Sib-Confcommercio

Fipe al fianco dei balneari in lotta per la difesa delle loro aziende

Nel recente direttivo nazionale della Fipe-Confcommercio – la federazione dei pubblici esercizi più rappresentativa del settore, con oltre 400.000 aderenti – è intervenuto, in qualità di componente della giunta nazionale della stessa organizzazione, il presidente nazionale del Sindacato italiano balneari Antonio Capacchione. Il presidente nazionale della Fipe Lino Stoppani ha infatti inserito la questione balneare all’ordine del giorno del consesso.

Capacchione ha relazionato sulle iniziative sindacali intraprese anche in ambito giudiziario per la tutela della categoria, sottolineando che la questione sorta con la nota sentenza dell’adunanza plenaria del Consiglio di Stato non riguarda solo i balneari, ma tutte le attività che operano su suolo pubblico per le quali viene prescritto l’obbligo di gara alla scadenza dei provvedimenti autorizzativi dell’uso del bene. «Importante per l’iniziativa sindacale è il quadro conoscitivo corretto del fenomeno», ha sottolineato Capacchione.

Il direttivo nazionale della Fipe ha condiviso le iniziative illustrate da Capacchione. «Il supporto di Fipe conferma e integra la vicinanza già espressa dal presidente nazionale della Confcommercio Carlo Sangalli nella lettera al governo dei giorni scorsi», commenta Capacchione. Alla riunione ha dato anche il proprio contributo scientifico il prof. Stefano Caselli, prorettore dell’Università Bocconi di Milano.

© Riproduzione Riservata

Sib Confcommercio

Il Sindacato italiano balneari si è formalmente costituito il 14 dicembre 1960 e, attraverso la Federazione Italiana Pubblici Esercizi (FIPE), aderisce alla Confcommercio - Confturismo.
Seguilo sui social: