Attualità Calabria

Catanzaro, rischio ricorsi sui bandi di 3 concessioni balneari

Gli operatori esclusi dalle gare avrebbero intenzione di appellarsi al Tar.

di Luana Costa

Si sono concluse nel Comune di Catanzaro le operazioni per l’individuazione dei concessionari di aree demaniali marittime per la costruzione di nuovi stabilimenti balneari nel quartiere marinaro. Le procedure vanno avanti dallo scorso anno tra revoche e anche feroci polemiche sollevate, in particolare, dal consigliere comunale Eugenio Riccio. Nei giorni scorsi è così arrivato a conclusione l’iter, ma non per tutti i lotti messi a gara. Erano sei, infatti, le aree demaniali marittime che il Comune aveva in animo di concedere in affidamento ventennale ad altrettanti imprenditori per avviare la costruzione di stabilimenti balneari, ma per questa stagione estiva ci si dovrà accontentare solo di tre nuove attività commerciali lungo la costa ionica catanzarese. Di sei lotti, infatti, solo tre sono in via di aggiudicazione: nello specifico, le due aree localizzate nella zona di Lido (lotto 5 e 6) e una sola nella zona di Giovino (lotto 4).

La commissione si è riunita nei giorni scorsi per procedere all’apertura delle buste delle ditte partecipanti e ha ammesso al prosieguo della gara inerente il lotto 5 la ditta Luigi Rotundo. Lo stabilimento avrà sede a Lido con un’ampiezza di 800 metri quadri. La concessione a carattere stagionale sarà valida per 20 anni. È stata inoltre ammessa la ditta G.F.T. relativa al lotto 6 per la creazione di uno stabilimento balneare che troverà posto sempre nell’area di Lido, con un’ampiezza di mille metri quadrati. La concessione di natura stagionale avrà una durata di 20 anni. E, infine, è stata considerata valida la documentazione presentata dalla società S. A. T. Alberghi Turistici, ammessa a ottenere la concessione sul lotto 4 per la realizzazione di uno stabilimento in località Giovino con ampiezza di 3.750 metri quadrati e con una concessione annuale e una durata di 20 anni.

puliscispiaggia

Molto più sfortunati, invece, i partecipanti alla seconda gara indetta da Palazzo De Nobili per l’assegnazione delle restanti tre aree demaniali localizzate nella zona di Giovino. Gli undici candidati sono stati, infatti, esclusi in blocco, dal momento che la commissione comunale presieduta dal rup, Vincenzo Carioti, non ha ritenuto gli operatori commerciali in possesso dei requisiti richiesti. Questa seconda gara era stata indetta per la concessione delle aree demaniali marittime individuate nel lotto 1 e nel lotto 3, mentre rimaneva riservata l’assegnazione del lotto 2 alle forze dell’ordine. Ebbene, Giovanni Costa, Alessio Argento e Tiziana Monteleone, oltre alle ditte BMF, Rotman e Sudmetallica, sono stati esclusi perché “attività commerciali non in possesso della qualificazione necessaria”. Esclusi anche Krizia Procopio, Umberto Mario Crivaro e Antonio Bordino, anch’essi ritenuti privi della qualificazione professionale. Mentre le richieste di Vincenzo Merenda e Simone Greco sono state respinte perché avanzate su una concessione demaniale, la 2, riservata alle sole forze dell’ordine.

Non è da sottovalutare l’ipotesi che la battaglia per l’assegnazione delle aree demaniali, conclusa la parentesi comunale, possa proseguire nelle aule giudiziarie. Alcuni tra gli operatori esclusi sarebbero infatti intenzionati a impugnare i provvedimenti dinnanzi al Tar.

fonte: lacnews24.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.