Friuli Venezia Giulia

Mareggiate Friuli, sostegni anticipati per i balneari

Lo ha deciso la Regione, che ha stanziato 4,5 milioni di euro

La Regione Friuli Venezia Giulia erogherà in via anticipata, fino a un massimo del 50%, i contributi a favore dei concessionari balneari che presenteranno domanda a valere sul bando per il ristoro dei danni causati dalle mareggiate dello scorso ottobre. Lo ha reso noto l’assessore regionale al demanio Sebastiano Callari, in seguito al via libera della giunta a un’apposita delibera che modifica il provvedimento varato a fine gennaio con cui la Regione aveva messo a disposizione 4,5 milioni di euro per coprire fino all’80% dei danni da maltempo subiti dai titolari di concessioni balneari in Friuli Venezia Giulia.

«A seguito di un incontro con i destinatari del provvedimento – ha spiegato Callari – abbiamo deciso di procedere all’inserimento di una modifica del bando, inserendo un nuovo comma. Con esso si prevede che il beneficiario potrà richiedere, in via anticipata, il contributo nella misura massima del 50% dell’ammontare senza presentazione di garanzia fideiussoria, se la somma a lui spettante rientra tra un minimo di 5.000 e massimo di 15.000 euro. Nel caso in cui invece la cifra da erogare superi tale limite, la Regione chiederà al beneficiario la presentazione di una garanzia fideiussoria da parte di una banca, un’assicurazione o degli intermediari finanziari autorizzati, per un importo almeno pari alla somma da erogare, maggiorata degli interessi previsti dalla legge regionale 7/2000. Nel caso in cui la domanda venga presentata da ente pubblico, il contributo potrà essere erogato in via anticipata senza presentazione di garanzie fideiussorie».

Chiarisce ancora l’assessore: «Originariamente, a fine lavori, i beneficiari del contributo avrebbero dovuto presentare il rendiconto della spesa, a fronte del quale la Regione avrebbe emesso la cifra riconosciuta. Tuttavia, dopo l’ascolto delle istanze degli interessati, abbiamo deciso di modificare il provvedimento per superare le difficoltà legate a possibili carenze di liquidità, laddove l’importo dell’intervento sia di una certa entità. Ora che abbiamo provveduto a inserire questa rettifica, il bando è pronto per essere pubblicato nei prossimi giorni».

Il contributo sarà concesso a fondo perduto nei limiti delle risorse disponibili, fino a un massimo dell’80% dei costi ammissibili. Al fine di assicurare la massima inclusività e partecipazione dei soggetti beneficiari, in caso di esaurimento delle risorse, la percentuale di contributo verrà ridotta proporzionalmente in egual misura, affinché tutte le domande ammesse al contributo siano almeno in parte soddisfatte.

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: