Sib-Confcommercio

Capacchione (Sib): “Balneari insieme a Comuni e Regioni per ripartenza settore”

L'intervento del presidente del Sib-Confcommercio al summit del G20 Spiagge di Riccione

«Serve un’alleanza fra imprenditori balneari, Comuni e Regioni per un inderogabile e urgente intervento legislativo che metta in sicurezza giuridica la balneazione attrezzata italiana e faccia ripartire il settore». È quanto ha dichiarato ieri a Riccione Antonio Capacchione, presidente del Sindacato italiano balneari aderente a Fipe-Confcommercio, nel suo intervento al convegno “Concessioni demaniali: un confronto tra i rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni di categoria” nel corso dei lavori del G20 Spiagge, il network nazionale delle destinazioni balneari con almeno un milione di presenze turistiche, impegnato per definire al meglio il futuro delle coste italiane.

«La ripartenza è ancora più necessaria a causa della congiuntura economica avversa per il conflitto bellico in corso che si somma agli effetti negativi di una non ancora superata epidemia», ha continuato Capacchione. «Gli imprenditori balneari con i Comuni e le Regioni sono le parti lese di uno Stato latitante e pasticcione».

«L’imminenza delle elezioni amministrative e la prossimità di quelle politiche possono indurre a posticipare un intervento normativo non più procrastinabile. Bisogna, quindi, scongiurare la tentazione di fuga dalle proprie responsabilità della politica che è chiamata ad affrontare e risolvere il problema della morte annunciata di decine di migliaia di famiglie di onesti lavoratori che hanno costruito un modello di balneazione attrezzata che il mondo ci invidia», ha concluso il presidente del Sib.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sib Confcommercio

Il Sindacato italiano balneari si è formalmente costituito il 14 dicembre 1960 e, attraverso la Federazione Italiana Pubblici Esercizi (FIPE), aderisce alla Confcommercio - Confturismo.
Seguilo sui social: