Confimprese demaniali Puglia

“La mareggiata in Puglia è stata un disastro annunciato”

Della Valle (Confimprese demaniali): "Le amministrazioni locali devono iniziare a prevenire"

«La forte mareggiata di martedì ha segnato fortemente il paesaggio costiero della Puglia. Sono scomparse intere spiagge, sistemi dunali, pinete, e sono state cancellate intere baie di sabbia, inginocchiando l’unico settore di sopravvivenza di alcuni Comuni costieri che occupano migliaia di lavoratori». Lo rende noto Mauro Della Valle, presidente di Confimprese Demaniali, in seguito alla violenta mareggiata di martedì scorso che ha colpito molte regioni costiere italiane, fra le quali la Puglia.

«Da circa vent’anni, in qualità di rappresentante di categoria del comparto turistico balneare, cerco in tutti i modi di stimolare ogni amministrazione costiera a intervenire preventivamente alla tutela della costa pugliese», sottolinea Della Valle. «Non mi sono mai ritenuto un “presidente illuminato”, ma ho semplicemente segnalato quello che altre regioni più virtuose della Puglia hanno applicato a difesa della costa attraverso metodi di prevenzione e interventi di comprovato successo».

Denuncia il presidente di Confimprese demaniali: «Questo disastro ambientale ha nomi e cognomi, è complice della debolezza dei Comuni costieri pugliesi fortemente penalizzati da una gigantesca burocrazia, sicuramente più forte della loro volontà di agire. Ritengo che semplificare l’azione amministrativa sulla tutela della costa pugliese, iniziando a concentrare a un ruolo unico d’agire della sola regione Puglia, può servire a intervenire in maniera programmatica a larga scala e non solo quindi emergenziale e catastrofica».

«Al governo Meloni invece, attraverso i nostri parlamentari pugliesi, va l’appello disperato di migliaia di famiglie balneari che non riusciranno a sostenere gli ingenti danni causati dalla forte mareggiata e che tra poco più di un anno, secondo la legge sulla concorrenza voluta dal governo Draghi, saranno chiamate a confrontarsi con potenziali concorrenti», conclude Della Valle.

© Riproduzione Riservata