Sindacati e associazioni

Le associazioni balneari scrivono a Franceschini: “Urgono misure per la prossima stagione”

Sib, Fiba, Cna Balneari, Oasi e Federbalneari chiedono un incontro al ministro del turismo

Le associazioni di categoria degli imprenditori balneari Sib-Confcommercio, Fiba-Confesercenti, Cna Balneari, Oasi-Confartigianato e Federbalneari hanno inviato una lettera al ministro del turismo Dario Franceschini per chiedere un incontro urgente sulle modalità e le tempistiche di apertura della prossima stagione balneare, in relazione alla “fase due” dell’emergenza coronavirus. La lettera è stata inviata per conoscenza anche ai ministri Roberto Speranza (salute), Paola De Micheli (infrastrutture), Stefano Patualelli (sviluppo economico) e alla sottosegretaria al turismo Lorenza Bonaccorsi.

«Le scriventi organizzazioni rappresentative della balneazione attrezzata italiana, costituita da 30.000 imprese balneari quasi tutte a conduzione familiare con 100.000 addetti diretti e oltre un milione con quelli indiretti, con la presente sono a chiedere un incontro urgente sull’imminente stagione balneare», esordisce la lettera delle cinque associazioni. «Com’è noto il segmento “mare” rappresenta circa un terzo dei 430 milioni di presenze turistiche che annualmente scelgono il nostro paese per la quantità e qualità dei servizi assicurati proprio dalle imprese che rappresentiamo. Si tratta di un pezzo importante non solo dell’economia e della storia del nostro paese ma financo dell’identità dell’Italia e degli italiani».

«Nell’attuale situazione epidemiologica vi è la necessità di chiare indicazioni nazionali affinché le aziende balneari siano messe nelle condizioni di assicurare che, anche quest’anno, l’esercizio della balneazione si svolga in tutta sicurezza sia per i bagnanti che per gli addetti ai lavori», proseguono i presidenti di Sib, Fiba, Cna Balneari, Oasi e Federbalneari. «Senza le stesse è impossibile persino allestire le spiagge che, si ricorda, è un’operazione complessa che richiede diverse settimane e che, quindi, può iniziare solo nel momento in cui vi sono precise indicazioni sulle nuove regole di fruizione dell’arenile e del mare. È pertanto urgente e indispensabile fornire chiare indicazioni agli operatori sulla ormai imminente stagione estiva».

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: