Federbalneari Lazio

Mareggiate Lazio, danni per oltre 1 milione di euro a 50 stabilimenti balneari

Le stime di Federbalneari: "Imprese in ginocchio, occorrono sostegni pubblici per ripartire"

Dopo la straordinaria ondata di maltempo che ha colpito il litorale laziale, Federbalneari Litorale Nord ha avviato una prima ricognizione dei danni. «Le aree più colpite – riferisce l’associazione – sono quelle di Civitavecchia e Santa Marinella, dove si contano 50 strutture danneggiate, alcune delle quali distrutte, ma sono decine i danneggiamenti alle strutture di tutta la costa».

«Da una prima e provvisoria stima temiamo che i danni supereranno complessivamente il milione di euro – dichiara il presidente di Federbalneari Litorale Nord, Marco Maurelli – e la situazione è talmente grave che abbiamo chiesto alla Regione Lazio di avviare l’iter per lo stato di calamità naturale. Stiamo inoltre lavorando, di concerto con i nostri associati, per chiedere allo Stato, alle Regioni e ai Comuni la sospensione del pagamento del canone demaniale. Dalle prime verifiche abbiamo calcolato danni che vanno da un minimo di 10 a un massimo di 30 mila euro a struttura: è evidente, quindi, come le imprese balneari siano state messe in ginocchio e abbiamo la necessità del sostegno economico previsto nelle procedure afferenti lo stato di calamità naturale».

«Il maltempo e le conseguenti mareggiate degli ultimi giorni inaspriscono una situazione già difficile in tutto il litorale che non solo non riesce più ad assorbire i fenomeni, seppur straordinari, come quelli dei giorni scorsi, ma necessita urgentemente di un piano di intervento strutturale volto a individuare azioni concrete e avviare serie politiche di contrasto all’erosione che attenuino decisamente questi fenomeni», conclude Maurelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Federbalneari Italia

Federbalneari Italia

Federbalneari Italia è un'associazione di categoria che riunisce le imprese del turismo balneare italiano. Aderisce al sistema Confimprese Italia - Confapi.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *