Federbalneari

Maurelli (Federbalneari): “Niente più passi falsi, è ora di scrivere riforma”

Rimane un tema centrale quello della mappatura delle spiagge, che vedrà giovedì riunirsi la commissione bilancio del Senato per discutere l’emendamento sui balneari presentato al decreto legge coesione. L’obiettivo è quello di individuare il percorso che dovrà essere sostenuto per la riforma delle concessioni. «Sarà una fase emendativa molto importante», dichiara Marco Maurelli, presidente di Federbalneari Italia. «Per noi sarà fondamentale che il governo e la premier, come maggioranza, sostengano il percorso avviato in commissione bilancio per arrivare al processo di riforma atteso dalla categoria. Ora, più che mai, è necessario dare certezza al comparto per non mettere in crisi l’offerta turistica balneare italiana, fornendo indicazioni chiare alle amministrazioni comunali».

«In particolar modo, quando riprenderà la trattativa con la Commissione europea, dovrà essere data forza al lavoro svolto dal tavolo interministeriale sulle mappature, un lavoro significativo e fatto di intesa che ci ha visto per diversi mesi riuniti con 11 ministeri, le regioni, il governo e le associazioni di categoria per individuare una soluzione pratica e per confermare la non scarsità della risorsa», prosegue Maurelli. «Ora è necessario disporre in termini di legge questo decreto soprattutto con un atto motivato, evitando che regioni e comuni continuino questo stillicidio creando un caos che non fa bene al settore, con passi falsi che il sistema non si può permettere».

Conclude il presidente di Federbalneari: «Al momento l’unica linea certa risulta essere la mappatura che certifica la non scarsità di risorsa e quindi la possibilità di negoziare il percorso di tutela e salvaguardia per le attuali concessioni con la Commissione europea. Non resta che focalizzare l’attenzione su una riforma fondamentale per il settore».

© Riproduzione Riservata

Federbalneari Italia

Federbalneari Italia è un'associazione di categoria che riunisce le imprese del turismo balneare italiano.
Seguilo sui social: