Attualità

Zucconi (Fdi): “Su balneari non siano violati interessi nazionali”

«Sebbene con una sentenza del Consiglio di Stato dello scorso 13 gennaio, relativa a un chiosco in Maremma, si stabilisca che le concessioni antecedenti il 2009 abbiano diritto a un riconoscimento di indennizzo, rimane però assurdamente confermata la scadenza delle aste al 31 dicembre 2023 (stabilita da una precedente pronuncia di Palazzo Spada, NdR). Ricordo che come Fratelli d’Italia faremo ricorso alla Corte costituzionale contro tale pronuncia che ha annullato la proroga delle concessioni balneari al 2033 e imposto le gare entro due anni». Lo afferma il deputato di Fratelli d’Italia Riccardo Zucconi, che ha messo a punto il ricorso insieme alla presidente Giorgia Meloni e a un pool di avvocati di Fratelli d’Italia sollevando il conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato.

giochi festopolis

«Assobalneari, Sib-Confcommercio e altre associazioni chiedevano da tempo un atto di coraggio che solo il nostro partito ha avuto la forza di accogliere e attuare», prosegue Zucconi. «Tengo a specificare che la nostra battaglia a difesa delle concessioni demaniali marittime non si limita alle sole attività legate al mondo balneare, ma si estende anche alle concessioni per il trasporto privato locale (come per esempio i taxi), alle guide turistiche, al commercio ambulante, ai porti turistici e alle centrali idroelettriche».

Conclude il deputato di Fratelli d’Italia: «Abbiamo già presentato una proposta di legge per garantire che il sacrosanto principio di reciprocità fra gli Stati europei venga assicurato e che gli interessi nazionali non siano violati: ricordo che a proposito delle concessioni demaniali marittime Spagna, Croazia e Portogallo hanno scelto di bypassare la direttiva Bolkestein, mentre Svezia, Polonia e Austria hanno scelto di non applicare la messa all’asta delle concessioni idroelettriche. E il nostro governo? Come sta tutelando migliaia di imprese e famiglie italiane? Fratelli d’Italia, attraverso ordini del giorno, proposte di legge e interrogazioni parlamentari, ha da sempre spronato i governi che si sono succeduti a intervenire su queste tematiche e continuerà a farlo fino a che non verrà messa mano a uno dei temi chiave della nostra economia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. Vorrei comunicare agli On. Meloni e Zucconi, che sprono vivamente a portare a fondo queste iniziative sacrosante, che poteri più in alto e più forti hanno decretato il camuffato commissariamento dell’Italia come è avvenuto in Grecia, perché ci siamo ridotti con il piattino in mano, e quindi visto che il nostro paese è quello più attrattivo a livello di bellezza del mare, delle campagne, montagne, agroalimentare, clima ecc, sono già pronti a venire a fare shopping delle nostre aziende, i nemici non sono solo in Europa ma anche in casa, vedi la sinistra, che è contro ogni iniziativa imprenditoriale, loro pensano a tutelare gli immigrati, la legge zan, mentre il nostro paese va a fondo… meno male che ci siete Voi, ovviamente anche i Sindacati, nei quali riponiamo le nostre speranze Grazie Fratelli d’Italia

  2. Teo Romagnoli says:

    Faremo… faremo…ma fatelo sto benedetto ricorso..bisogna arginare queste sentenze sparate troppi spesso a caso senza che ci sia un orientamento politico preciso. Fino prova contraria il governo fa le leggi e la magistratura le fa rispettare..qua si mette troppo spesso il carro davanti ai buoi.

  3. Nikolaus Suck says:

    Dove di grazia la sentenza del 13 marzo avrebbe stabilito che “le concessioni antecedenti il 2009 abbiano diritto a un riconoscimento di indennizzo”? Zero, non lo dice e non ne parla, precisa solo l’ovvio, ovvero che i rinnovi automatici fatti prima del 2009 non ricadono ancora sotto la direttiva, ma da quella data in poi vale il contrario. Ecco perché la data del 2023 vale per tutti.
    E proteggere lo zero virgola qualcosa delle imprese italiane in un unico settore dai concorrenti potenziali che qualsiasi altra impresa deve subire sarebbe un “interesse nazionale”? Fate ridere, e sto ricorso, ammesso che veda la luce, farà ridere ancora di più.
    Come la favola della Spagna dove le concessioni di spiaggia non esistono e sono tutte libere, se qui fanno lo stesso siete fregati alla grande!
    Con questi che vi “tutelano”, auguri.

    • Ma caro signor Suck lei non ha paura di esporsi così sfacciatamente, sempre e comunque a sfavore di questa categoria? Su qualsiasi argomento è sempre pronto a mettersi contro? Le dico questo perché l’argomento è molto serio, qui c’è in gioco la vita di molte persone, non bisogna prenderla alla leggera, non la prenda come una minaccia ma come un consiglio. Lei si sta esponendo troppo e la disperazione può portare a ribellioni, la prego di non esasperare più gli animi. Questa gente, chiede solo di poter continuare a fare il proprio lavoro e merita un po’ più di umanità. Abbiamo un problema che riguarda molte famiglie che vivono di questo lavoro e non è giusto che lei ed altri in questo forum ci godano così tanto. Ognuno può avere le sue idee, giuste o sbagliate che siano però lei gode quando ci sono sentenze e notizie contro i balneari e non mi dica che non è così perché chiunque legge in questo forum lo sa! La sua idea di quello che sta accadendo crede che sia giusta? Immagino di si! Però il suo accanimento è molto strano, mi piacerebbe tanto sapere perché ha così tanto interesse su questo argomento.

      • Nikolaus Suck says:

        Oh, ecco l’ennesimo “consiglio da amico” nemmeno troppo velato.
        No nessuna paura di nulla. Se credo in qualcosa mi espongo e “vado contro”, serenamente e da sempre. Senza nessun “godimento”. Al massimo la soddisfazione di avere, fino ad oggi, sempre visto confermate nei fatti le mie tesi e ottenuto ragione. E chiunque (invece di riflettere su questo se ne è in grado) se la prenda con me, in qualsiasi modo, oltre ad assumersene ogni responsabilità dimostra di essere solo un cretino perché non risolve nulla, io non sono né il problema né il nemico e lo vedrete presto. Solo uno che vi dice le cose come stanno e dove sbagliate, senza farvi false illusioni. Perché non ne ho motivo. Io.

      • Forse l’avvocato Nikolaus Suck, oltre che svolgere la professione di giurista, ha intenzione di avviare anche quella di gestore di stabilimento balneare.

    • a suck e allora perche scrivi se sei convinto che noi siamo senza speranza? buffone tutti sanno chi sei tu e i tuoi amichetti e per chi scrivi.

  4. Stia tranquillo che questi signori saranno al governo entro quest’anno o al massimo 2023, cosi vedremo se mandare all’aria la vita di tanta gente continuerà ad essere la prerogativa per qualche politico scapestrato di turno. E comunque la precisazione dell’ovvio pone degli interrogativi, che lei attualmente non è in grado di decifrare se non interpretare con valutazioni di parte , pertanto è nella legittima possibilità delle forze politiche e dei sindacati fare chiarezza su tutti i punti oscuri della vicenda. Il legittimo affidamento per la mia interpretazione di parte è palese, ma non è questo il punto, nessuno stato di diritto può decidere di mandare all’aria la vita di cosi tanta gente, visto che non sono più solo i balneari faccia lei il conto di quante migliaia di persone dovrebbro cambiare lavoro del giro di due anni, io dico quasi un milione , tra ambulanti, balneari e tutti i rientranti. Follia allo stato puro. Impraticabile.

  5. Per le loro colonie africane il CFA, per quelle europee l’EURO. Con le trappole nei trattati fanno quello che vogliono.C’è anche una corte di giustizia. Sono tanto buoni. I fessacchiotti, o compari, firmano senza leggere. I sudditi subiscono. Fino a quando tanta disgrazia?

  6. Antonella Accardi says:

    Almeno qualche partito politico prende a cuore il problema di tutte quelle categorie di lavoratori che hanno la spada di Damocle sulla testa della Bolkestein. Ma speriamo che sia vero. Se così sarà credo che in sede di urne elettorali nessuno se ne dimenticherà

    • Nikolaus Suck says:

      Ma prende a cuore cosa? Si tratta solo di racattare voti, e il Suo commento lo conferma. Poi quando li hanno ottenuti, e facendo due conti capiscono che per ogni concessionario attuale ci sono più concessionari potenziali e tot altri cittadini i cui voti perdono, vi mollano come niente. È già successo. Vi avevano promesso a gran voce l’uscita dalla direttiva anni e anni fa, e siete ancora qui a pietire solo proroghe. Perché non si può fare e sono solo chiacchiere elettorali. Boccaloni.

  7. Questo Suk, soffre di protagonismo e di narcisismo, crede che per la “cultura giuridica che si ritrova” può superare Corte Costituzionale, Corte Europea , Sindacati e Politici, perché non ti candidi a “Presidente della Repubblica” delle banane però!

    • Nikolaus Suck says:

      Caro Franco veramente è il contrario, non devo e non pretendo di superare nessuno perché Corte Costituzionale e Corte Europea, così come Consiglio di Stato e anche Corte di Cassazione, fino ad oggi hanno detto e dicono esattamente le stesse cose che dico io. Io mi adeguo umilmente.

      • Teo Romgnoli says:

        Questo è ovviamente pagato da chi vuole rubare il nostro lavoro.. altrimenti non sarebbe onnipresente…è il suo lavoro. Altrimenti nessuno senza apparente motivo sarebbe cinico e poco obbiettivo come questo inqualificabile.. l’unico modo è non considerarlo e non ribadire.. tempo perso.

  8. Suck sei troppo perfettino
    Chissa’ quanti scheletri a differenza dei balneari hai nell’armadio
    E’ palpabile la tua goduria nel ribadire la necessita’ delle aste….come se chi venisse dopo gli attuali concessionari tutto cambia…ombrelloni e lettini gratis per tutti
    Poveraccio !!!
    Sai dire solo che questa e la normativa europea e come tale va rispettata per la concorrenza e secondo te un cristiano qualunque in futuro puo’ ambire a gestire un bagno grazie alle aste ???
    Sei ridicolo (senza offesa)

  9. Luci
    Sig. Suck le faccio le mie congratulazioni per la sua posizione riguardo ai balneari e alla direttiva Bolkestein.
    Contrariamente a lei che afferma lei di non gioire per la situazione che si è creata per la categoria, da parte mia sono molto contento dell’ agonia che stanno vivendo i nostri eroi “figli del sole”.
    Vivo in una citta di mare, conosco perfettamente la storia e conosco molti balneari, li vedo sorridere e ostentare una sicurezza disarmante. Mi chiedo chi li protegge e come si possa oggi pretendere certi privilegi anacronistici come un atto dovuto. Le concessioni furono date negli anni 50-60-70 a famiglie numerose, famiglie meno abbienti e a picchiatelli!! oggi vedi i figli di questi signori con tanto di laurea che stanno dietro il bancone a servire i clienti. Fanno studiare i figli e li mettono a fare i caffe, poi ci vogliono far credere che non ci sia margine di guadagno. Vanno in giro con dei SUV da 80.000 euro e denunciano redditi più bassi di un loro cameriere. Non mi dilungo oltre ….
    Continui a pestarli questi ladroni che non meritano nessun rispetto, tantomeno compassione.
    Dalle mie parti si dice “Il maiale più urla più fa buon sangue” quando lo “ammazzi” ovviamente.
    Saluti a tutti i figli del sole / Luci

    • Teo Romgnoli says:

      Invidioso..noi visto come sono andate le cose fin ora le abbiamo pagate le concessioni sai con i nostri soldi..soldi che ci guadagnati più onestamente di banche e assicurazioni..avvocati e impiegati statali…solo gli operai e chi come noi suda lavorando merita rispetto..stare seduto dietro una scrivania quello si è sfruttare NOI che lavoriamo.. non ne avete un’idea di cosa significa avere una partita Iva.. sul demanio ci sono 1000 regole e se non li rispetti ti tolgono la concessione quindi siamo tutti in regola! Serviamo i clienti e facciamo fare ” i signori” agli operai sopra menzionati..noi salviamo la gente che affoga in mare a spese nostre e teniamo pulito il mare..invidiosi andate a fare un bagno..mom in mare che non ve lo meritate..

  10. Teo Romgnoli says:

    Invidioso..noi le abbiamo pagate le concessioni con i nostri soldi…guadagnati onestamente molto più di banche , assicurazioni, avvocati e impiegati statali. Gli operai e chi come noi suda lavorando merita rispetto..stare seduto dietro una scrivania quello si è sfruttare il sistema.. non ne avete un’idea di cosa significa avere una partita Iva.. sul demanio ci sono 1000 regole e se non li rispetti ti tolgono la concessione quindi noi siamo tutti in regola! Serviamo i clienti e facciamo fare “i signori” agli operai sopra menzionati..noi salviamo la gente che affoga in mare a spese nostre e teniamo pulito il mare..invidiosi andate a fare un bagno..non in mare, che non ve lo meritate..

  11. Ora ci sono anche i rinforzi, dico a questo idiota, che sicuramente è un morto di fame che vorrebbe, lettino e ombrelline gratis, che starà buttato sempre su una spiaggia libera, si porterà il panino con la mortadella, e andrà “purtroppo a pisciate a mare”, poi se aspira ad una spiaggia che venga in Puglia, lo aspettiamo a aperte

  12. Luci
    Fortunatamente non sono un morto di fame, prendo una bella pensione in quanto ho versato il dovuto. Credo che morti di fame lo diventerete voi e a breve in quanto siete una categoria senza arte ne parte, praticamente non sapete fare niente, non avete una professione e sarà molto difficile che troviate alternative di lavoro.
    Tanti saluti figli del sole / Luci

  13. Non ho fatto nomi, comunque una raccomandazione per chi usa la spiaggia libera,in agosto alzarsi all’alba per piantare l’ombrellone, poi se si porta l’anguria da casa, raccogliere le bucce, e se viene di fare la cacca, non farla in mare, per evitare di inquinare…

  14. Avv. Lucano says:

    Carissimi balneari mi scuso per l’assenza, vi invito a guardare sul canale YouTube della camera amministrativa le conclusioni poste in occasione di un convegno del 14 dicembre dal. Prof. Avv. Paolo Gaggero ( parte I e parte II) , noto amministrativista , che smantella le sentenze dell’adunanza plenaria. Sono state caricate tre giorni fa. Traete le vostre conclusioni e non fatevi influenzare da chi professa l’impossibilità di contestare e modificare tali decisioni , insensate e poste con una superbia istituzionale incredibile, un assurdo sconfinamento di poteri dello stato, una cosa mai vista prima.

    • Nikolaus Suck says:

      In che senso è in base a quali elementi lo promuovi come “noto amministrativista”? Perché salvo errore dai dati pubblicati risulta associato di diritto dell’economia che si è sempre occupato di mercati finanziari e diritto privato, non di amministrativo pubblico ed europeo, né accademicamente né professionalmente. Poi tutte le opinioni sono legittime e degnissime, ma giusto ieri in un altro convegno due “noti amministrativisti” nonché ordinari di diritto amministrativo e pubblico a Roma hanno confermato impianto e principi delle stesse sentenze. Io personalmente da ignorante senza titoli preferisco credere a loro.

  15. Caro Luciano…ti ammali se continui a sperare nelle disgrazie degli altri
    Stai buono con la tua bella “pensione” in spiaggia libera che il suv da 80000 € lo manteniamo lostesso senza il tuo contributo
    E ogni tanto fai una botta di vita comprati un nuovo costume e butta quello che acquistasti negli anni 60 quando sognavi di avere un bagno tutto tuo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.