Fiba-Confesercenti

Fiba: “Bene Piano del mare, ora si acceleri su riforma concessioni spiaggia”

Il presidente in audizione alla presidenza del consiglio: "Intervento non più procrastinabile"

«Apprezziamo con piena condivisione l’analisi del governo sul sistema balneare italiano contenuta nel “Piano del mare“, che fotografa in maniera assolutamente reale la drammaticità e precarietà della situazione. Per questo è anzitutto indispensabile accelerare il percorso riformatore che riguarda il sistema turistico balneare italiano». Così Maurizio Rustignoli, presidente di Fiba-Confesercenti, durante il suo intervento nel corso dell’audizione “Turismo del mare” svoltasi presso la sala polifunzionale della Presidenza del consiglio dei ministri.

«Le oltre 30.000 imprese del turismo balneare costituiscono la spina dorsale del comparto e non è più procrastinabile un intervento dell’esecutivo italiano volto a riordinare e semplificare la disciplina in materia di concessioni demaniali marittime, lacuali e fluviali per finalità turistico-ricreative», ha aggiunto Rustignoli. «Vogliamo evidenziare l’importanza dell’impegno in corso del tavolo tecnico inerente la mappatura delle coste italiane: il lavoro svolto dal Ministero delle infrastrutture ci permette, dopo ben quindici anni, di avere una mappatura ufficiale e un primo importante esito è l’avere individuato la percentuale delle coste occupate, ovvero il 33%. Riteniamo, perciò, che adesso sia fondamentale elaborare rapidamente una normativa basata sui dati della mappatura e contemporaneamente avviare una nuova programmazione del demanio marittimo».

«Occorre inoltre che venga dato adeguato riconoscimento al principio della congrua remunerazione di tutti i beni materiali e immateriali appartenenti all’impresa balneare, e non solo degli investimenti non ancora ammortizzati: migliaia di famiglie hanno speso tutta la loro vita in questo lavoro, con cospicui investimenti di cui beneficia il sistema e il cui valore è giusto sia riconosciuto in capo ai titolari delle aziende», ha concluso il presidente di Fiba-Confesercenti. «Un altro tema fondamentale da affrontare per rafforzare il sistema balneare italiano è infine quello dell’erosione costiera, che necessita di competenze e interventi diretti: è indispensabile una progettazione idonea per andare a ricostruire l’arenile individuando nuove tipologie di intervento, che vadano oltre le classiche scogliere a protezione della costa. Ci riferiamo soprattutto alle nuove tipologie di reef artificiali, ovvero le barriere frangiflutto sommerse contro l’erosione e per la ricostruzione costiera e il ripopolamento ittico».

© Riproduzione Riservata

Fiba Confesercenti

Fiba (Federazione italiana imprese balneari) è la federazione sindacale di categoria degli stabilimenti balneari, in seno a Confesercenti.
Seguilo sui social: