Attualità Liguria

Milionaria svizzera acquista nota spiaggia ligure per costruire la sua mega villa

Lo stabilimento-ristorante Giunchetto di Bordighera sarà demolito per fare posto a una lussuosa residenza privata

Dove sorgeva uno storico stabilimento balneare, presto ci sarà una lussuosa villa sul mare. C’è infatti una ricca (e per ora anonima) donna svizzera dietro all’acquisto del “Giunchetto“, noto ristorante su spiaggia privata a Bordighera in Liguria, che sarebbe stato acquistato per svariati milioni di euro allo scopo di essere demolito. Al suo posto sorgerà una residenza di 400 metri quadrati con giardino affacciato sulla spiaggia, piscina a sfioro ed eliporto.

La trattativa per la costruzione e l’acquisto è stata seguita dall’agenzia Sagor & Partner, mentre il progetto di costruzione della villa è firmato dall’architetto sanremese Sergio Maiga. In base ai documenti disponibili, risulta che l’atto notarile per la vera e propria vendita dovrà essere sottoscritto entro il 30 marzo 2020 e il Comune di Bordighera, che ha dato il via libera al cambio di destinazione dell’area durante la precedente amministrazione guidata dal sindaco Giacomo Pallanca, incasserà 120 mila euro in oneri di urbanizzazione. L’area in questione non sorge su concessione demaniale, bensì su terreno privato.

Il “Giunchetto” era uno storico ristorante e stabilimento balneare situato da 55 anni in una meravigliosa baia tra Bordighera e Ospedaletti, molto ben frequentata da turisti facoltosi. E pare che sia proprio uno di questi a essersi talmente innamorato dell’area da volerla acquistare, spendendo una consistente cifra tra terreno, struttura e progetto. Per ora resta il mistero sull’identità della milionaria svizzera che diventerà proprietaria di questa villa da sogno, ma è probabile che già dalla prossima estate si aggirerà nei dintorni della “sua” spiaggia.

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: