Abruzzo

Alba Adriatica pianifica il futuro della costa insieme a cittadini e imprenditori turistici

Grande interesse per il seminario di venerdì scorso che ha portato i "Granelli di sabbia" del prof. Pranzini dal vivo

La spiaggia è un bene comune di eccezionale valore ambientale, sociale ed economico e, in un periodo in cui l’erosione rischia di farla sparire o obbliga a interventi che ne possono ridurre il valore, tutte le componenti di un territorio devono essere chiamate a identificare e condividere le strategie di difesa che le amministrazioni pubbliche devono portare avanti. Questo comporta che i cittadini non siano solo informati, ma anche formati: non si chiede certo a loro di fare gli studi e i progetti, ma devono essere almeno messi nelle condizioni di comprenderne il significato e valutare le ricadute che le scelte fatte avranno sulla propria vita e sulle proprie attività. Non solo: la visione che i cittadini hanno della propria costa e di come potrà essere vissuta in futuro è un elemento che dovrebbe pesare nelle scelte progettuali che verranno fatte. Tutto ciò presuppone che i cittadini abbiano una conoscenza, seppur generale, dei processi attivi sulle spiagge, sulle varie strategie di difesa costiera adottate in Italia e nel resto del mondo e sugli impatti che i diversi interventi potrebbero avere. Anche l’acquisizione di un linguaggio idoneo che consenta il confronto con le varie professionalità che vengono chiamate per le progettazioni è un elemento che può favorire il confronto e l’identificazione delle soluzioni migliori.

Alba Adriatica e Tortoreto (Abruzzo) si trovano nell’imminenza della realizzazione di interventi di difesa costiera che potrebbero modificare il paesaggio costiero e il modo con cui si vive la costa e il mare, e un gruppo di operatori economici per i quali la spiaggia è la base della propria attività ha ritenuto opportuno organizzare un seminario per approfondire queste tematiche. Ecco quindi che la Federazione autonoma balneari – Cna, Albatour, Costa dei Parchi, Federalberghi Abruzzo, Assohotel Confesercenti, Pro Loco “Citta di Alba Adriatica”, BalneaTor Tortoreto, Pro Loco “Spiaggia d’Argento” e l’Associazione Albergatori Tortoreto hanno contattato Mondo Balneare per portare sulla propria costa un po’ di quei “granelli di sabbia” che da oltre un anno compaiono sulla nostra rivista.

È così che Enzo Pranzini, che per il Gruppo nazionale per la ricerca sull’ambiente costiero cura questa rubrica, lo scorso venerdì ha tenuto un seminario di quattro ore sulle varie tecniche di difesa dei litorali, da quelle rigide a quelle considerate più morbide, con anche una proiezione sui progetti innovativi che si vanno sperimentando nel mondo. Ovviamente un’adeguata attenzione l’hanno avuta gli interventi di ripascimento artificiale, per i quali sono stati spiegati i metodi di valutazione della stabilità e della compatibilità cromatica dei sedimenti da immettere sul litorale.

Oltre trenta operatori economici, prevalentemente albergatori e balneari, hanno lasciato le proprie attività per un’intera mattinata per seguire il seminario, pur essendosi svolto il giorno precedente la grande riapertura, e quindi in un momento di massimo impegno nelle rispettive strutture. Questo dimostra non solo l’interesse che c’è per una condivisione consapevole delle scelte che si andranno a fare su questo territorio, ma anche la consapevolezza che gli operatori del settore hanno della necessità di essere maggiormente informati su quale potrà essere il futuro delle coste e sulle varie strategie di difesa che si potranno adottare per garantire la qualità e sostenibilità ambientale senza penalizzare le attività economiche.

Mondo Balneare è disponibile per favorire e organizzare simili eventi anche in altri territori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *