Norme e sentenze

“L’Imu degli stabilimenti balneari non può essere basato sul canone”: la sentenza

La società Venezia Spiagge, che gestisce due lidi nel capoluogo veneto, vince contro l'Agenzia delle entrate il suo contenzioso per la determinazione della rendita catastale

Per determinare la rendita catastale degli stabilimenti balneari è errato basarsi sul canone di concessione demaniale, in quanto non è equiparabile alle locazioni. Lo afferma una sentenza della Commissione tributaria provinciale di Venezia, che ha visto la società Venezia Spiagge, la partecipata del Comune di Venezia che gestisce le spiagge Blue Moon e San Nicolò al Lido, vincere contro il fisco sulla determinazione della rendita catastale per il calcolo dell’Imu. Venezia Spiagge è stata assistita dallo studio legale e tributario GBA con i commercialisti Marco De Marchis e Guido Gasparini Berlingieri e l’avvocato Massimiliano Leonetti.

La Commissione tributaria provinciale di Venezia, presieduta dal giudice Giuseppe Caracciolo, ha accolto il ricorso della società contribuente contro l’Agenzia delle entrate, annullando l’accertamento sulla determinazione della rendita catastale ai fini del pagamento dell’Imu tra i 25 e i 30 mila euro annuali. L’Agenzie delle entrate aveva desunto la rendita catastale sulla base del canone demaniale che, per lo stabilimento balneare San Nicolò del Lido di Venezia, è di circa 662 mila euro per 6 anni e include la spiaggia, l’arenile e le capanne.

La Commissione tributaria ha accolto le tesi della difesa e stabilito che per determinare la rendita catastale è errato basarsi sul canone di concessione demaniale, in quanto «il canone demaniale non è equiparabile alle locazioni». Infatti, afferma la sentenza, il canone demaniale non è espressione di un libero mercato, bensì è una «determinazione unilaterale dell’amministrazione dello Stato che persegue non solo scopi economici, ma spesso scopi di natura sociale, pertanto non può essere considerato come un indicatore di redditività» ai fini della determinazione della rendita catastale e del conseguente pagamento dell’Imu.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Avatar

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale di riferimento per il settore turistico balneare.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *