Notizie locali Puglia Sindacati e associazioni

Il futuro delle imprese balneari: un incontro a Brindisi

Lunedì interverranno alla Camera di commercio il senatore Tomaselli (Pd) e il deputato Pizzolante (Ncd), oltre ai rappresentanti regionali dei balneari.

Lunedì 7 aprile, alle ore 15.30, si terrà alla Camera di commercio di Brindisi un incontro dal titolo "Imprese balneari italiane: quale futuro?", organizzato dalle rappresentanze regionali di Sib-Confcommercio, Fiba-Confesercenti e Assobalneari-Confindustria.

Interverranno il senatore Salvatore Tomaselli (Pd), il deputato Sergio Pizzolante (Ncd), Tonino Capacchione (presidente Sib Puglia), Michelangelo Dipace (presidente Fiba Puglia) e Palmino Canfora (presidente Assobalneari Puglia).

Come spiega Salvatore Lanzilotti, imprenditore balneare e coordinatore del Comitato Balneari Puglia, «ci siamo fatti promotori per organizzare questo incontro e affrontare le nostra problematica. La richiesta è stata accolta favorevolmente dai sindacati e dai politici interpellati. Riteniamo che il tempo delle discussioni e dei rinvii sia esaurito: i balneari meritano garanzie non più rinviabili; oggi stanno lavorando con ansia e non riescono più a programmare e attivare investimenti utili al miglioramento dell’offerta dei servizi turistici».

«Chiediamo alla politica – prosegue Lanzilotti – un impegno immediato per garantire le nostre imprese. Abbiamo incontrato tutte le maggiori forze politiche di maggioranza e opposizione, che ci hanno dato garanzie di tutela delle nostre imprese. Ma ora non hanno più alibi: è tempo di agire. Dal 1827 gli imprenditori balneari hanno contribuito allo sviluppo dell’industria del turismo. Là dove c’era un prato verde, ora c’è una fabbrica con emissioni fuori norma, inquinamento, malattie morte. Là dove c’era un prato verde, ora sono interrati rifiuti, scorie, inquinamento della falda. Là dove invece c’erano spiagge abbandonate, ora ci sono servizi di sicurezza ai cittadini, salvaguardia delle coste, pulizia, servizi di ristorazione, ombrelloni e lettini, accoglienza. Un paniere che ha contribuito all’occupazione, allo sviluppo e alla crescita delle casse statali. Ora si vorrebbe espropriarci di tutto quello che abbiamo creato e realizzato con i nostri sacrifici, senza aiuti pubblici, per "donarlo" a coloro che hanno trasformato e distrutto la nostra Italia (grossa finanza, malavita, multinazionali con residenza fiscale all’estero, politica corrotta)».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.