Campania Eventi Sib-Confcommercio

“Disegniamo le coste del futuro”: assemblea del Sib a Napoli

Appuntamento martedì alle 15 alla Stazione marittima

“Disegniamo insieme le coste del futuro”: è il titolo dell’assemblea regionale del Sib-Confcommercio Campania, in programma martedì 14 dicembre alle ore 15 alla Stazione marittima di Napoli.

La giornata, spiega la locandina dell’evento, ha lo scopo di «discutere del futuro delle attività turistiche e balneari operanti sul demanio marittimo» e degli effetti della sentenza del Consiglio di Stato che lo scorso 9 novembre ha annullato la validità della proroga delle concessioni balneari fino al 2033, imponendo al legislatore di riassegnare i titoli entro i prossimi due anni tramite bandi pubblici di gara.

Interverranno all’incontro Antonio Capacchione (presidente nazionale Sib-Confcommercio), Salvatore Trinchillo (vicepresidente nazionale Sib-Confcommercio), Marcello Giocondo (presidente regionale Sib-Confcommercio Campania), Antonio Palma (docente di diritto romano all’Università di Napoli Federico II), Felice Casucci (assessore al turismo della Regione Campania), Antonio Marchiello (assessore alle attività produttive della Regione Campania), Andrea Annunziata (presidente Autorità portuale del Mar Tirreno centrale). Modera Pasquale Russo (direttore generale Confcommercio Campania).

puliscispiaggia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sib Confcommercio

Il Sindacato italiano balneari si è formalmente costituito il 14 dicembre 1960 e, attraverso la Federazione Italiana Pubblici Esercizi (FIPE), aderisce alla Confcommercio - Confturismo.
Seguilo sui social:
  1. Spero tanto che il nostro presidente del SIB che sta girando tutta l Italia per difendere la nostra categoria non si culli sulle promesse dei politici che incontra strada facendo ma che vada avanti con i ricorsi promessi perché è l unico modo che abbiamo per avere giustizia,

    • Nikolaus Suck says:

      Direi proprio di no, quei ricorsi nascono morti e non avete nessuna speranza di vincerli, e lo dico senza nessun compiacimento, è proprio un fatto.

  2. Filippo Guorezzi says:

    Va bene la discussione, ma attenti ai particolari. Uno dei relatori non è professore di diritto amministrativo ma di diritto romano. Non è un buon viatico.

  3. I ricorsi servono per 3 ordini di ragioni:

    1. Giocare alla trattativa con il governo per dire che la partita non si e’ ancora chiusa

    2. Far vedere alla base ( che non capisce) che il sindacato gli sta difendendo..(anziche ‘ parlargli chiaro,creando caos al sistema )..mentre…

    3.Mentre in realtà ‘ si stanno spillando un po di soldini a quei poveri che credono nei ricorsi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.