Attualità

“Tassa su calciobalilla, siamo alla follia”

I balneari infuriati per la nuova regolamentazione imposta dall'Agenzia delle dogane

Non si placa la polemica sulla tassa per il possesso di calciobalilla e flipper, che ha portato molti stabilimenti balneari a mettere sotto chiave i giochi per evitare di pagare multe fino a 4.000 euro. «Siamo alla pura follia», tuona il presidente del Sib-Confcommercio Antonio Capacchione, commentando la notizia diffusa da Mondo Balneare e ripresa nei giorni successivi da tutti i media. «Siamo tenuti a denunciare all’Agenzia delle dogane il possesso di calciobalilla e flipper, anche se gratuiti, e dobbiamo attendere l’autorizzazione permetterlo in esercizio. In attesa, per ogni biliardino la sanzione è di 4.000 euro».

Fino allo scorso anno i calciobalilla e i flipper dovevano pagare l’imposta sugli intrattenimenti (Isi) solo se andavano a moneta o gettone, essendo inquadrati come “giochi meccanici”. Con l’articolo 104 della legge 126/2019, attuato a partire da quest’anno con una determina dell’Agenzia delle dogane del 18 maggio 2021, i calciobalilla e i flipper sono invece stati inquadrati come “apparecchi”, andando di fatto a inserirli in un’altra tipologia per cui i locali che li possiedono devono obbligatoriamente certificarne la presenza all’Agenzia delle dogane e a pagare la relativa tassa. Si tratta di una procedura complessa che ha portato molti balneari a chiudere in ripostiglio questo gioco amato dai turisti in tutta Italia, per evitare di incorrere in lunghe procedure burocratiche e multe salate.

Ma il direttore dell’Agenzia delle dogane Marcello Minenna respinge le accuse e tranquillizza gli operatori: «Abbiamo solo semplificato un obbligo di legge del 2012 in una semplicissima autocertificazione. Si tratta di una disciplina del 2012, che purtroppo a seguito del lockdown è entrata in vigore; insomma una norma che era dormiente è diventata operativa. Ma ancora non è stato dato mandato agli uffici ispettivi di effettuare verifiche, perché siamo in un periodo transitorio».

Un’accurata spiegazione sulla vicenda della tassa sui calciobalilla è stata pubblicata dal Post: “Perché si parla dei biliardini“.

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: