Sicilia, storico lido rigenerato per una nuova vita

Il comprensorio di Noto, nell’area catanese siciliana, è il luogo del nuovo studio per il restyling di uno stabilimento balneare curato da Lombardini Beach Design. Si deve a una committenza illuminata la richiesta di proporre il completo rinnovamento di uno tra i primissimi complessi turistici della regione: questa importante occasione ha determinato una particolare attenzione verso lo studio del territorio d’impianto e le caratteristiche del luogo. Non ultimo, si è tenuto conto dell’evento culturale recentissimo di apertura, nello splendido nucleo storico di Noto, del nuovo museo archeologico Mic, volto a consolidare l’aspetto che emerge dirompente anche al più ignaro spettatore di quei materiali, colori, sapori, geometrie e volumi utilizzati.

Innamorati da subito dell’idea, abbiamo pensato di decostruire piuttosto che edificare, rinaturalizzare invece che antropizzare. I più espressivi reperti di Castelluccio rinvenuti nei recenti scavi archeologici, che abbiamo preso come ispirazione, hanno fatto il resto. Ne è nato Ebla – questo il nome dato al modello-tipo di padiglione che racchiude l’anima puntuale dello studio – installato in varie forme geometriche.

Pensando all’architettura come manifestazione di sentire le cose, intento delo studio rigenerativo è emozionare e appartenere al luogo: tutta la marina oggetto della proposta è stata infatti ripensata ed estesa a corona, fino alla porzione verde che come insieme unitario cinge il costruito. Trovano così ora posto, da moderati a estesi, microspazi di un accampamento collettivo, reperto di un sentire nella storia, la necessità moderna del mito dei bagni; riproposto a pacificare territori arcaici, come centralità di scambi mediterranei in una figurazione inversa dove sud e nord si invertono. D’altronde la storia ci insegna come il centro della nostra parte continentale fosse appunto il bacino mediterraneo, affaccio dei popoli che migrando e belligerando hanno generato l’evo antico, quello medio e l’attuale scenario moderno.

Ma partendo dal presupposto che i progetti non andrebbero spiegati, e che dovrebbero essere tali da essere compresi al solo sguardo, poiché in essi sono intrinseche le variabili fin qui descritte, ci limitiamo infine a informare sulla tecnica costruttiva presa in prestito per la futura realizzazione, volendo la bontà del concetto progettuale accontentare l’esigenza della committenza. Gli Ebla sono moduli pensati in costituzione polimerica attraverso la stampa 3D, rivestiti in film stratificati in fibra di vetro e resine, e ancora da texture materiche policrome, frutto di una tendenza costruttiva rappresentata anche nelle geometrie che compongono i moduli, ovvero l’architettura parametrica e non automatizzata, a dimostrare ancora che il senso artigiano è la chiave per figurare quelle diversità intrinseche che appartengono ai popoli, a maggior ragione per i siculi con il loro vissuto cretese, arabo e greco.

I rendering dello studio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividilo!

Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

L'autore

  1. Ventotene perla del Tirreno says:

    Dovete finire di togliere il lavoro a chi c’è la e dare soldi sotto forma di reddito di cittadinanza avete rovinato l’Italia siete candidati a stessa sorte dimettetevi siete ormai poco più di zero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.