/34 del 24 settembre 2020 intitolata
Federbalneari Sardegna

“Regione Sardegna tutela le imprese balneari, i Comuni riottosi ne prendano atto”

«Mentre alcuni Comuni costieri si facevano inviare una sentenza dell’Antitrust contro le imprese balneari e le famiglie sarde, noi abbiamo terminato l’interlocuzione con la Regione per emanare i documenti di presa d’atto gratuiti». Lo sottolinea Mario Isoni, presidente di Federbalneari Sardegna, commentando la recente pubblicazione, da parte della Regione
Federbalneari Sardegna

“Balneari, Sardegna si faccia promotrice dell’estensione al 2033 con le altre Regioni”

«La Regione Sardegna si faccia promotrice con le altre amministrazioni regionali italiane affinché seguano il suo esempio e recepiscano la normativa nazionale estendendo le concessioni demaniali al 2033». È la richiesta emersa durante l’incontro di presentazione della delibera approvata dalla giunta regionale sarda con cui la Regione, recependo quanto previsto dal decreto