Attualità

Spiagge, l’ombrellone è digitale: +350% di prenotazioni online

Boom di richieste nel portale specializzato

Gli italiani hanno voglia di mare e, soprattutto, di godersi le vacanze sul bagnasciuga in sicurezza e senza preoccupazioni organizzandosi per tempo. A confermarlo sono i dati raccolti da Spiagge.it, dai quali emerge una crescita costante delle prenotazioni di lettini e ombrelloni lungo tutte le aree litoranee dello stivale, sponde dei laghi comprese. In particolare, il portale nel giugno 2021 ha registrato un aumento delle prenotazioni pari al 350% rispetto allo stesso mese del 2020, raggiungendo le 45.000 prenotazioni con una media di 52 euro a prenotazione.

A fare da apripista ci sono le zone costiere adriatiche, con la Puglia che registra un +500% di prenotazioni e Marche e Abruzzo che crescono del 400%. Stessa percentuale per la Liguria. Tra le province più cercate e prenotate, sul podio ci sono Napoli (24%), La Spezia (19%) e Gorizia (8%), seguite da Bari, Lecce, Salerno e Ravenna (5%), Rimini e Ancona (3%), Savona e Pescara (2%). Per quanto riguarda i laghi, infine, spiccano le sponde del Lago Maggiore e del Lago di Como.

Cambiano le modalità di prenotazione, sempre più orientate verso i sistemi digitali (l’87% avviene attraverso dispositivi mobili e il 13% via web), ma non le abitudini degli italiani in riva al mare. Secondo i dati condivisi dal portale, infatti, l’85% delle prenotazioni prevede solamente ombrellone e due lettini, il minimo indispensabile per godersi una giornata di sole, anche se sono in aumento le prenotazioni di postazioni esclusive, come i lettini a baldacchino (8%). A questo si aggiunge l’attenzione per i servizi, con un italiano su quattro che ricerca e seleziona lo stabilimento sulla base delle attività proposte, in primis quelle dedicate ai bambini, seguite dagli sport acquatici e dagli sport da spiaggia che hanno registrato un aumento di interesse pari al 250% rispetto allo scorso anno.

Confermata rispetto al 2020, invece, la durata media delle prenotazioni, pari a 1,8 giorni (molto spesso concentrati nel weekend), con il numero che sale fino a 2,7 per le vacanze in Sicilia e in Sardegna e scende all’1,3 per quelle in Liguria e in Toscana. Diversamente, si allunga il tempo trascorso tra la prenotazione (spesso effettuata di venerdì) e il soggiorno, che si attesta in media sui 4,7 giorni, con un aumento fino a 6,8 giorni di anticipo per le isole.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *