Campania Federbalneari

Procida, Federbalneari: “Pronti a confronto con Antitrust”

L'associazione risponde alla diffida del garante della concorrenza contro l'estensione al 2033

Un incontro concreto per smuovere subito le acque nell’isola di Procida che rischia di non farsi trovare pronta all’appuntamento di capitale italiana della cultura 2022. «Una delle principali isole dell’arcipelago campano è bloccata nel suo futuro in un mare di difficoltà per il mancato rilascio delle concessioni demaniali fino al 2033, le annose problematiche erosive e uno sviluppo turistico per tali ragioni frenato», denuncia l’associazione Federbalneari.

L’incontro tra il presidente di Federbalneari Italia Marco Maurelli e una delegazione di imprese del gruppo Federbalneari Campania, tenutosi alla sede di Casartigiani Procida, ha avuto come oggetto la “questione Antitrust”: l’autorità garante della concorrenza ha infatti avviato un parere di non conformità alla direttiva servizi e al TFUE nell’applicazione della delibera comunale che regola il rilascio dei titoli al 2033, come già fatto nei confronti di molte altre amministrazioni comunali costiere d’Italia.

«L’Antitrust sta ponendo in seria difficoltà il rilascio delle estensioni al 2033 delle concessioni balneari delle imprese procidane», ha dichiarato il presidente Maurelli. «Riteniamo non corretto che si continui su questa strada “a vicolo cieco”, poiché il Comune di Procida non ha ancora rilasciato gli atti concessori al 2033 e il parere dell’Antitrust ancora una volta appare fuorviante e destabilizzante, nonché ingiusto, per le imprese che attendono ormai dal 2019 l’atto concessorio così come previsto dalla legge di stabilità del 2018 e dal decreto rilancio del 2020 a sostegno dell’economia e del turismo italiano». Il presidente Maurelli ha fatto sapere che seguirà personalmente l’iter per la risposta adeguata all’Antitrust nel pieno rispetto delle norme.

Durante l’incontro si è parlato anche di contrasto all’erosione costiera, tema importantissimo e che sta colpendo in modo quasi irreversibile l’isola di Procida rendendo difficile erogare servizi in quelle condizioni.

«I preparativi per gli eventi e le importanti iniziative previste per la capitale della cultura 2022 sono vicini e non possiamo rischiare che le nostre imprese non siano pronte per l’importante iniziativa. Le adeguate soluzioni sono da ricercare quanto prima in modo coordinato, perché metteremmo a rischio le concessioni demaniali importantissime per il ruolo di biglietto da visita di un territorio come Procida e il suo mare e per le iniziative in programma nel 2022 che dovranno essere ben salvaguardate», ha concluso Maurelli.

© Riproduzione Riservata

Federbalneari Italia

Federbalneari Italia è un'associazione di categoria che riunisce le imprese del turismo balneare italiano.
Seguilo sui social: