Attualità Notizie locali Toscana

Livorno, due stabilimenti si oppongono al libero accesso al mare

I Bagni Pancaldi ed Ex Trotta sono in contenzioso col Comune, che ha imposto l'attraversamento gratuito delle strutture per potersi recare in acqua.

LIVORNO – Gli stabilimenti balneari Pancaldi ed Ex Trotta si trovano in contenzioso al Tar Toscana contro il Comune di Livorno, che ha loro imposto l’attraversamento gratuito dell’impianto. Lo afferma il quotidiano La Nazione in questo articolo, sostenendo che "dal momento del suo insediamento la giunta grillina si è battuta per garantire ai livornesi l’accesso libero al litorale, permettendo di attraversare le blindate strutture degli storici stabilimenti. Ma l’ordinanza n. 3493 del 21 maggio 2015, che prevede l’obbligo per i concessionari di concedere l’attraversamento libero e incondizionato degli impianti, è stata impugnata dalle due note strutture e il Comune si è costituito in giudizio affidando la difesa all’avvocatura civica".

Il libero accesso alla battigia è garantito dalla legge Finanziaria 2007. Ma secondo quanto sostenuto dalle due strutture livornesi, la disposizione non si applica nel loro caso. I Pancaldi (nella foto qui sopra) sono infatti una struttura privata che sorge su una gettata di cemento situata direttamente in mare. La battigia dunque non esiste, poiché dalla piattaforma si accede direttamente all’acqua.

L’ordinanza comunale rimane tuttavia in vigore, e coloro che vogliono fare un tuffo in mare passando dai Bagni Pancaldi per il momento possono farlo senza alcun ostacolo. Ma la parola definitiva tocca al Tribunale amministrativo della Toscana, che dovrà esprimersi su questa vicenda.

La situazione di Livorno, dove gli stabilimenti balneari hanno ampie zone cementificate, rappresenta comunque una situazione molto particolare a livello nazionale.

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: