Attualità

Concessioni pertinenziali, giustizia è fatta: addio ai maxi canoni Omi

L'avvocato demanialista Bartolo Ravenna esulta per l'approvazione, nel decreto agosto, della legge che risolve i contenziosi di circa trecento imprese

«Con il “decreto agosto”, il consiglio dei ministri ha posto fine a un’ingiustizia lunga 13 anni in danno di 300 aziende italiane che hanno avuto la colpa di gestire in concessione beni in muratura realizzati sul demanio e incamerati dallo Stato e che, solo per questo, si sono visti aumentare i canoni di concessione sino al 3000%». Lo afferma Bartolo Ravenna, avvocato demanialista che ha seguito la vicenda dei concessionari pertinenziali, commentando l’inserimento nel decreto agosto di una legge che risolve la stortura dei maxi canoni Omi.

«In pratica – spiega l’avvocato Ravenna – chi pagava 10.000 euro l’anno si è visto, dalla sera alla mattina, richiedere sino a 300.000 euro. Tale stortura in uno stato di diritto non è accettabile; ma nonostante ciò, è riuscita a sopravvivere per 13 anni. E questo non può che far riflettere».

Prosegue Ravenna: «Non tutti hanno avuto la possibilità di sopravvivere. Penso al Politeama di Viareggio, al Delfinarium di Rimini, alla Barcaccia di Bari e a tante altre storiche realtà costrette a chiudere i battenti. E molti altri pertinenziali sono sopravvissuti sanguinando e hanno le decadenze in corso. Ora i canoni Omi – ovvero quei canoni di mercato che il governo Prodi decise di introdurre per premiare chi aveva cura dei gioielli dello Stato – non ci sono più. Ma nessuno potrà risarcire chi è imprenditorialmente scomparso a causa di una legge dello Stato che tutte le forze politiche di maggioranza e opposizione hanno giudicato ingiusta, anche in considerazione della grande sperequazione che aveva partorito tra strutture in muratura incamerate e strutture in muratura non incamerate.
Penso per esempio al Lamparino e alla Lampara di Cattolica, cioè due esercizi attaccati l’uno all’altro che pagavano rispettivamente 500 e 70.000 euro. E che però dovevano vendere la pizza o il caffè allo stesso prezzo per evitare di essere tagliati fuori anche dal mercato».

gestionale spiaggia

«Insomma, giustizia è fatta e non è assolutamente corretto parlare di sanatoria, peraltro adombrando un regalo all’intera categoria dei concessionari demaniali», conclude Ravenna. «Chi afferma ciò è fazioso o è ignorante, nel senso che non conosce la dolorosa vicenda delle 300 famiglie italiane. Basta cercare sul vocabolario della lingua italiana per avvedersi che la sanatoria è l’estensione di un’indulgenza a favore di chi è responsabile di mancanze o infrazioni. Nel caso, come riconosciuto dal parlamento unanime, nessuna infrazione o mancanza cosciente e volontaria è stata posta in essere dai pertinenziali, che hanno invece patito una plateale ingiustizia cui il governo, forte dell’unanime consenso parlamentare, ha finalmente deciso di porre fine con decretazione d’urgenza. Quindi nessun regalo e nessuna sanatoria, ma solo l’eliminazione di una legge che ha fatto tanto danno a una fetta di imprenditoria sana e laboriosa che, nonostante tutto, si è sforzata, per anni e anni, di garantire un servizio di qualità. È solo per questo che il governo italiano ha consentito, a ciò che rimane della categoria, di rimettersi in sesto pagando cifre comunque significative e finalmente consentendo allo Stato di introitare somme, somme vere e non numeri rimasti per oltre un decennio sulla carta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Avatar

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. Avatar
    Ruggero barbadoro says:

    Un grazie di cuore al direttore per il sostegno e l’impegno dato per una causa giusta a sostegno della nostra categoria . .Grazie di❤️ .Ruggero Barbadoro pres.Fiba Lazio

  2. Avatar

    Quali che siano i canoni demaniali,ad esempio per concessioni di spiagge destinate a stabilimenti balneari,il costo quand’anche dovesse essere esoso,i concessionari non ne hanno alcun danno reale perché lo scaricano tranquillamente sugli utenti.Basta vedere ad esempio, il caso dei lidi di Porto Cesareo,dove l’ombrellone e due sdraio per un giorno costano 50 euro, mentre per la stagione 15 giugno-15 settembre il prezzo si aggira su 2.600 euro.

    • Avatar

      Vorrei rispondere a gianni che evidentemente non è un gestore di un lido o di un attività commerciale o se lo è mi stupisco dell’affermazione. Il fatto di poter ricaricare il maggior costo del canone sui prezzi dei servizi di spiaggia è errato poiché se il canone è troppo sproporzionato dovrei applicare dei prezzi dei servizi troppo elevati con la conseguenza di essere tagliato fuori dal mercato. Se a parità di servizi di due stabilimenti vicini, chi deve sostenere dei costi eccessivi deve far pagare un ombrello e due lettini per esempio una cifra tripla all’altro stabilimento è evidente che quello stabilimento è destinato a fallire. È un banale principio economico. Questa struttura lavorerebbe in un regime di concorrenza sleale. E poi non tutte le strutture si trovano in posti di pregio la cui ricettività è tale da poter pagare cifre importanti, sto parlando della valenza turistica. Quindi prima di parlare bisogna conoscere a fondo i problemi e non sparare sentenze senza sapere.

  3. Avatar
    Laura crivellini says:

    Non ho capito bene , la legge è stata approvata o no i pertinenzialihanno ottenuto la revisione degli indici OMI che sta facendo fallire la mia impresa

  4. Avatar
    Francesco M says:

    …E per i pertinenziali che hanno pagato tutto fino ad oggi con enormi sacrifici cosa avranno? Un credito per i prossimi anni o una pacca sulla spalla??

    • Avatar

      Buongiorno Francesco, purtroppo il provvedimento è molto chiaro: «Sono comunque fatti salvi i pagamenti già eseguiti alla data di entrata in vigore delle presenti disposizioni». Quindi non si potrà avere dietro nulla.

  5. Avatar

    ma dopo tredici anni………..mi chiedi 30% cash diffrenza o 60% a rate senza sapere nuovo importo e mi dici stop pignoramenti……….praticamente DOPO AVER PERSO PURE LE MUTANDE……ma per favore…meno male che ho venduto il lido nel 2010..se no stavo sotto i ponti, vergogna!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *