Opinioni

Riforma concessioni balneari, incrementare il PIL o il debito pubblico?

Incrementare il PIL o il debito pubblico? Il governo Meloni oggi è davanti a questo bivio, e con la riforma delle concessioni demaniali può imboccare una delle due strade. Se si vuole incrementare il PIL, il governo può procedere con la corretta applicazione della Bolkestein, quindi con il calcolo della scarsità della risorsa spiaggia su base nazionale: ciò prevede che, fino al giorno in cui ci sarà spazio per aprire nuove imprese in Italia, il governo può mettere in campo risorse ed energie per agevolare l’apertura di nuove imprese balneari. Con questa soluzione si raggiungono tutti gli obiettivi della Bolkestein, che sono l’aumento dei posti di lavoro, l’aumento della competitività e della concorrenza, e quindi l’aumento del PIL e delle entrate per le casse dello Stato.

accessori spiaggia

La seconda strada invece, che potremmo definire come uno stravolgimento della Bolkestein, prevede il calcolo della scarsità a livello comunale. In questo caso molti Comuni dovranno dichiarare da subito la scarsità del bene e la messa all’evidenza pubblica delle concessioni dove sopra insiste già un’azienda avviata. Di conseguenza chi vorrà entrare in questo settore, invece di tentare la strada più ardua di aprire una nuova impresa o quella più onerosa di acquistare un’impresa già avviata – come sarebbe normale in un libero mercato – tenterà sicuramente di impossessarsi a costo quasi zero di un’attività già avviata, sostituendosi agli attuali imprenditori già in possesso di una concessione.

Con la seconda soluzione il governo avrà un risultato pari a zero, vale a dire nessuna nuova impresa, nessun nuovo posto di lavoro, nessun incremento dell’indotto e nessun incremento delle entrate fiscali. L’unico parametro che aumenterà sarà quello del debito pubblico, poiché l’unico modo per contrastare la povertà sarà l’assistenzialismo. A questo punto, sta al presidente del consiglio imboccare una delle due strade: incrementare il PIL o il debito pubblico?

pouf Pomodone

© Riproduzione Riservata

Ezio Filipucci

Presidente regionale di Assobalneari-Confindustria Emilia-Romagna e titolare del ristorante Sirena di Riccione con la famiglia dal 1980. In precedenza è stato presidente dell'Associazione ristoranti di spiaggia di Riccione e vicepresidente regionale di Fiba-Confesercenti.