Friuli Venezia Giulia

Spiagge a gara, regole Friuli entro fine maggio

L'annuncio dell'assessore Callari: "Già definite le regole per l'incameramento delle opere di difficile rimozione"

Entro la fine di maggio sarà pronto il regolamento per la riassegnazione delle concessioni balneari in Friuli Venezia Giulia. Lo ha annunciato ieri l’assessore regionale al demanio Sebastiano Callari, intervenendo nell’aula del consiglio regionale. «Il tavolo di coordinamento convocato dalla Regione ha analizzato la specificità delle procedure di evidenza pubblica da espletare in ambito demaniale marittimo e sta ultimando le linee guida per gli enti concedenti per l’emanazione delle gare per le concessioni balneari», ha spiegato Callari. «Il documento sarà valutato in via conclusiva nella seduta del 21 maggio, per poi essere sottoposto al vaglio della giunta regionale nel corso della prima riunione utile, quindi il documento dovrebbe entrare in vigore entro la fine del mese».

L’intento della Regione Friuli Venezia Giulia è quello di «adottare una linea d’azione univoca nell’organizzazione delle gare, in accordo con la normativa nazionale introdotta dal governo Draghi (ovvero la legge 118/2022 che ha imposto la riassegnazione delle concessioni tramite gare pubbliche entro il 31 dicembre 2024, NdR). La modalità di lavoro adottata, con l’istituzione di un tavolo tecnico tra Regione ed enti locali, si è rivelata proficua e ha permesso di definire una metodologia condivisa con i Comuni costieri del Friuli Venezia Giulia per la gestione delle procedure di evidenza pubblica, al fine di limitare il contenzioso».

Finora, ha concluso l’assessore, «sono state stabilite le attività da effettuare con Agenzia del demanio, Provveditorato alle opere pubbliche e Capitaneria di porto per l’eventuale incameramento delle opere di difficile rimozione, necessarie per la verifica dell’effettiva consistenza dei beni demaniali da porre a gara. Un approfondimento che ha fatto emergere l’opportunità di disciplinare gli adempimenti necessari per gli incameramenti dei beni eretti anche sul demanio marittimo regionale, inserendo una norma specifica nella legge regionale 3/2024».

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: