Sib-Confcommercio

“Decreto agosto, balneari sfavoriti: il parlamento lo corregga”

La denuncia del Sib-Confcommercio: "Non un euro è stato destinato alla categoria"

«Abbiamo inviato ai senatori appartenenti a tutti gli schieramenti politici le proposte emendative da presentare in sede di conversione del “decreto agosto” (D.L. 14 agosto 2020 nr. 104), attualmente all’esame della V commissione del Senato». Lo rende noto Antonio Capacchione, presidente del Sindacato italiano balneari aderente a Fipe-Confcommercio.

«Purtroppo nei molteplici interventi normativi sin qui adottati dal governo non vi è stato alcun provvedimento in favore dei balneari relativamente al canone o ad altri oneri fiscali», sottolinea Capacchione. «È bene sottolineare che nei complessivi 100 miliardi di aiuti economici stanziati dal governo e dal parlamento in favore delle attività economiche per l’emergenza causata dal Covid-19, non un euro è stato destinato ai balneari».

«Anche l’ultimo decreto legge – rimarca il presidente del Sib – non contiene alcun intervento per l’eliminazione, la riduzione o il rinvio del pagamento dei canoni demaniali, né modifica il trattamento fiscale ingiusto e penalizzante per le 30.000 imprese balneari (dall’aliquota Iva al 22% invece che al 10% come per tutte le altre aziende turistiche, al pagamento della Tari per l’intero anno e non per il periodo di effettivo esercizio dell’attività, eccetera). Persino nell’avvenuta abrogazione dei valori Omi (art. 100 del decreto legge n. 104/2020) si manifesta un trattamento sfavorevole verso la balneazione attrezzata italiana, con l’ingiusta disparità fra i pertinenziali balneari (per i quali l’eliminazione dei valori Omi si attua solo dal prossimo anno) e quelli della nautica (per i quali l’abrogazione è, invece, retroattiva dal 2007)».

Le prime tre proposte emendative presentate dal Sib-Confcommercio riguardano i canoni; la quarta concerne l’estensione anche alle aziende balneari del credito di imposta del 65% previsto per gli investimenti in quelle ricettive, termali e agrituristiche; infine le ultime cinque risolvono alcune complicazioni burocratiche già inutilmente proposte nel precedente decreto legge “semplificazioni”.

Conclude Capacchione: «Ci auguriamo che le nostre proposte siano accolte e che il parlamento corregga quindi il decreto agosto assicurando alle aziende balneari lo stesso trattamento assicurato a tutte le altre aziende turistiche italiane. Ci adopereremo affinché ciò avvenga».

Per approfondire

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sib Confcommercio

Sib Confcommercio

Il Sindacato italiano balneari si è formalmente costituito il 14 dicembre 1960 e, attraverso la Federazione Italiana Pubblici Esercizi (FIPE), aderisce alla Confcommercio - Confturismo.
Seguilo sui social:
  1. Avatar
    Claudio Galli says:

    Bisogna riconoscere a Capacchione che è sempre molto bravo nello scrivere gli emendamenti. Peccato che normalmente il Governo non li approva. Però non disperiamo: vediamo cosa succede questa volta.

    • Avatar

      Meno male che il governo non approva i suoi emendamenti…tutti hanno perso ma i balneari meno degli altri settori eppure piangono sempre miseria!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *