Assobalneari-Confindustria

Licordari: “C’è un piano organizzato contro le imprese balneari”

Secondo il presidente di Assobalneari-Confindustria "magistratura e governo stanno cercando di fare tutto il possibile per mettere in liquidazione le spiagge italiane"

«Noi balneari siamo sotto un attacco inaudito da circa un mese a questa parte. Riteniamo che ci sia un piano ben organizzato e con un regista preciso. Abbiamo di fronte la magistratura e Palazzo Chigi che stanno cercando di fare tutto il possibile per mettere in liquidazione le spiagge italiane, oltre all’attacco da parte dei soliti media organizzato e ben confezionato». Lo denuncia il presidente di Assobalneari-Confindustria Fabrizio Licordari.

«Mi chiedo – continua Licordari – quali siano le priorità del governo, ovvero se abbia a cuore le aziende e i cittadini e se si voglia occupare delle bollette, perché gli italiani non sanno come fare». Secondo il presidente di Assobalneari «è ingiusto svendere le coste italiane agli operatori esteri, mentre noi non possiamo fare nulla all’estero. Non c’è reciprocità delle norme».

Secondo il presidente di Assobalneari, «Lega e Forza Italia stanno cercando di difenderci ma allo stesso tempo sorreggono il governo. Anche loro non conoscono il testo che andrà oggi in consiglio dei ministri».

Conclude Licordari: «Nel decreto concorrenza si richiama un importante passaggio, cioè la mappatura. È un passaggio importante, perché se la risorsa non è scarsa la direttiva non si applica. Se ci sono tante coste libere, la direttiva non si applica. In Italia è certamente così, ci sarà il 50% delle coste libere. Se vogliamo affrontare con serietà questo problema, dobbiamo partire dal risultato certo della mappatura, altrimenti vuol dire che c’è un disegno criminoso e con la scusa delle direttive si vogliono liquidare i beni nazionali».

© Riproduzione Riservata

Assobalneari Italia Federturismo Confindustria

Assobalneari Italia è l’associazione che riunisce le imprese balneari aderenti, a livello nazionale, al sistema Federturismo Confindustria.
Seguilo sui social: