Assobalneari-Confindustria

Nuova mobilitazione dei balneari “no alle aste” martedì a Roma

Imprenditori convocati in piazza della Repubblica in occasione del vertice tra il governo italiano e l'Unione europea sul Pnrr

Martedì 29 marzo alle ore 11 gli imprenditori balneari che si oppongono alle gare e all’esproprio delle spiagge italiane saranno a manifestare in Piazza della Repubblica a Roma. La data è stata scelta perché in concomitanza con il vertice di alcuni funzionari dell’Unione europea a Palazzo Chigi sul Pnrr. Nelle stesse ore, inoltre, la X commissione del Senato continuerà l’esame degli emendamenti al disegno di legge sulla concorrenza che contiene la proposta del governo per riassegnare le concessioni balneari tramite gare pubbliche.

«Al grido di “no alle aste” si vuole preservare il sistema turistico balneare della nostra penisola che mai come oggi, in un clima dì guerra, deve essere considerato come bene strategico nazionale e lasciato in affidamento a coloro che fino a oggi lo hanno sviluppato, difeso, preservato», spiega Fabrizio Licordari, presidente di Assobalneari-Confindustria che è tra le associazioni promotrici della manifestazione.

«Non si difendono dei privilegi, ma si difendono i confini costieri da una probabile occupazione dì potenze economiche straniere. Gli italiani questo non lo vogliono ed è necessario fare sentire la nostra presenza a Roma in questo delicato momento», conclude Licordari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Assobalneari Italia Federturismo Confindustria

Assobalneari Italia è l’associazione che riunisce le imprese balneari aderenti, a livello nazionale, al sistema Federturismo Confindustria.
Seguilo sui social:
  1. ” si vuole preservare il sistema turistico balneare della nostra penisola che mai come oggi, in un clima dì guerra, deve essere considerato come bene strategico nazionale e lasciato in affidamento a coloro che fino a oggi lo hanno sviluppato, difeso, preservato»

    «Non si difendono dei privilegi, ma si difendono i confini costieri da una probabile occupazione dì potenze economiche straniere. Gli italiani questo non lo vogliono ed è necessario fare sentire la nostra presenza a Roma in questo delicato momento», conclude Licordari.
    Esatto mi avete convinto no alle gare pubbliche, si alla proroga anche dopo il 2023, vediamo poi cosa succede. Fonte: MondoBalneare.com

    • Luca Rosetti says:

      Volete difendere le vostre aziende da un esproprio criminale, che getterà nel caos anche l’economia turistica che vive alle spalle delle spiagge? Informatevi non solamente di cosa sta facendo il vostro sindacato e perché, poi cercate di capire perché altri stanno seguendo strade opposte seguendo diverse chat, poi decidete cosa fare….la situazione è in continua evoluzione e spesso capita di organizzare presidi o manifestazioni seguendo i tempi di politica e UE, e il preavviso può essere di pochi giorni, anche del giorno prima, come successo il 15 febbraio intorno alle 17.00, dopo che il governo ha deciso di procedere con questo decreto ammazzabalneari, dove decine di balneari di diverse regioni si sono ritrovati in piazza Montecitorio il giorno dopo….se vuoi salvare la tua azienda, devi essere sveglio, informato e utilizzare i tuoi risparmi, non per andare in vacanza, ma manifestare ovunque sia richiesto! Continuare a fidarsi, aumenta la probabilità di perdere l’azienda….quindi?

  2. Avanti con Licordari, assieme a Capacchione e Rustichelli e tutti quanti gli altri. TUTTIIIIIII, non manchiamo, non adesso!

  3. Solo dei folli metterebbero in svendita un asset così strategico, con la possibilità di ingresso di capitali esteri di dubbia provenienza senza tener conto del lavoro di una vita di tante microimprese. Le cose che vanno bene devono essere lasciate , il rischio è affossare anche questo settore uno dei pochi che resiste. Non oso immaginare il mega contenzioso che si aprirebbe, pazzi completamente pazzi.

    • Liberamente says:

      Ma se in svendita lo sono da 50 anni! Redistribuzione e nuove regole delle licenze con libera fruizione per TUTTI degli arenili e “servizi” eventualmente opzionali, basta lottizzazioni e circhi sulle spiagge ed aste subito!

      • le aste ve le daremo noi martedi cosi pure la riforma…..tutto il litorale laziale sara a roma…su questo potete contarci al 100×2000…basta buonismo con questi sciacalli non eletti e che stanno portando alla fame l italia…draghi vattene e portati via giavazzi d alberti e quel falso burattino di garavaglia….mai piu lega e 5m…traditori …l invito a partecipare vale anche per i nostri amici tassinari…..protestate anche voi con noi, basta dittature ….andate via o piazza montecitorio sara’ la vostra tien an man…. dimettetevi o ci penseremo noi …..i vostri 20000000 milioni di euro stanziati peri i mezzi d informazione …rai ..tg …affinche’ non parlino male del governo non vi salveranno dalla nostra ira… ….e poi che draghi parli in tv di liberta di stampa e di giustizia mi viene da vomitare.lui che parla di diritti e di costituzione? buffone dimettiti perche il popolo italiano ne ha i c……. pieni di te e dei tuoi masnadieri non eletti…tutti a roma se vogliamo sopravvivere…..

  4. I balneari ne hanno i c…….pieni di questo governo perché io sono contento di draghi!…forza che si riesce a fare la riforma che apra alla concorrenza e ai bandi!

  5. È vero gente non eletta dal popolo italiano come si permette di fare leggi così profonde e frettolose si vede che sono stati pagati e pure bene vergognatevi venduti siete peggio dei dittatori almeno non si vendevano. Avete già distrutto agricoltura, allevamento e industria questo era l’ ultimo business da distruggere, ma gli fa tanto piacere che gli stranieri comandano in Italia, perciò l’Europa fece fuori la dc, gente non facilmente corruttibile con anni di esperienza, oramai questi politici sono solo poltronieri, ripeto blocchiamo tutto quello che ricade nelle multinazionale.

  6. AGRIKANTUS says:

    Dario evviva Draghi
    Evviva gli armamenti
    Evviva togliere Iva ai produttori di armamenti
    Anzi bombardiamo i Balneari così vanno via prima e le spiaggie sono belle e pulite…
    Bimbi sveglia

  7. Nessun balneare deve mancare,bisogna essere uniti,la politica deve vedere le piazze piene altrimenti sottovaluta il problema e va oltre,nell ultima manifestazione fatta in piazza santi apostoli abbiamo fatto capire a più di qualche senatore che siamo tanti e tanti voti ,ancora possiamo recuperare, purtroppo il ministro Garavaglia ci ha tradito pur di non perdere la poltrona ,dimostriamo a questi pagliacci dei 5 stelle che devono andare a casa e con loro Draghi,io voglio votare il governo che voglio .

  8. Io penso che le concessioni possano restare a chi le gestiva prima,pagando però un prezzo equo in base al fatturato reale ricavato.

    • Comunismo quindi ?
      Pagando semmai un prezzo equo punto . Non in base al fatturato cioè un altro irpef vuoi farmi pagare ???
      e basta speculare su di noi lasciateci in pace fatevi una vita

  9. Nikolaus Suck says:

    Argomenti grotteschi. Invece se la concessione va agli stranieri tramite vendita aziendale privata, cosa molto più facile che già avviene, o addirittura sdemanializzare la proprietà come vogliono Ricci & Co, quello va bene!

