Federbalneari

Federbalneari soddisfatta per linee guida riapertura spiagge

L'appello dell'associazione: "Ora le Regioni definiscano subito la data di riapertura"

«Siamo soddisfatti per le linee guida approvate dalla Conferenza Stato-Regioni in materia di attività turistiche, stabilimenti balneari e spiagge: un lavoro importante che, nonostante le difficoltà, è risuscito a dare certezze agli imprenditori». Lo afferma una nota dell’associazione Federbalneari Italia, in merito al documento approvato per regolamentare la riapertura delle attività in seguito all’emergenza coronavirus.

«Le misure indicate dalla Conferenza Stato-Regioni accolgono le richieste fatte da Federbalneari e dalle altre associazioni e riducono le misure capestro previste dal documento redatto da Inail e Iss, al quale ci siamo opposti sin da subito perché non in linea con la realtà e con le esigenze degli utenti e degli imprenditori balneari», prosegue l’associazione. «Attendiamo ora l’imminente comunicazione della data di apertura da parte della Regioni in modo da far partire l’offerta turistica balneare, anche in considerazione della possibilità di spostamenti tra regioni e della riapertura delle frontiere italiane a tutti i cittadini a partire dal 3 giugno».

Conclude Federbalneari: «Questa sarà una stagione con molte incognite e che partirà con una perdita significativa stimata intorno al 50% rispetto allo scorso anno a causa delle limitazioni degli spazi, del tempo perso e delle risposte degli utenti ai nuovi assetti ma, grazie all’impegno di tutti gli imprenditori balneari, siamo pronti a far partire l’offerta turistica balneare. La nostra volontà è di mantenere le stesse tariffe dello scorso anno, nonostante gli elevati costi aggiuntivi che le strutture dovranno affrontare. Abbiamo messo in preventivo, infatti, che il 2020 sarà un anno a “servizio dello Stato e della comunità” e siamo pronti a fare la nostra parte».

© Riproduzione Riservata

Federbalneari Italia

Federbalneari Italia è un'associazione di categoria che riunisce le imprese del turismo balneare italiano.
Seguilo sui social: