Cna Balneari Eventi

Riforma concessioni balneari, videoconferenza di Cna

Appuntamento venerdì alle 16 sulla piattaforma Gotomeeting

Cna Balneari ha convocato per venerdì 26 novembre alle ore 16 una videoconferenza online per fare il punto della situazione sulle concessioni balneari. L’evento potrà essere seguito collegandosi a questo link: https://global.gotomeeting.com/join/676506701

L’ordine del giorno della videoconferenza prevede di affrontare i seguenti punti: 

  1. Gli effetti, per il settore e per l’economia turistica costiera, della recente sentenza del Consiglio di Stato;
  2. Resoconto incontri istituzionali e interassociativi con le sigle di settore;
  3. Decreto concorrenza e proposte emendative;
  4. Proposte per il settore nella manovra finanziaria 2022 e nei provvedimenti collegati;
  5. Posizione e strategia associativa Cna Balneari.

Parteciperanno alla riunione il Dipartimento relazioni istituzionali e affari legislativi di Cna, il coordinatore nazionale di Cna Balneari Cristiano Tomei e la presidente nazionale di Cna Balneari Sabina Cardinali.

accessori spiaggia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Cna Balneari

Cna Balneari è la sezione di Cna (Confederazione nazionale dell'artigianato e della piccola e media impresa) che associa i titolari di stabilimenti balneari.
Seguilo sui social:
  1. Crivellini Laura says:

    Ritengo che questa decisione scellerata del consiglio di stato distrugga un intero comparto ,ma cosa pensano che dopo aver sputato sangue per anni andiamo via con una mano davanti e una dietro mi auguro che il governo faccia qualcosa altrimenti saranno guai

    • Andrea Etruria says:

      Ma guai di che? Guai per voi al massimo. Se state buoni magari vi riconoscono quale indennizzo. Se create problemi oltre a non riconoscervi niente vi arriva anche qualche pendenza penale. Chi è stato lungimirante ha fatto qualche soldino in tutti questi decenni, che si riprendesse all’asta il proprio stabilimento. Chi non è stato altrettanto lungimirante significa che di imprenditoria non ci capisce una mazza e quindi è giusto che venga eliminato dal mercato. Tutti che pensate di essere imprenditori, ma fatela finita va

      • Allora se investiamo nonostante l’incertezza non siamo imprenditori, se non investiamo siamo sfruttatori del bene pubblico. Mettetevi un po’ d’accordo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *