Attualità

Addio al calciobalilla in spiaggia: una nuova legge lo equipara al gioco d’azzardo

Da quest'anno anche il celebre biliardino è soggetto al pagamento dell'imposta sugli intrattenimenti

Si pensava che fosse un gioco intramontabile, e invece ci sta pensando una norma assurda a farli scomparire. Stiamo parlando del calciobalilla, un evergreen negli stabilimenti balneari di tutta Italia: da più di mezzo secolo oggetto di sfide all’ultimo goal, amato da grandi e piccini, da quest’estate il gioco rischia di non trovarsi più in nessuna spiaggia della penisola. La colpa è di una nuova regolamentazione che ha equiparato il calciobalilla alle macchinette per il gioco d’azzardo, portando molti gestori a chiudere il gioco in ripostiglio per evitare di pagare multe salate.

In sostanza, fino allo scorso anno i calciobalilla erano esenti al pagamento dell’imposta sugli intrattenimenti (Isi), solitamente applicata ai giochi a pagamento con vincita di premi, mentre il decreto n. 65 del 18 maggio 2021 ha previsto che anche i locali in possesso di biliardini e flipper debbano versare la tassa, che ammonta all’8% dell’imponibile medio forfettario oltre al limite Iva.

Nei giorni scorsi è stata presentata un’interpellanza all’Agenzia delle entrate per contestare il pagamento dell’imposta: «Il fatto di dover censire anche gli apparecchi a uso gratuito – spiega Jamma, portale di informazione dedicato al gioco pubblico – si ritiene, da parte di chi ha promosso l’iniziativa, essere in contrasto con la norma del pagamento dell’imposta sui trattenimenti (DPR 26/10/1972 n. 640, articoli 14-bis, 14-ter, 14-quater, 14-quinquies e 15) che comporta l’assolvimento dell’imposta». Sull’assurdità della disposizione è stata presentata anche un’interrogazione parlamentare a firma della senatrice Paola Binetti (Forza Italia), ma per ora tutto tace. Al momento non risulta che Equitalia abbia iniziato a comminare multe, ma nel dubbio, molti gestori di stabilimenti balneari hanno preferito rimuovere il gioco forse più amato dai turisti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. Gentile sig. Diario può gentilmente spiegare alla platea dei lettori cosa c’entrano i calcio balilla con gli indennizzi ?

    • Andrea_quello_normale says:

      Semplice Cesare, non pubblicando mondo balneare articoli che si adattino alle sue litanie, diario ha pensato bene di accodarle a qualsiasi cosa venga pubblicata.

    • A nessuno viene impedito di commentare, Cesare. C’è solo la moderazione preventiva dei commenti per evitare che vengano pubblicate ingiurie e turpiloquio. Perciò possono passare alcune ore fra l’inserimento di un commento e la sua effettiva pubblicazione.

      Grazie per seguirci e buona giornata.

  2. Eugenio b. says:

    Alcune precisazioni : i calciobalilla sono stati fino lo scorso anno hanno sempre pagato la tassa ISI se andavano a moneta o gettone ed erano inquadrati negli Am3 come meccanici, non pagavano la tassa quelli messi a disposizione gratuitamente e nemmeno erano censiti.
    Con la determina 18 maggio 2021 Adm è la legge 126 del 2019 art. 104 hanno purtroppo inquadrato i calciobalilla in apparecchi a ma 7 c bis (se a moneta o gettone) è nel comma 7 c ter (se a tempo) dell’art. 110 TULPS. Tale decreto è successive determinerà hanno stravolto il mercato e il sistema obbligando i possessori dei calciobalilla ad autocertificare quanto detenuto con una prassi e tempi fino al 30 aprile 2022, poi riaperta per 15 giorni a giugno per permettere anche agli stabilimenti balneari di rientrarvi. Purtroppo la procedura è complessa e il fatto che ADM con circolari abbia stabilito che anche i giochi gratuiti vadano autocensiti e pagata tassa ha dato luogo all’interpello all’agenzia entrate per chiarimenti. Al riguardo si ricorda che ci sono 2 interrogazioni parlamentari della Senatrice Binetti, una petizioni al Parlamento europeo, un ricorso al Presidente della Repubblica ora al Consiglio di stato in attesa di decisione.

  3. Affascinante, e altrettanto affascinante il povero diario. E assai probabilmente il poveretto plaude, se ciò fosse vero, all orientamento in nome della legge .
    La stessa legge che ha cercato di imporsi in in doloso vuoto normativo , lasciato dalla politica . Vale a dire la cura peggio della malattia .Io credo, che il valore di azienda sia il valore dell’ insieme dei beni ,anche se ammortizzati, e dell’ avviamento che concorrono alla attività di impresa al suo fatturato, reddito e numero di addetti.
    uno stato socio al 70 per cento, dovrebbe imporre all entrante, lo stesso tipo di attrezzatura al valore del nuovo, e non del residuo, se non vuole imporre indennizzi, perché possa avere come minimo gli stessi risultati economici dell’ azienda uscente.
    E durissima da capire caro diario, hai la fortuna che chi governa é scemo come te,
    la storia é tutta diversa .Ma tu per fare dispetto alla moglie preferisci usare le forbici. Complimenti

    • Andrea_quello_normale says:

      Il tuo commento rispecchia esattamente il mio pensiero. Partendo da questi, a mio parere,, più che giusti presupposti si potrebbero salvare capre e cavoli, e parlo anche per lo Stato. Giustissimo il tuo ragionamento su un eventuale subentrante che debba essere nelle condizioni di garantire gli stessi introiti appunto allo Stato. Ecco che la platea degli arrembanti nuovi bagnini si ridurrebbe a persone veramente capaci, e qualche nuovo fenomeno che durerebbe il tempo di una meteora ma lascerebbe sul campo una bella sommetta garantita da prima dell’esordio. Ma come te dispero sul fatto che al governo qualcuno ci arrivi con il cervello, questo esecutivo riuscirà a scontentare tutti prendendolo anche nel sedere. Spero di essere pessimista..

  4. Antonio Montaldo says:

    E’ assurdo tassare, cari Voi tutti, quei pochi giochi che, resistendo nel tempo, fanno socializzare adulti e ragazzi ! Evidentemente, chi si è inventato questa stupidaggine, preferisce vedere gli adolescenti davanti ad un PC o ad una console di videogiochi, per giocare in modo virtuale ed in perfetta solitudine !!! Vadano tutti a casa quelli che si sono inventati questa assurda tassa, soprattutto se i giochi in questione vengono messi a diposizione gratuitamente !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.