    • tu cosa hai fatto per il turismo suck che parli ? non mi risulta che il tuo nome sia tra quelli che ha creato questa eccellenza, anzi sei il classico avvocato pronto a speculare in favore dei tuoi amici servi del governo. ma perche non vieni a manifestare in piazza con noi martedi ? potresti salire sul palco come hanno fatto gasparri ,boccia o de luca parlando a nome del governo .di cosa hai paura? mettici la faccia o sei solo capace di parlare da dietro un computer? portati anche rustichelli giavazzi garofali garavaglia o diario con qualcuno dei 5s …vedrai come verranno e accetteranno l invito. siete solo dei codardi che vivete in un mondo fatato al di fuori della realta..la gente muore di fame e voi vi preoccupate di armi di svendere l acqua a multinazionali( dopo che un referendum al 99% a detto che deve essere pubblica,) di vendere armi di vendere tim agli americani di riforme per i tassisti per i balneari …qui da riformare ci siete voi e dovete andarvene perche nessuno vi vuole e nessuno vi ha votato…abusivi

  10. Abruzzo Arturo Vincenzo says:

    Il mio stabilimento balneare è nato il 1965 da un ‘ idea del mio caro fratello FERNANDO , in periferia a Soverato Calabria , in zona poco sviluppato . Con tanto lavoro , tanti sacrifici , tanti investimenti e tanto impegno abbiamo reso questo luogo eccellente . Oggi gare , aste di chi e di che cosa , io il mio stabilimento me lo DIFENDO CON I DENTI , e con tutto il mio corpo .
    NESSUNO DICO NESSUNO SI PRENDERÀ I MIEI SACRIFICI e il mio stabilimento .FATECI STARE IN SANTA PACE E NON IN GUERRA.

  11. Esatto io concordo niente proroghe vendiamo le spiagge peraltro senza gara direttamente ai gestori attuali.

    Mi sembra un ragionamento corretto dopo anni di sentenze sulla illegittimità delle proroghe noi diciamo : io credo, io penso ..io manifesto e intanto cosi il tempo passa.. u

  12. Basta con queste aggressioni al turismo balneare ed ai balneari italiani. Essi hanno trasformato un lembo di sabbia in un posto accogliente, dotato di servizi e comodità per i turisti. Dove ci sono abusi, si correggano. Ma non si può criminalizzare una categoria per qualche pecora nera. Non si sono mai visti sindacati truffatori che anziché difendere i propri associati li mandano alla macelleria sociale delle aste. E poi perché? Per svendere le coste alla Red Bull come è già accaduto in Friuli? Vergogna….

    • clod in francia non sanno nemmeno cosa e’ uno stabilimento balneare e inoltre vuoi paragonare il turismo e le coste francesi con le nostre? te lo dice uno che ha vissuto 15 anni in francia.inoltre per fare il bagno se non indossi la tuta da palombaro muori congelato..a parte marsiglia parpignon nizza se ti sposti al nord anche a luglio e’ freddo. deauville ,bretagna ,calais tanto per citarne alcune. ogni nazione ha la sua peculiarita e la nostra non ha eguali

      • Nikolaus Suck says:

        Sanno benissimo cos’è uno stabilimento balneare solo che ha dei limiti e non comporta mai l’occupazione esclusiva della spiaggia. E così deve essere.
        E io al nord ci ho fatto degli ottimi bagni, proprio nei posti che dici tu, e non solo.

        • ma che cosa hai fatto tu? in che mese egregio avvocato? in bretagna puoi solo dal 1 luglio al 20 agosto e sono pure ottimista altrimenti congeli …finiscila di dire cazzate perche io ti sbugiardo suck….e inoltre non esistono stabilimenti balneari in francia caro so tutto io ed il perche’ e’confermato dal fatto che in francia c e risorsa scarsa cioe’ tutto il contrario di quello che abbiamo noi..10000km di coste italiane contro 1500 2000 km di coste francesi e per la maggior parte non balneabili non trovi ci sia discrepanza avvocato del foro ..loro non vivono il turismo balneare come il nostro …noi ci viviamo loro no …..ipocrita

  13. Mi rivolgo a questo Carlo, che sicuramente è un ambientalista e di sinistra magari iscritto a legambienye, visto che fai irionia, siuibdrammi degli altri, facciamo, facciamo, cosa fai tu che non conti un c…, scrivi le tue idiozie, con la tastiera, se ti vuoi rendere utile, vieni a raccogliere un po’ di immondizie dalle spiaggis, organizziamo la giornata plastic free, poi ti offriamo cappuccino e cornetto..

  14. Mario Michele says:

    Non dimentichiamoci che:
    sull’arenile insistono anche Villaggi, Campeggi Storici che hanno creato economia locale dal nulla, dal dopo Guerra in poi e in zone disastrate, in territori senza strade, acqua, fogna, linea elettrica, alberi, costruzioni in muratura abusive e poi condonate, case mobile, impianti sportivi, parchi gioco e soprattutto hanno attirato molti clienti, nella maggior parte dei casi clientela composta da famiglie ormai affezzionate che non vogliono perdere e viceversa.
    Lotteremo fino in fondo e ci fermeremo o lasceremo solo se saremo compensati bene per i nostri sacrifici, per cambiare lavoro!
    I titolari di C.D.M. che non si fanno sentire sono quelli piu’ agguerriti.

    • Sui contratti concessori che avete firmato c’e’ scritto che quello che viene costruito sul Demanio diventa proprieta’ privata e che alla scadenza si ha diritto a indennizzi e compensazioni?Cosa dicono le clausole sui rilasci concessori prima ancora di quello che dice la Direttiva Bolkestein?

      • Tranquilla Ilaria.
        Qualsiasi cosa ci sia scritta, io toglierò tutto. E come me lo faranno altri.
        Così avrete la vostra spiaggia pulita, con dei bagni pulitissimi e servizi adeguati alle richieste del turismo moderno.
        Turisti che nel frattempo lasceranno le nostre spiagge per andare altrove!
        E ciaone!!!

        • Nikolaus Suck says:

          Altrove dove, se questa “eccellenza” che sarebbero gli stabilimenti italiani costituisce un “unicum” che abbiamo solo noi e non si trova da nessun’altra parte? Almeno cercate di non contraddirvi.

          • Nessuna contraddizione.
            Il fatto che noi abbiamo creato un modello di turismo, non vieta che in altre parte del mondo ci possano copiare…

            • Ma non copia nessuno,anzi fanno il contrario.C’e’ un interessante articolo su Mundo Playa,l’omologo spagnolo di Mondo Balneare dove gli Spagnoli spiegano un po’ di cose.E’ interessante.

      • Ilaria, tu proprio non ci capisci nulla. Vuoi solo a dirla alla calabrese “NZUPPARTI U PANI”. Cosa dicono le clausole prima ancora che lo dica la direttiva Bolkestein; dicono che l’amministrazione solo per “NEGLIGGENZA O GRAVI MOTIVI” in qualsiasi momento l’atto concessorio, bene qui non c’è ne l’uno ne l’altro. Ma c’è anche una clausola che dice che le concessioni vengono rinnovate dal cessionario ogni 5 anni ed è il concessionario a decidere quando vuole restituire l’atto. ma oltre questo sempre di più penso tu sia la classica persona che sui guai degli altri voglia splendere di una luce che non hai!!!!!!!! vieni a farti i calli da queste parti poi vediamo tutte le clausole…….

  15. Diario, vuole fare il balneare col c…e i soldi degli altri, vieni bello, ti aiutiamo a scegliere una bella spiaggia in zona Gallipoli, piuttosto ti consiglio di comprarti un bel pezzo di terra e di zappare ogni giorno, ti riesce meglio…

  16. ilaria parli per non dire nulla..interessante che cosa? ho letto un articolo di mundo playa e non parla affatto di cose interessanti come dici tu anzi si lamentano dei grandi gruppi economici che hanno in mano il turismo spagnolo .impara a leggere e dire la verità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.