Attualità Itb Italia Sindacati e associazioni

ITB: ‘Spiagge salve grazie alla Direttiva Concessioni’

La soluzione individuata dall'ufficio tecnico del sindacato è stata illustrata al vicepresidente del parlamento europeo David Sassoli

Svolta storica per la questione Bolkestein relativa al salvataggio delle PMI balneari. Sabato 13 settembre, a San Benedetto del Tronto, il presidente dell’ITB Italia Giuseppe Ricci ha incontrato il vicepresidente del parlamento europeo David Sassoli per discutere in merito alle ultime novità riguardo alla situazione degli imprenditori balneari italiani.

Dopo aver fatto il quadro generale della situazione, senza tralasciare anche un riferimento a quest’ultima travagliata (meteorologicamente ed economicamente) stagione estiva, il presidente Ricci è passato a illustrare l’ultimo documento elaborato dall’ufficio tecnico dell’ITB Italia, nel quale si fa riferimento ai contenuti della direttiva europea 2014/23 (Direttiva Concessioni) che a nostro parere svincola i concessionari demaniali marittimi dalla Direttiva Bolkenstein.

Infatti, come da noi già prospettato diverse settimane fa, ai sensi del Considerando 15 della Direttiva 2014/23/UE, si dovrebbe sancire l’esclusione dal campo di applicazione della direttiva delle concessioni aventi ad oggetto la gestione e lo sfruttamento economico di beni demaniali come ad esempio le spiagge (cosiddette concessioni balneari) e gli aerodromi.

Questo stesso documento era già stato presentato al deputato Ignazio Abrignani, vicepresidente della X Commissione alla Camera, il quale ne aveva tratto spunto per la sua relazione durante la prima Conferenza sul Turismo marittimo, svoltasi a Favignana il 3 settembre scorso (vedi notizia precedente).

Il documento-tecnico-legale verrà presentato pubblicamente in occasione della Fiera SUN di Rimini il 23 ottobre. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Itb Italia

Itb Italia è un'associazione nazionale di imprenditori del turismo balneare.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.